NEWS

E in tv la MiTo arriva ultima. Lo scivolone di Annozero

03 dicembre 2010

Una pista resa insidiosa dal nevischio. Uno stravagante duello a tre fra MiTo, Mini e DS3. E una trasmissione televisiva che, giovedì sera, è uscita un po’ dal seminato…

STRATEGIE - Ieri sera, nella trasmissione Annozero, di Rai2, condotta da Michele Santoro, si parlava di crisi globale, cambiamenti sociali, produttività. Temi alti: i campus americani superefficienti e le disastrate università italiane, le rinunce degli operai Chrysler e le richieste dei sindacati italiani. La ricetta di Marchionne per il futuro della Fiat è stata, com’è giusto, passata al microscopio: numeri (anche il compenso dell’amministratore delegato Fiat accanto a quelli dei grandi capi di Volkswagen, BMW e gruppo PSA), tendenze, dati di vendita, prospettive.



UNO STRANO TEST
- Poi, la serata prende una piega diversa. Protagonista diventa la passione. Annozero, con un brusco colpo di sterzo, si avventura sul terreno scivoloso del raffronto tra l’Alfa Romeo e le sue concorrenti. “Con la collaborazione dei nostri amici di TopGear”, dice un giornalista di Annozero, “abbiamo portato in pista la MiTo, una piccola sportiva di cui il gruppo Fiat si vanta molto, mettendola a confronto con una Mini e una Citroën. Ecco com’è andata”. Prima di raccontarvelo, però, va spiegato che sul circuito di Vairano, dove si è svolta la sfida, scendeva un bel nevischio. Pista scivolosa uguale scarsa attendibilità del test? Non fa niente. Pronti, via: la MiTo (di quale versione si tratta? Mistero. Quanti cavalli ha? Mistero fitto. Che pneumatici monta? Chissene…) parte per il suo giro di pista, poi si vede una Citroën DS3 che sgomma, quindi è la volta di una velocissima Mini nera. Ovviamente, neanche di queste due auto sappiamo nulla: i tempi della tv sono rapidi (ma due dati in croce, anzi in sovraimpressione, li potevano anche mettere…) e nessuno ci dice, per esempio, se il tester sia lo stesso per tutte e tre le macchine, o che tempi abbiano spuntato le vetture (anche perché non c’è traccia di un cronometro in azione). Alla fine la bandiera a scacchi incorona la Mini, seconda arriva la Citroën, ultima al traguardo è la MiTo. Tenetevi forte, ma la morale è che, visto il risultato di questa sfida all’ultimo fiocco di neve, Marchionne, l’Alfa Romeo farebbe bene a venderla.



POI SI “CHIARISCE” CHE… -
A quel punto, uno degli ospiti in studio (il senatore Roberto Castelli) pone agli autori del servizio una serie di obiezioni. La bagarre che ne segue chiarisce (si fa per dire) che in effetti la prova non è stata effettuata con le proibitive condizioni meteo mostrate pochi minuti prima, ma su pista asciutta e con lo stesso collaudatore alla guida: "è stata curata da Quattroruote” si afferma con enfasi, come se ciò bastasse a darle una patente di attendibilità assoluta. E perché, allora, attribuirla a TopGear?

GIUDIZIO SOMMARIO - Alcune domande, in conclusione, per i giornalisti di Annozero. Il test “firmato TopGear” era ridicolo, ma poiché non è detto che il grande pubblico lo percepisse come tale, siete sicuri di aver reso un buon servizio a chi lavora seriamente per produrre e vendere quelle automobili (in particolare la MiTo, che usciva penalizzata dal vostro video)? E poi, possibile che per voi la sfida si riduca a verificare quale delle tre vetture sia la più veloce in circuito? Tutte le altre qualità importanti per la valutazione di una vettura come affidabilità, comfort, stabilità, consumi, sicurezza eccetera, non le consideriamo? E infine, ritenete di aver contributo alla sicurezza stradale facendo passare in tv una gara fra tre piccole sportive (proprio quelle auto che, spesso, finiscono in mano ai giovani)?

VIDEO


Aggiungi un commento
Ritratto di wesker8719
4 dicembre 2010 - 11:51
cosa avrei detto io? io nn stavo neanche parlando di fiat insicure...stavo solo correggendo quello che avevi detto ...e ricordati che la scirocco è base golf sempre del 2003
Ritratto di follypharma
4 dicembre 2010 - 11:55
2
ho risposto a te ma pensavo fossi il primo postatore.. pardon..errore mio...
Ritratto di wesker8719
4 dicembre 2010 - 10:52
ma li avete visti i video? nel primo dice che il servizio è curato da top gear…lo conoscete il giornale top gear?lo scrivono italiani,piloti e giornalisti ,chiarito il primo punto per il secondo si dice che la prova che la mito sia la “peggiore ” delle tre è data da quattroruote che sulla stessa pista asciutta ha preso i tempi che vengono mostrati !!ma ci vuole tanto a capirlo? e cmq ripeto non è per difendere un servizio ininfluente ai più ma per chiarire la situazione
Ritratto di TheNico
4 dicembre 2010 - 12:23
Io penso che chi critica senza riflettere e senza aver visto l'intera trasmissione non possa ritenersi serio e imparziale: è vero che il video così presentato mostra delle perplessità, vuoi perché non sono stati dichiarati inizialmente i dati, vuoi per la brevità del servizio, ma credo che sia tangibile pensare che la MiTo su pista sia inferiore alle rivali presentate. Se ipotizziamo che le auto siano uscite dal concessionario senza nessuna modifica, si può presupporre che nonostante le capacità motoristiche simili, si abbiano gommatura e taratura delle sospensioni differenti: non è colpa del relatore se l'Alfa monta gomme meno prestazionali o viceversa la casa avversaria pneumatici slick. Il punto che diventa difficile accettare la realtà, ovvero che un marchio italiano come Alfa sia in declino sul piano della sportività (i motori più potenti sono il 1750tb e il 3.2 V6, ottimi ma inferiore rispetto ai rivali storici come BMW). Aggiungo anche la questione dei modelli: la DS3 utilizzata è la 1.6 THP da 156cv (escluderei la Racing), la MiTo 1.4 Turbo 155cv (escluderei il multi-air perché di potenza troppo differente) e per la Mini penso il 1.6 da 184cv (anche se è particolare come scelta...discutibile). Facendo due conti possiamo affermare che la prova è stata presentata malamente e senza dare modo di capire bene la situazione scelta, ma che non è csì criticabile sul piano "etico"; dico questo perché di solito quando si parla di sportività si pensa subito alla pista, e difatti anche questo giornale pubblica test su pista (Lancer EVO - Madza 3 MPS - Renault Megane RS), ma non viene additato come rivista che dò cattivi messaggi. PS. Dichiarare l'inferiorità su pista di una vettura non vuol dire che sia un cesso o che sia da buttare, ma dichiarare solo le prestazioni, e come ha detto qualcuno sopra, magari in città i comportamenti della perdente sono migliori delle rivali (ipotesi, non realtà assoluta).
Ritratto di medo
4 dicembre 2010 - 11:05
.......di santoro (volutamente in minuscolo per esprimere la considerazione per il personaggio)sono tutte una BUFALA, quindi perchè stupirsi tanto per questa......basta semplicemente ignorarla cambiando canale.......meglio guardare Tom e Jerry (questi si che meritano il nome scritto con la Maiuscola)
Ritratto di Peppe
4 dicembre 2010 - 11:17
Concordo che la prova in TV sia stata presentata abbastanza male, ad annozero avranno fatto i loro errori ma la Mito ha perso, c'è poco da fare!!! Secondo me i motori sono il 155 cv per la mito, il 156 per la DS3 (infatti hanno avuto un tempo simile) e la più potente Mini CooperS da 184 cv che ha staccato infatti la Mito di 3 secondi! La DS3 156 cv ha battuto in scatto e consumo persino la più potente Abarth Punto Evo (163 cv) sull'ultimo numero di AlVolante, e praticemnte Punto e Mito sono la stessa auto, quindi c'è poco da stupirsi che la Mito abbia perso anche se fosse stata la q.v da 170 cv!! Ripeto, ad annozero avranno fatto i loro errori ma la Mito ha perso, c'è poco da fare e AlVolante deve SMETTERE DI DIFENDERE COSì ASSIDUAMETE IL GRUPPO FIAT CHE STA FACENDO OGNI GIORNO PIù SCHI*O E STA DIVENTANDO OGNI GIORNO PIù ESTERO!!! Il mensile su cui ho imparato a conoscere il mondo delle auto mi sta deudendo ogno mese di più, sta perdendo la sua obiettività del 2003 (quando ho iniziato a comprarlo!) per essere di parte sempre di più a un gruppo che ormai non rappresenta quasi per niente l'Italia! abbiamo posto una condizione: se nel num di AlVolante di dicembre io e i miei amici vediamo un altra prova della 500/Mito/PuntoEvo/Doblò o una qualunque auto del gruppo Fiat già provata infinite volte, AlVolante perderà per sempre qualche cliente
Ritratto di follypharma
4 dicembre 2010 - 11:52
2
vero che la mito qv e' stat piu lenta delle rivali in un test di QR, pero' ad esempio la abarth sul ring e' stata parecchio piu veloce della citroen in un test fatto da alvolante, oltretutto nel giro della abarth ci sono stati problemi di traffico... La differenza principale quindi tra mito e gp abarth qual'e' ? dici che sono uguali, eppure danno risultati molto differenti... Questo lo chiedo ad alvolante ad esempio: possibile che il solo fatto che la mito non faccia disinserire l'ESP la danneggi cosi' tanto in pista ? la GPabarth l'ESP lo puo' disinserire del tutto ?
Ritratto di Fulvia72
6 dicembre 2010 - 12:04
Se davvero leggi sempre alvolante ti sarai accorto che le critiche alla MiTo non mancano di certo (quella col robotizzato l'hanno massacrata), cosa che, invece, non ho riscontrato su altre testate (le leggo un po' tutte e la spesa mensile non è indifferente). Che poi di prove della MiTo e della 500 ne abbiano pubblicate molte, effettivamente concordo con te. Però, sono anche auto che interessano.
Ritratto di money82
4 dicembre 2010 - 11:40
1
La mito (QV per la precisione) ha già perso questa sfida tempo fa, un test effettuato da 4ruote (pista asciutta) e il risultato dell' alfa è sempre stato lo stesso : ULTIMA. La mini e la citroen avevano per caso le ali e non toccavano terra o erano penalizzate dall' asfalto pure loro? Se al primo posto ci fosse stata l' alfa scommetto che non sarebbe uscito un polverone...ma si sa, qui o si è pro-fiat o si viene etichettati come "esterofili"...obiettività gente!
Ritratto di riccardo_1973
4 dicembre 2010 - 11:55
simile anche nelle prove in pista fatte da Auto nel circuito di Balocco: Mini: 3'07"80, Citroen DS3: 3'08"80, MiToQV 170cv 3'11"90.
Pagine