NEWS

Alfa Romeo Tonale: il motivo del ritardo è un altro?

Pubblicato 14 aprile 2021

Emergono nuove indiscrezioni sulla fase finale del progetto 965, ovvero l’Alfa Romeo Tonale, e il relativo spostamento ai primi mesi del 2022.

Alfa Romeo Tonale: il motivo del ritardo è un altro?

LE DATE DI LANCIO - L’Alfa Romeo Tonale è quasi realtà, ma nella fase finale del suo sviluppo arriva una revisione del progetto. Come riporta la pagina Facebook Alfa Romeo Project, normalmente ben informata (presumibilmente da qualcuno all’interno dell’azienda), il ritardo di cui avevamo accennato qui è dovuto ad un contenimento dei costi voluto dai vertici del gruppo Stellantis. La gola profonda svela anche ulteriori dettagli, come la presentazione della Tonale (qui sopra in una foto spia risalente al 2019, qui per saperne di più) che dovrebbe avvenire a settembre 2021, con l’apertura dei preordini a novembre e la consegna dei primi esemplari in allestimento “launch edition” a febbraio 2022. Alla fine dello stesso mese inizieranno le consegne delle versioni di serie con motore termico, il 30 marzo quelle della versione ibrida ricaricabile e il 1 aprile 2022 quelle delle versioni ibride leggere. 

PIANALE MODIFICATO - Novità anche per quel che riguarda l'avvantaggiamento del progetto 965, ovvero l’Alfa Romeo Tonale, dal punto di vista produttivo: la linea di montaggio pilota nello stabilimento di Pomigliano d’Arco sarebbe già completata e i primi muletti dovrebbero essere pronti entro maggio. La Tonale sarà sviluppata sulla versione modificata del pianale Small US Wide utilizzato dalla Compass, opportunamente alleggerito, allargato e irrigidito. Le sospensioni anteriori e posteriori saranno di tipo McPherson. 

I MOTORI - Per quanto riguarda i motori dell'Alfa Romeo Tonale, che sarà lunga circa 450 cm, dobbiamo aspettarci il 4 cilindri turbo a benzina 1.3 T4, in versione con e senza sistema mild hybrid, e lo stesso motore abbinato al sistema ibrido con batterie ricaricabili (derivato da quello della Compass). Inoltre non dovrebbe mancare il 4 cilindri turbodiesel 2.0 Multijet, anche in questo caso con e senza sistema mild hybrid. Secondo le indiscrezioni ci sarà anche un 2.0 T4 a benzina.

IL SISTEMA MULTIMEDIALE - Il sistema multimediale dell'Alfa Romeo Tonale sarebbe infine stato sviluppato con l’ausilio dell’azienda specializzata Harman (di proprietà di Samsung), con cui la FCA aveva siglato un accordo di collaborazione nel 2019.

Alfa Romeo Tonale
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
159
38
45
38
44
VOTO MEDIO
3,7
3.709875
324




Aggiungi un commento
Ritratto di Oxygenerator
14 aprile 2021 - 18:31
@ Andrea98 Non concordo assolutamente. Cosí fosse, non ci sarebbe stata alcuna miglioria sulle automobili, negli ultimi 100 anni. Se all’alfista delle diavolerie elettroniche non frega niente, allora deve anche sapere che invece, a tutti gli altri, ( quelli cioè a cui quelle diavolerie elettroniche piacciono ), quell’auto non avrà possibilità di essere venduta. E quindi ci ritroviamo ancora qui, con alfa, che non vende e fallisce per l’ennesima volta. Ora, si può capire tutto, ma quante volte deve fallire, Alfa, per farvi capire che il vostro concetto è sbagliato ? Che non è vero che se non ha degli optionals, chissenefrega, va bene lo stesso. Non è cosí. Se non vende, non sta in piedi. O gli alfisti sono 100.000.000 nel mondo, e allora ok chissene, ma visto che son quattro gatti, cosí, non è. Un’auto viene costruita per essere venduta, mi pare. Con i chissene, non si va da nessuna parte. Ogni aspetto adesso , in una automobile è essenziale. La concorrenza, non è più la fiat o la lancia o l’autobianchi. La concorrenza è mondiale. Nel mondo, è risaputo, che i moscardini devono fare attenzione agli squali, non il contrario.
Ritratto di rebullo
14 aprile 2021 - 18:50
1
Io sono un collezionista di vinili, dovrei ascoltare la musica solo il sabato e la domenica quando mi posso prendere un paio di ore per mettere su un disco per ascoltare la magia della puntina???
Ritratto di Giuliopedrali
14 aprile 2021 - 16:28
Quando ho iniziato ad "esaltare" le auto cinesi o comunque esotiche 3 anni fa ho iniziato perchè ero convinto che viaggiassero alla velocità della luce come progresso stilistico, qualitativo e tecnologico, ora mi rendo conto che siamo noi (industria italiana) che andiamo in retromarcia ormai.
Ritratto di desmo3
14 aprile 2021 - 17:41
6
Ehm... stavolta le devo purtroppo dar ragione.
Ritratto di -katayama-
14 aprile 2021 - 16:46
Nella pagina FB si dice che il modello di serie sarà all'80% simile al rendering, che è quello che gira ormai da mesi, fatto da Laco Design. Bella quindi. " La riduzione da sostenere è piuttosto elevata!", si dice, con riferimento ai costi del progetto. Per me si tratta di una semplice razionalizzazione degli allestimenti, laddove i signorini/le signorine colorini/tessutini in mille varianti (che l'hanno fatta da padroni con la 500e e adesso a maggior ragione con la menata del "premium") sono stati cazziati. Incasinano, intasano e fanno crescere esponenzialmente i costi di produzone e basta. Pertanto, nessuna diminutio nella sostanza (che del resto era stata deliberata nel piano precedente), ma solo nella fuffa (della quale si fa tanto volentieri a meno). È giusto che sia così. Una volta al massimo c'era il TexAlfa, e via andare. Io metterei fine alla deriva dei cazzari, li sbatterei proprio fuori. Ma quanto (ci) costano nel compesso?
Ritratto di Flynn
14 aprile 2021 - 17:12
Come politica mi piace. Prendere o lasciare, alla giapponese. Dovrebbero inseguire prima la concretezza, poi l’immagine premium.
Ritratto di -katayama-
14 aprile 2021 - 18:56
@Flynn Esattamente.
Ritratto di Oxygenerator
14 aprile 2021 - 17:26
@ katayama Perfetto !! Basta non rompere i maroni se audi, bmw, lexus o mercedes vendono 10 volte di più di questa tonale, per via dei colorini dei tessutini e delle lucette. Basta mettersi d’accordo.
Ritratto di -katayama-
14 aprile 2021 - 19:05
@Oxygenerator Non ho mai messo sullo stesso piano Alfa con la triade o coi brand luxury jap e coreani. Non ha senso. Anzi, mi va di traverso che la si voglia far passare per premium insieme a Lancia e DS (Ines de la Fregnange). Potrebbe essere una macchina "da gara" per famiglia, e non solo, con portiere dalle lamiere a vista e la plancia scatolata con gli strumenti e basta, estremizzando. Lo spirito è sempre stato quello, in linea di principio. Auto come 166, Alfa 6, ecc. non hanno mai venduto. Ci provi Maserati. Della serie: vai avanti tu...
Ritratto di Oxygenerator
14 aprile 2021 - 20:37
@ katayama. Io concordo con lei, ma Stellantis ha piazzato alfa e Lancia, nel premium e Maserati nel luxury. Anch’io vedrei meglio un ritorno alle origini di alfa, cioè, come una versione sportiva di Fiat.
Pagine