NEWS

Alfa Romeo Giulia: emergono nuove indiscrezioni

27 luglio 2012

Costruita negli Usa sulla piattaforma ampiamente modificata C-Wide, si dice che avrà motori appositamente sviluppati, abbinati alla trazione anteriore e integrale. La Giulia si farà però attendere: la vedremo solo agli inizi del 2014.

UN MODELLO IMPORTANTE - Emergono nuove indiscrezioni sulla Giulia, la nuova berlina da dell'Alfa Romeo che andrà a raccogliere il vuoto lasciato dall'uscita di produzione della 159. Un'auto che avrà un ruolo fondamentale per il rilancio del Biscione in Europa e negli Usa e sarà chiamata a fare concorrenza a modelli affermati come Audi A4 e BMW Serie 3. La nuova Giulia si farà però attendere: la vedremo solo nei primi mesi del 2014. Il ritardo di due anni è dovuto alle ripetute bocciature di Marchionne al quale non erano piaciute le prececenti proposte di stile (leggi qui la news). D'altra parte, si dice che questa auto dovrà essere "perfetta" e incarnare lo spirito delle Alfa Romeo del passato, storicamente famose per tre cose: motore, linea e guida.   

PIANO AMBIZIOSO - Primo modello dell'Alfa Romeo ad essere costruito negli Usa (la fabbrica deve essere ancora stabilita), la nuova Giulia sarà fondamentale per raggiungere le 400.000 auto vendute l'anno. Un obiettivo ambizioso, rispetto alle poco più 100.000 del 2011, che il Biscione dovrebbe raggiungere grazie alla gamma modelli piuttosto completa, che coprirà per l'80% tutte le fasce di mercato e alla commercializzazione in paesi in forte espansione come Russia e Cina.

PASSAPORTO AMERICANO - Come trapelato già nei mesi scorsi, la Giulia sarà costruita sulla piattaforma C-wide, derivata da quella della Giulietta, sulla quale nascono anche la Dodge Dart e la derivata Fiat Viaggio. Per la Giulia, però, verrà ulteriormente modificata sia nelle misure (crescono il passo e la larghezza) sia nelle componenti: si dice che al posteriore ci sarà un nuovo schema di sospensioni, e che quelle anteriori saranno riviste. Realizzata con acciai ad alta resistenza e parti in alluminio, la Giulia sarà anche un'auto leggera a tutto vantaggio della guidabilità e dei consumi. Insomma, tutta un'altra storia rispetto alla 159, nata ai tempi del matrimonio della Fiat con la General Motors e nota per un peso troppo elevato rispetto alle concorrenti.

INTEGRALE MEGLIO CHE POSTERIORE - La nuova Alfa Romeo Giulia sarà proposta con la trazione anteriore e, per le versioni più potenti, con le quattro ruote motrici. Al momento la trazione posteriore resterà appannaggio solo di due modelli più sportivi: la coupé 4C e la nuova spider che sarà sviluppata insieme alla Mazda (leggi qui per saperne di più). Per berline come la Giulia, la trazione integrale sarebbe preferibile a quella posteriore per due ragioni: le quattro ruote motrici sono essenziali per vendere negli stati dal clima freddo del Nord America e offrono un minor impegno nella guida di tutti i giorni, soprattutto quando si hanno sotto il cofano motori “cavallati”.

MOTORI AD HOC - Per quanto riguarda i motori, si dice che saranno espressamente sviluppati insieme a quelli della Maserati da una divisione interna del gruppo Fiat. Nella gamma a benzina ci sarà il nuovo 1750 a quattro cilindri turbo a iniezione diretta di benzina (ampiamente rivisto rispetto a quello della Giulietta Quadrifoglio Verde), destinato anche alla 4C, che potrà essere declinato in tre livelli di potenza: 200, 250 e 300 CV. Dalla banca organi della Chrysler sarà preso il recente V6 Pentastar, dotato di sistema MultiAir, con cilindrata compresa tra i 3,2 e 3,6 litri. Ovviamente, per l'Europa non mancheranno i motori con alimentazione a gasolio. Al top della gamma ci sarà il 3.0 V6 della VM, che potrà anche essere ridotto di cilindrata (2.8 e 2.5), affiancato dai quattro cilindri 1.6 e 2.0 Multijet. Ampia, in base ai motori, si annuncia anche la scelta per i cambi: manuale a sei marce, robotizzato a doppia frizione a sette rapporti oppure automatico a 9 rapporti della ZF.

TANTA ELETTRONICA - Come sulle auto più moderne, anche l'Alfa Romeo Giulia farà ampio ricorso all'elettronica. Per quanto riguarda i dispositivi legati alla sicurezza, oltre all'Esp e il controllo di trazione, non mancheranno il regolatore di velocità che rallenta automaticamente fino a fermare l'auto per evitare i tamponamenti, la telecamera per fare manovra, il sistema che avvisa della presenza di veicoli nell'angolo cieco degli specchietti e quello che “legge” i cartelli stradali. Per la guida, invece, sia lo sterzo sia l'acceleratore e le sospensioni potranno essere regolati su diversi “set-up”, in modo da trasformare la Giulia da comoda a “graffiante” berlina. 

Alfa Romeo Giulia
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
1189
209
102
110
197
VOTO MEDIO
4,2
4.15274
1807




Aggiungi un commento
Ritratto di bubu
27 luglio 2012 - 17:38
da premettere che i modelli nati su piattaforma comune riscuoto un certo gradimento(vedi freemont e viaggio), meno quelli semplicemente ricarrozzati( vedi thema e voyager)... detto questo: belle ambizioni, ma l'inizio del 2014 è troppo tardi! ma perchè alle cose arriviamo sempre 10 anni dopo??... insomma, fino al 2014 saranno uscite 20 serie3 e altrettante se non di più audi A4... dobbiamo essere pronti subito.. i progetti e le ambizioni ci sono, ma il tempo è troppo!
Ritratto di mecner
27 luglio 2012 - 17:39
Silenzio..........
Ritratto di IloveDR
27 luglio 2012 - 17:49
4
...non potevi correggere direttamente...io vado a "modifica" e aggiusto gli errori...
Ritratto di mecner
27 luglio 2012 - 18:47
Non conoscevo questo metodo. Già fatto......come vedrai
Ritratto di francesco alfista
27 luglio 2012 - 17:41
sul fronte giulia...motori potenti e sopratutto telaio leggero e sui motori a benzina fatti con maserati ma sono fatti da ferrari...e' una garanzia e sul cambio a nove rapporti sono curioso e chissa che ce sotto alla t.integrale...q4 elettronic o q4 torsen a controllo elettronico o xche' no q4 permanet 4 come la 33..!!
Ritratto di il gas
27 luglio 2012 - 18:01
Ci stanno mettendo troppo tempo, dove sono finiti gli ingegneri ed i progettisti? Lead time biblici, in tempi da filosofia Lean è un assurdo... e poi da alfista pensare che la fanno in USA da persone molto rispettabili e oneste, ma per le quali una Alfa o una Pontiac fa lo stesso, mi fa pensare che all'Alfa hanno tolto l'anima e il brand awareness va a farsi benedire. Non si può produrre o progettare qualsiasi cosa ovunque. Per il resto W Alfa (diceva il Poeta di Nuvolari "Con l' "alfa" rossa fa quello che vuole, dentro al fuoco di cento saette")
Ritratto di Montreal70
27 luglio 2012 - 18:16
Beh, delude la trazione anteriore, ero quasi certo della classica. Entusiasma la vasta articolazione di propulsori e cambi, oltre la premessa della perfezione su ruote. Se davvero manterranno la parola, sarò ben lieto di attendere per questa nuova Alfa, la quale avrà l'arduo compito di portare finalmente il biscione alla ribalta. Linea, rombo, freni e handling da prima della classe. Questi sono gli obiettivi da raggiungere per essere finalmente degna di portare il serpente visconteo sul cofano.
Ritratto di NITRO75
27 luglio 2012 - 18:49
presto così? Non conveniva aspettare almeno fino al 2016 o meglio ancora 2017? BUFFONI!!!!!!!
Ritratto di IloveDR
27 luglio 2012 - 19:51
4
fra sei mesi il Sig. Marchionne in una affollata conferenza stampa dichiarerà che, dato l'intersificarsi della crisi, la nuova "Giulia" non verrà venduta in Italia prima del 2016, il progetto è troppo costoso e si studieranno soluzioni più economiche, come le sospensioni posteriori a ruote indipendenti con balestra trasversale (come la Fiat 128 del 1969)
Ritratto di OrgoglioItaliano
27 luglio 2012 - 20:36
Mi hai tolto le parole di bocca!!Già il 2014 è una data drammaticamente lontana (servono modelli nuovi immediatamente) e cmq non credo che sarà rispettata.Purtroppo ci hanno abituati loro a sti giochetti.Annunciano modelli innovativi,invasione di nuovi mercati,aumento delle vendite dei tre marchi e poi...IL NULLA!!Ti escono la barzelletta della crisi e...adios!!Per carità,la crisi c'è.Ma tutti gli altri costruttori la combattono con nuovi modelli ,mentre a noi poveri appassionati di auto italiane (parlo per me...)ci fanno allungare il collo per vedere un nuovo modello come se fosse la cosa più difficile del mondo!!Mah...
Pagine