NEWS

E in tv la MiTo arriva ultima. Lo scivolone di Annozero

03 dicembre 2010

Una pista resa insidiosa dal nevischio. Uno stravagante duello a tre fra MiTo, Mini e DS3. E una trasmissione televisiva che, giovedì sera, è uscita un po’ dal seminato…

STRATEGIE - Ieri sera, nella trasmissione Annozero, di Rai2, condotta da Michele Santoro, si parlava di crisi globale, cambiamenti sociali, produttività. Temi alti: i campus americani superefficienti e le disastrate università italiane, le rinunce degli operai Chrysler e le richieste dei sindacati italiani. La ricetta di Marchionne per il futuro della Fiat è stata, com’è giusto, passata al microscopio: numeri (anche il compenso dell’amministratore delegato Fiat accanto a quelli dei grandi capi di Volkswagen, BMW e gruppo PSA), tendenze, dati di vendita, prospettive.



UNO STRANO TEST
- Poi, la serata prende una piega diversa. Protagonista diventa la passione. Annozero, con un brusco colpo di sterzo, si avventura sul terreno scivoloso del raffronto tra l’Alfa Romeo e le sue concorrenti. “Con la collaborazione dei nostri amici di TopGear”, dice un giornalista di Annozero, “abbiamo portato in pista la MiTo, una piccola sportiva di cui il gruppo Fiat si vanta molto, mettendola a confronto con una Mini e una Citroën. Ecco com’è andata”. Prima di raccontarvelo, però, va spiegato che sul circuito di Vairano, dove si è svolta la sfida, scendeva un bel nevischio. Pista scivolosa uguale scarsa attendibilità del test? Non fa niente. Pronti, via: la MiTo (di quale versione si tratta? Mistero. Quanti cavalli ha? Mistero fitto. Che pneumatici monta? Chissene…) parte per il suo giro di pista, poi si vede una Citroën DS3 che sgomma, quindi è la volta di una velocissima Mini nera. Ovviamente, neanche di queste due auto sappiamo nulla: i tempi della tv sono rapidi (ma due dati in croce, anzi in sovraimpressione, li potevano anche mettere…) e nessuno ci dice, per esempio, se il tester sia lo stesso per tutte e tre le macchine, o che tempi abbiano spuntato le vetture (anche perché non c’è traccia di un cronometro in azione). Alla fine la bandiera a scacchi incorona la Mini, seconda arriva la Citroën, ultima al traguardo è la MiTo. Tenetevi forte, ma la morale è che, visto il risultato di questa sfida all’ultimo fiocco di neve, Marchionne, l’Alfa Romeo farebbe bene a venderla.



POI SI “CHIARISCE” CHE… -
A quel punto, uno degli ospiti in studio (il senatore Roberto Castelli) pone agli autori del servizio una serie di obiezioni. La bagarre che ne segue chiarisce (si fa per dire) che in effetti la prova non è stata effettuata con le proibitive condizioni meteo mostrate pochi minuti prima, ma su pista asciutta e con lo stesso collaudatore alla guida: "è stata curata da Quattroruote” si afferma con enfasi, come se ciò bastasse a darle una patente di attendibilità assoluta. E perché, allora, attribuirla a TopGear?

GIUDIZIO SOMMARIO - Alcune domande, in conclusione, per i giornalisti di Annozero. Il test “firmato TopGear” era ridicolo, ma poiché non è detto che il grande pubblico lo percepisse come tale, siete sicuri di aver reso un buon servizio a chi lavora seriamente per produrre e vendere quelle automobili (in particolare la MiTo, che usciva penalizzata dal vostro video)? E poi, possibile che per voi la sfida si riduca a verificare quale delle tre vetture sia la più veloce in circuito? Tutte le altre qualità importanti per la valutazione di una vettura come affidabilità, comfort, stabilità, consumi, sicurezza eccetera, non le consideriamo? E infine, ritenete di aver contributo alla sicurezza stradale facendo passare in tv una gara fra tre piccole sportive (proprio quelle auto che, spesso, finiscono in mano ai giovani)?

VIDEO




Aggiungi un commento
Ritratto di Manfred
6 dicembre 2010 - 11:46
Dove andremo a finire....facciamo fare a Mengacci l'arbitro di boxe oppure che so, il ballerino di danza classica a Michael Schumacher nel programma della De Filippi e perché no il pilota di aerei di linea a Francesco Totti. Roba da matti...ormai chiunque è esperto di tutto e di niente e fa cose che non gli concernono...Questo andazzo sarà la nostra rovina...
Ritratto di damiangiu
6 dicembre 2010 - 12:07
io questa la chiamo manipolazione, cosa volevano dimostrare? buffoni...
Ritratto di francesko
6 dicembre 2010 - 12:23
è sempre divertente sentire le farneticazioni dei compagni, essi cercano di inculcare nelle menti malleabili di psicolabili tele - dipendenti la visione distorta delle cose, spacciandola per la verità assoluta. che spasso!
Ritratto di pelle
8 dicembre 2010 - 23:36
Caro Francesko, sono pienamente d'accordo con te! Ho letto che Marchionne ha dato mandato ai legali della Fiat affinchè facciano un'azione legale nei confronti di Annozero ed i soldi della causa che ovviamente sarà vinta (il confronto era falso rispetto alla vera prova di 4ruote del giugno 2010) verranno devoluti in beneficienza....se fosse un Compagno a far causa i soldi li terrebbe per se....della serie quel che è mio è mio e quel che tuo è mio!
Ritratto di francesko
10 dicembre 2010 - 13:31
Grazie Pelle, almeno tu mi dai ragione. E' evidente che questo servizio è una bufala (e non mi riferisco alla mozzarella). La Mi.To è una buonissima macchina . . . se fossi più povero ci farei un pensiero.
Ritratto di pelle
10 dicembre 2010 - 18:41
Scusa Francesko, ma posso sapere un ricco come te che auto ha?
Ritratto di francesko
11 dicembre 2010 - 12:10
Ho una splendida Alfa Romeo Arna L 3 porte immatricolata nel giugno del 1985 con la quale ho percorso 280.000 chilometri. Il motore boxer da 86 cavalli gira che è una meraviglia ed essendo storica non ci pago neanche il bollo! ora sto pensando alla nuova giulietta ma il 1.4 mi pare piccolo ed il 1750 turbo è troppo potente. ci vorrebbe un 1.6! ciao Pelle
Ritratto di metetore
6 dicembre 2010 - 12:42
come ha detto qualcuno il SANTO- ORO, ma che se ne va a quell ........, una televisione pubblica dove paghiamo il canone e il signor ORO- COLATO fa quell che vuole.
Ritratto di albertone198
6 dicembre 2010 - 13:11
stavo vedendo la trasmissione di santoro giovedì sera, che posso dire se non che è stato una porcheria immonda!!! quel giornalista che faceva l'esperto di auto e che richimava castelli sulla sua cultura automobilistica, mi sarebbe piaciuto 2 parole...lasciamo stare. comunque questo fantomatico esperto non si è nemmeno accorto che l'alfa in prova non fosse neanche la quadrifoglio verde, cioè la versione più potente del motore 1.4 e che appunto ha un quadrifoglio sopra le frecce laterali(che quella in prova non ha!!), questo per far capire quanto lui è esperto di auto...non solo l'alfa l'han confrontata alla ds3 e alla mini cooper S che hanno potenze maggiori e cilindrata maggiore, oltre il prezzo. a tutto questo aggiungiamo che un auto non si compra solo dal tempo in pista, altrimenti potrei rispondere a santoro che porsche, bmw, austin martin non si dovrebbero comprare mai dato che la ferrari (sempre fiat)le batte tutte, ma su via!!! comunque tanto per capirci, basta vedere il video che ha realizzato proprio alvolante sulla prova della ds3 e della grande punto evo abarth, dove la abarth ha fatto fare una brutta figura alla francese che viene tanto eloggiata da santoro e compagni. AL GIORNALISTA(NON SO IL NOME) CHE PARLA DI AUTO DICO:"FATTI UNA CULTURA PRIMA DI DIRE CAVOLATE".
Ritratto di simone gervasio
6 dicembre 2010 - 14:26
Commento rimosso per violazione della policy del sito. La redazione.
Pagine