NEWS

E in tv la MiTo arriva ultima. Lo scivolone di Annozero

03 dicembre 2010

Una pista resa insidiosa dal nevischio. Uno stravagante duello a tre fra MiTo, Mini e DS3. E una trasmissione televisiva che, giovedì sera, è uscita un po’ dal seminato…

STRATEGIE - Ieri sera, nella trasmissione Annozero, di Rai2, condotta da Michele Santoro, si parlava di crisi globale, cambiamenti sociali, produttività. Temi alti: i campus americani superefficienti e le disastrate università italiane, le rinunce degli operai Chrysler e le richieste dei sindacati italiani. La ricetta di Marchionne per il futuro della Fiat è stata, com’è giusto, passata al microscopio: numeri (anche il compenso dell’amministratore delegato Fiat accanto a quelli dei grandi capi di Volkswagen, BMW e gruppo PSA), tendenze, dati di vendita, prospettive.



UNO STRANO TEST
- Poi, la serata prende una piega diversa. Protagonista diventa la passione. Annozero, con un brusco colpo di sterzo, si avventura sul terreno scivoloso del raffronto tra l’Alfa Romeo e le sue concorrenti. “Con la collaborazione dei nostri amici di TopGear”, dice un giornalista di Annozero, “abbiamo portato in pista la MiTo, una piccola sportiva di cui il gruppo Fiat si vanta molto, mettendola a confronto con una Mini e una Citroën. Ecco com’è andata”. Prima di raccontarvelo, però, va spiegato che sul circuito di Vairano, dove si è svolta la sfida, scendeva un bel nevischio. Pista scivolosa uguale scarsa attendibilità del test? Non fa niente. Pronti, via: la MiTo (di quale versione si tratta? Mistero. Quanti cavalli ha? Mistero fitto. Che pneumatici monta? Chissene…) parte per il suo giro di pista, poi si vede una Citroën DS3 che sgomma, quindi è la volta di una velocissima Mini nera. Ovviamente, neanche di queste due auto sappiamo nulla: i tempi della tv sono rapidi (ma due dati in croce, anzi in sovraimpressione, li potevano anche mettere…) e nessuno ci dice, per esempio, se il tester sia lo stesso per tutte e tre le macchine, o che tempi abbiano spuntato le vetture (anche perché non c’è traccia di un cronometro in azione). Alla fine la bandiera a scacchi incorona la Mini, seconda arriva la Citroën, ultima al traguardo è la MiTo. Tenetevi forte, ma la morale è che, visto il risultato di questa sfida all’ultimo fiocco di neve, Marchionne, l’Alfa Romeo farebbe bene a venderla.



POI SI “CHIARISCE” CHE… -
A quel punto, uno degli ospiti in studio (il senatore Roberto Castelli) pone agli autori del servizio una serie di obiezioni. La bagarre che ne segue chiarisce (si fa per dire) che in effetti la prova non è stata effettuata con le proibitive condizioni meteo mostrate pochi minuti prima, ma su pista asciutta e con lo stesso collaudatore alla guida: "è stata curata da Quattroruote” si afferma con enfasi, come se ciò bastasse a darle una patente di attendibilità assoluta. E perché, allora, attribuirla a TopGear?

GIUDIZIO SOMMARIO - Alcune domande, in conclusione, per i giornalisti di Annozero. Il test “firmato TopGear” era ridicolo, ma poiché non è detto che il grande pubblico lo percepisse come tale, siete sicuri di aver reso un buon servizio a chi lavora seriamente per produrre e vendere quelle automobili (in particolare la MiTo, che usciva penalizzata dal vostro video)? E poi, possibile che per voi la sfida si riduca a verificare quale delle tre vetture sia la più veloce in circuito? Tutte le altre qualità importanti per la valutazione di una vettura come affidabilità, comfort, stabilità, consumi, sicurezza eccetera, non le consideriamo? E infine, ritenete di aver contributo alla sicurezza stradale facendo passare in tv una gara fra tre piccole sportive (proprio quelle auto che, spesso, finiscono in mano ai giovani)?

VIDEO




Aggiungi un commento
Ritratto di TonyPayne
22 dicembre 2010 - 13:28
2
Sono appena tornato dal concessionario, ho prenotato una MiTo 1.6 jtdm, alla faccia della Min (che senza dubbio meccanimante è superiore)i. Sarà la mia unica auto, pertanto deve essere polivante. Mi ci devo divertire ogni tanto ma soprattutto ci devo andare in vacanza a fare la spesa accompagnare gli amici a cas ecc. ecc. Inoltre con quello che mi è costata mi ci compro giusto un cerchione della Mini Cooper...Mi fa un po' male che sia arrivata dietro Citroen. Il problema dell' ESP non disinseribiile secondo me nasce per la fama di auto poco sicure e che cadono a pezzi di Fiat. Ora le fa pure troppo sicure e pure ci lamentiamo!
Ritratto di marco.78
26 gennaio 2011 - 13:31
il tizio con la barbetta e gli occhiali dovrebbe essere arrestato... inoltre guardate le espressioni facciali che ha...quando è su mini o citroen ha espressioni di stupore ed entusiasmo...mentre quando è su alfa ha una espressione piatta e vuota.... il video è semplicemente patetico...strumentale...forzato.... ma la colpa rimane sempre e cmq di santoro, che accetta di mandare in onda porcherie simili
Ritratto di emilio cappelletto
26 maggio 2011 - 19:05
Annozero ha affermato: La MITO QV 170 CV è una piccola vettura sportiva di cui il gruppo Fiat si vanta molto. L'abbiamo portata in pista assieme ad una Mini Cooper S 184 cv ed una Citroen DS3 156 cv, e abbiamo tenuto conto anche delle prove di 4 Ruote (maggio 2010) sulle stesse vetture. In pista più veloce Mini, e Citroen supera di poco Mito. Ma tutte la altre prove e valutazioni di 4 ruote sono state ignorate completamente. Conclusione di Annozero, basata solo sulla velocità in pista: "LA TECNOLOGIA ALFA ROMEO E' INFERIORE E MARCHIONNE DOVREBBE CONSIDERARE L'OPPORTUNITA' DI VENDERE L'ALFA ROMEO ALLA VOLKSWAGWEN" !! Affermazione bizzarra ed errata, in quanto non ha tenuto conto di tanti altri fattori considerati da 4 ruote a vantaggio della Mito ad es rispetto alla Mini, quali: maggior resistenza alla fatica dei freni, sicurezza al top, migliore abitabilità, un bagagliaio superiore del 75% a quello Mini. Conclusioni 4 Ruote: " SE SI PASSA DALLA PISTA ALLA STRADA,....LA SITUAZIONE SI RIBALTA, FAVORENDO LA MITO. In un'altra pagina web, un'altra notizia: " LA GIULIETTA QV BATTE LA GOLF GTI AL RING " Articolo: "Ambedue davvero efficaci e competitive ma l'italiana mostra un vantaggio di 4 sec rispetto alla Golf GTI in un giro del nurburgring". Ancora: "ecco perchè la Giulietta è superiore: i 235 cv spingono con grande vigore, lo sterzo pronto, i freni potenti e instancabili, il differenziale elettronico Q2....hanno fatto la differenza, rispetto alla Golf Gti. Suggerisco quindi al signor Santoro, se vuole essere coerente con le sue idee, che io non condivido, di organizzare un'altra trasmissione annozero nella quale potrà dire: "LA VOLKSWAGEN GOLF GTI E' UNA PICCOLA SPORTIVA 3 PORTE DI CUI IL GRUPPO VOLKSWAGEN SI VANTA MOLTO !" L'abbiamo perciò confrontata con l'Alfa Romeo Giulietta QV 4 porte sul circuito Nurburgring, nelle stesse condizioni. Risultati: LA GIULIETTA QV E' 'RISULTATA PIU' VELOCE DELLA GOLF GTI DI 4 SEC IN UN GIRO. Di conseguenza, adottando lo stesso ragionamento da lui fatto per la prova Mito-Mini-Citroen, il Signor Santoro dovrebbe organizzare un nuovo annozero nel quale viene dimostrato che la Giulietta QV ha battuto la Golf GTI al Nurburgring ed affermare con la sua solita sicurezza: " IL GRUPPO VOLKSWAGEN, TENENDO CONTO DELLA SCARSA TECNOLOGIA DIMOSTRATA DALLA GOLF GTI IN QUESTA PROVA DI VELOCITA' NEi CONFRONTi CON LA GIULIETTA QV NEL CIRCUITO NURBURGRING, DOVREBBE PRENDERE IN CONSIDERAZIONE L'OPPORTUNITA' DI VENDERE LA VOLKSWAGEN AL GRUPPO FIAT"
Ritratto di emilio cappelletto
27 maggio 2011 - 19:51
Annozero ha affermato: LA MITO E' UNA PICCOLA SPORTIVA DI CUI IL GRUPPO FIAT SI VANTA MOLTO. Abbiamo portato in pista perciò la Mito QV 170 CV, confrontandola con la Mini Cooper S 184 Cv e con la Citroen DS3 156 Cv, e abbiamo considerato anche le prove di 4 ruote (maggio 2010) sulle stesse vetture. In pista la Mini Cooper è la più veloce e la Citroen ha superato di pochissimo la Mito. In 4 ruote le vetture hanno dimostrato tutte e tre ottime caratteristiche complessive, prevalendo l'una o l'altra nelle varie prove e valutazioni di guidabilità, sicurezza, abitabilità, freni, comodità ecc. Annozero ha ignorato tutte le prove e valutazioni, salvo la velocità in pista. Queste le sue conclusioni: "LA TECNOLOGIA ALFA ROMEO E' INFERIORE ALLA ALTRE VETTURE PROVATE E PER QUESTO LA FIAT FAREBBE BENE A VENDERE L'ALFA ROMEO ALLA VOLKSWAGEN !!" Affermazione bizzarra e poco seria, in quanto considerava solo la velocità in pista, ignorando completamente tante altre valutazioni e prove che 4 ruote aveva fatto con molti elementi a favore della Mito, quali la maggior resistenza alla fatica dei freni, le sue dotazioni di sicurezza al top, e rispetto alla Mini, una migliore abitabilità specialmente posteriore, un bagagliaio del 75 % superiore a quello della Mini (che è addirittura inferiore a quello della Panda). Tanto che le conclusioni di 4 Ruote sono state le seguenti: " SE SI PASSA DALLA PISTA ALLA STRADA...LA SITUAZIONE SI RIBALTA, FAVORENDO LA MITO". Ma Annozero ha ignorato tutto ciò nella sua pseudo classifica. In un'altra pag. web, era riportata un'altra notizia: " LA GIULIETTA QV BATTE LA GOLF GTI AL RING " conclusioni del commento di "Al Volanta": ambedue " davvero efficaci e competitive ", ma L'ITALIANA MOSTRA UN VANTAGGIO DI 4 SEC IN UN GIRO SUL CIRCUITO IMPEGNATIVO DEL NURBURGRING". Ecco perchè l'italiana è superiore: i 235 CV spingono sempre con grande vigore, i freni potenti e instancabili, il differenziale elettronico Q2...hanno fatto la differenza" rispetto alla GOLF GTI. E vengo al mio suggerimento, di cui il sig. Santoro mi sarà grato: c'è un ottimo materiale per inserire ,in una nuova trasmissione Annozero, la seguente argomentazione, coerente con le sue idee: " LA VOLKSWAGEN GOLF GTI E' UNA PICCOLA SPORTIVA TRE PORTE, DI CUI IL GRUPPO VOLKSWAGEN SI VANTA MOLTO ! L'abbiamo perciò confrontata con l'ALFA ROMEO GIULIETTA QV 4 porte sul circuito del Nurburgring, provandole nelle medesime condizioni di pista. Il risultato: "LA GIULIETTA QV E' PIU' VELOCE DELLA GOLF GTI DI 4 SEC IN UN GIRO". Di conseguenza, adottando lo stesso ragionamento (che io non condivido) da lui fatto nel confronto Mito-Mini-Citroen, Il Sig. Santoro dovrebbe inserire in questa futura trasmissione la notizia che la GIULIETTA QV ha battuto la GOLF GTI in una prova di velocità nel circuito del Nurburgring ed affermare con la sua solita sicurezza ed enfasi quanto segue: " IL GRUPPO VOLKSWAGEN, TENENDO CONTO DELLA SCARSA TECNOLOGIA DIMOSTRATA DALLA GOLF GTI NEL CONFRONTO CON L'ALFA ROMEO GIULIETTA QV NEL CIRCUITO DEL NURBURGRING, DOVREBBE PRENDERE IN CONSIDERAZIONE L'OPPORTUNITA' DI VENDERE LA VOLKSWAGEN AL GRUPPO FIAT." !!
Ritratto di STEVEBACK
28 maggio 2011 - 09:20
pur rispettando le opiioni di tutti (anche quelle non condivise come questa) vorrei far notare a tutti le cosiddette s***e mentali che si fa questo, ma e' mai possibile che con tutti i contenuti che esprime una trasmissione intelligente arguta e non asservita al potere come "annozero" il Sig. cappellotto stia a far quasi un trattato di fisica dinamica sul servizio della mito? quasi che tutte le trasmissioni di annozo fosssero imperniate su questo... le sue angosce sono queste ? ma per piacere si guardi un po' intorno... -Steveback
Ritratto di emilio cappelletto
30 maggio 2011 - 22:24
Usando l'espressione "vorrei far notare a tutti le cosiddette s***e mentali che si fa questo.....e... le sue angosce sono queste ?" senza portare alcun argomento che spieghi perchè non è d'accordo con le mie argomentazioni ed il mio suggerimento a Santoro, il sig. Steveback si è autodescritto quale tipo di persona sia, per cui non vale nemmeno la pena di rispondergli. PERO' MI INTERESSA INTERLOQUIRE con coloro che, CONTRARIAMENTE A STEVEBACK, sono entrati nel merito del problema. Ricordo alcuni di questi commenti concreti: - (SPRINT 105) " La Mito parte svantaggiata perchè è l'unica che non può disattivare l'ESP, mentre i collaudatori più smaliziati possono..... migliorare i tempi sul giro nelle vetture senza ESP.". Aggiungo io che questa decisione Alfa Romeo è a mio avviso corretta, in quanto su strada queste vetture leggere e potenti diventano ancora più pericolose se si permette ad un guidatore qualsiasi di disinserire l'ESP. Ricordo che una direttiva CE obbliga giustamente l'ESP in tutte le vetture di nuova progettazione dal novembre 2011. - (Massimo Misgaglia): "La prova è di 4 Ruote: peccato che Santoro dica le cose a metà. Infatti la prova (di 4 Ruote) va molto più a fondo....e le pagelle finali sono le seguenti: MITO : 85 / 100 MINI : 83 / 100 Citroen : 82 / 100 Sono curioso di sapere che cosa ne pensano i sindacati per questa pubblicità DIFFAMATORIA. Aggiungo io: Se persone non competenti prendono per vera la valutazione sulla qualità delle auto di annozero, potrebbero verificarsi diminuzioni di vendite e conseguenti > cassa integrazione per gli operai. Quindi le bugie di anno zero avranno conseguenze negatine per la Fiat e per i lavoratori. (FULVIA 72): il test era fazioso e alla fine delle auto non si dice nulla. (FABIETTO 16): " Ti sembrava che il servizio sulla Mito fosse obiettivo? A me sembrava che il servizio puntasse solo a criticare l'Alfa! Per di più annozero.... si permette di fare, sulla tv nazionale, una cosa del genere su una casa automobilistica nazionale a vantaggio di altre straniere....producendo un falso, per di più......ASSURDO !
Ritratto di emilio cappelletto
30 maggio 2011 - 22:24
Usando l'espressione "vorrei far notare a tutti le cosiddette s***e mentali che si fa questo.....e... le sue angosce sono queste ?" senza portare alcun argomento che spieghi perchè non è d'accordo con le mie argomentazioni ed il mio suggerimento a Santoro, il sig. Steveback si è autodescritto quale tipo di persona sia, per cui non vale nemmeno la pena di rispondergli. PERO' MI INTERESSA INTERLOQUIRE con coloro che, CONTRARIAMENTE A STEVEBACK, sono entrati nel merito del problema. Ricordo alcuni di questi commenti concreti: - (SPRINT 105) " La Mito parte svantaggiata perchè è l'unica che non può disattivare l'ESP, mentre i collaudatori più smaliziati possono..... migliorare i tempi sul giro nelle vetture senza ESP.". Aggiungo io che questa decisione Alfa Romeo è a mio avviso corretta, in quanto su strada queste vetture leggere e potenti diventano ancora più pericolose se si permette ad un guidatore qualsiasi di disinserire l'ESP. Ricordo che una direttiva CE obbliga giustamente l'ESP in tutte le vetture di nuova progettazione dal novembre 2011. - (Massimo Misgaglia): "La prova è di 4 Ruote: peccato che Santoro dica le cose a metà. Infatti la prova (di 4 Ruote) va molto più a fondo....e le pagelle finali sono le seguenti: MITO : 85 / 100 MINI : 83 / 100 Citroen : 82 / 100 Sono curioso di sapere che cosa ne pensano i sindacati per questa pubblicità DIFFAMATORIA. Aggiungo io: Se persone non competenti prendono per vera la valutazione sulla qualità delle auto di annozero, potrebbero verificarsi diminuzioni di vendite e conseguenti > cassa integrazione per gli operai. Quindi le bugie di anno zero avranno conseguenze negatine per la Fiat e per i lavoratori. (FULVIA 72): il test era fazioso e alla fine delle auto non si dice nulla. (FABIETTO 16): " Ti sembrava che il servizio sulla Mito fosse obiettivo? A me sembrava che il servizio puntasse solo a criticare l'Alfa! Per di più annozero.... si permette di fare, sulla tv nazionale, una cosa del genere su una casa automobilistica nazionale a vantaggio di altre straniere....producendo un falso, per di più......ASSURDO !
Ritratto di druido83
31 maggio 2011 - 08:14
purtroppo fino a quando ci saranno questi falsi giornalisti a stravolgere le cose secondo il loro umore andremo avanti con questa "italietta".. Strano che nel servizio non si abbia detto che alla guida della Mito ci fosse Berlusconi.. Scherzi a parte,e veramente deplorevole che i soldi di tutti vadano nelle tasche di un uomo così poco competente e obbiettivo come Michele Santoro..La Rai dovrebbe mandarlo un mese in catena di montaggio e poi rifargli fare il servizio.
Ritratto di STEVEBACK
31 maggio 2011 - 12:39
CAPISCO CHE IL QUOZIENTE INTELLETTIVO DI OGNI PERSONA NON POSSA ESSERE LO STESSO, MA QUANTOMENO L'ESIMIO SIG. CAPPELLETTO, CHE DA SOLE DUE MIE ESPRESSIONI PARE ABBIA CAPITO CHE NON VALE NEANCHE LA PENA DI RISPONDERMI, DOVREBBE INTERROGARSI SUL SUO DI Q.I. CHE MI SA DEBBA ESSERE PROPRIO SCARSO POICHE'' PROBABILMENTE E' L'UNICO CHE NON CAPISCE CHE TUTE LE DISQUISIZIONI, ARGOMENTAZIONI E AFFERMAZIONI GONFIATE DI SACCENTISMO TRONFIO DI CUI TUTTO IL SUO INTERVENTO E' INTRISO, PROBABILMENTE SAREBBERO UN PO' PIU' GIUSTIFICATE SE COLORO CHE HANNO EFFETTUATO QUEL SERVIZIO UN PO' DISGRAZIATO FOSSERO ESPONENTI DI UNA TESTATA GIORNALISTICA SPECIALIZZATA IN MOTORI, COLLAUDATORI O QUANTOMENO ESPONENTI AUTOREVOLI DI QUEL GENERE DI SETTORE, MA NON DI UNA TRASMISSIONE CHE SI OCCCUPA DI TUTT'ALTRO GENERE DI COSE E CHE QUEL SERVIZIO LO HA FATTO PIU' CHE ALTRO PER POTERLO INTEGRARE COL VERO MOTIVO CHE ERA IL FUTURO DELL'ALFA E DEI SUOI DIPENDENTI. SI RILASSI CAPPELLETTO!!! (E POI TANTO SCARSO NON E' ...VISTO CHE ALLA FINE HA PURE IMPARATO A SPEDIRE MAIL CORRETTAMENTE!)...SENZA RANCORE O LIVORE ALCUNO. STEVEBACK
Ritratto di emilio cappelletto
30 maggio 2011 - 22:37
Mi scuso per ver inviato involontariamente due messaggi uguali. Probabilmente è sbagliata la mia procedura di premere "anteprima" e poi "salva". Riprovo cliccando solo salva.
Pagine