NEWS

Alfa Romeo Tonale: prodotta a Pomigliano dalla seconda metà del 2021

Pubblicato 25 febbraio 2020

Lo conferma Pietro Gorlier, responsabile per il mercato europeo della FCA. Investito 1 miliardo per rinnovare la fabbrica.

Alfa Romeo Tonale: prodotta a Pomigliano dalla seconda metà del 2021

DAL 2021 - Svelata a marzo 2019 sotto forma di prototipo (foto qui sopra), la suv compatta Alfa Romeo Tonale è fra le auto più attese della FCA, perché andrà ad inserirsi in una fascia del mercato in grande espansione, la stessa delle rivali Audi Q3, BMW X1 e Volvo XC40. Questo modello entrerà in produzione della seconda metà del 2021 nello stabilimento campano Gianbattista Vico di Pomigliano d’Arco. Lo ha confermato Pietro Gorlier, coo Emea Region della FCA, nel corso di un evento per i 40 anni della Panda, costruita nella stessa fabbrica.

AL VIA LA RISTRUTTURAZIONE - Per adattare l'impianto di Pomigliano d’Arco alla produzione dell’Alfa Romeo Tonale la FCA investirà 1 dei 5 miliardi di euro allocati per rilanciare le sue attività in Italia: i lavori sono partiti dal reparto di verniciatura, ma andranno modificati tutti i reparti. Nelle previsioni della FCA, la produzione dell’Alfa Romeo Tonale e della Fiat Panda sarà in grado di garantire la piena occupazione dei lavoratori a Pomigliano, che non dovranno più ricorrere agli ammortizzatori sociali.

> Alfa Romeo Tonale: le foto spia senza veli

Alfa Romeo Tonale
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
143
35
43
38
41
VOTO MEDIO
3,7
3.67
300




Aggiungi un commento
Ritratto di Oxygenerator
26 febbraio 2020 - 10:52
@ Giulipedrali Io mi ricordo le Alfasud, ed erano onestamente orrende. Piene di difetti. Non ultimo l’auto estinzione causa corrosione della carrozzeria. La prego. Molto meglio una Porsche. Non facciamo paragoni impossibili, che non aiutano Alfa in nessun modo.
Ritratto di Sushiko
26 febbraio 2020 - 11:08
remor evita di parlare della Macan
Ritratto di Oxygenerator
26 febbraio 2020 - 08:44
Flavio8484 Ma é l’utente che spende i suoi soldi e sceglie cosa comprare. Non è l’utente che deve cambiare, ma chi costruisce un oggetto che deve andare incontro, se riesce, alle esigenze del compratore. Questo fino a quando ognuno può scegliere ciò che vuole. Girare la frittata e dire che che sono gli utenti ad essere sbagliati è il principio della fine, di un costruttore.
Ritratto di mika69
26 febbraio 2020 - 09:18
Oxy….Eh già. Poi c'è Subaru che un po' se ne fotte e mette CVT ovunque :-) Ma lì è un discorso a parte.
Ritratto di Flavio8484
26 febbraio 2020 - 09:22
Sarà me x me non è cosi
Ritratto di Oxygenerator
26 febbraio 2020 - 09:50
@ Flavio8484 Ah beh, allora che non si lamentassero e non dicano di non capire. Non si vogliono adattare.
Ritratto di Flavio8484
26 febbraio 2020 - 10:07
@oxy io parlo x me, sia ben chiaro, io al posto del tablet, preferisco una sospensione migliore, non sto mettendo in dubbio l utilità degli adas, ma nel mio caso, ho avuto modo di provare una 5008, affittata x un viaggio di lavoro e ti assicuro che x me è stato uno strazio...cicalino di qua, spia di la, sterzo che corregge la traiettoria di la. In un mondo in cui guidare è sempre piu digitale, ridatemi l analogico:mi diverto di più a guidare quei due cassoni anni 80/90, che custodisco gelosamente in garage. Forse sto solo vivendo un epoca che non sento piu mia, ad oggi non comprerei nessun auto a listino, ma purtroppo ho dovuto farlo, e non sai che goduria girare nel we con quei cassoni anni 80/90!
Ritratto di bellaguida
26 febbraio 2020 - 14:01
Diciamo che è il fondamento del marketing: dare al cliente il prodotto che desidera.
Ritratto di Abacus
26 febbraio 2020 - 19:19
RISPOSTA a Flavio 8484: Sta scritto: "l automobilista odierno che non capisce un tubo di auto". La stressa risposta che fu di Saragat: "Il popolo ha votato male." Circa la sventurata Giulia, rimane pacifico che avesse sedili di pietra, da rifiutare da chiunque non avesse delle colpe da espiare. Di Alfa si riparlerà con altri progettisti più intelligenti.
Ritratto di ELAN
25 febbraio 2020 - 17:29
1
Io spero anche che per farlo non impoveriscano la ciclistica proponendo sospensioni poco raffinate. In un certo senso se la coperta (budget) è troppo corta preferisco (io) che resti scoperta la parte dei gadget e dei rivestimenti piuttosto che quella della meccanica. Ovviamente avere tutto sarebbe l'ideale.
Pagine