NEWS

L’Alpine A110S è ancora più sportiva

Pubblicato 14 giugno 2019

La nuova versione S dell'Alpine A110 ha 40 CV in più, un assetto rivisto e dettagli estetici che la distinguono. Arriva a fine 2019.

L’Alpine A110S è ancora più sportiva

PIÙ POTENTE - La Alpine A110 non è certo un’auto “ferma”, come abbiamo scoperto nel nostro primo contatto (qui per saperne di più). Ma la casa francese evidentemente ha sentito il bisogno di realizzarne una versione ancora più potente. Ed ecco dunque la Alpine A110S, che è spinta dallo stesso motore turbocompresso di 1,8 litri della A110, ma con un incremento di potenza di 40 CV per un totale di 292 CV a 6400 giri; aumento di potenza che è stato ottenuto con una maggiore pressione del turbocompressore di 0,4 bar. Abbinato al motore c’è il noto cambio automatico doppia frizione a sette marce. La Alpine A110S passa da 0 a 100 km/h in 4,4 secondi (contro i 4,5 secondi della versione da 252 CV) e tocca una punta massima di 260 km/h.

PIÙ ASSETTATA - L’Alpine A110S può inoltre contare su una specifica configurazione delle sospensioni che restano di tipo passivo: le nuove molle elicoidali sono più rigide del 50%, c'è una barra stabilizzatrice più leggera e rigida e una diversa calibrazione del controllo di stabilità, oltre che pneumatici Michelin Pilot Sport 4 più larghi e con mescola specifica. Anche l’altezza da terra è stata ridotta di 4 mm.

ELEMENTI SPECIFICI - Esteticamente la Alpine A110S si distingue per alcuni dettagli estetici, come  le bandiere sui montanti posteriori in fibra di carbonio (il tetto in carbonio con finitura lucida è un optional e riduce il peso di 1,9 kg) e la scritta Alpine arancione e nera sul retro, le pinze dei freni arancioni e le ruote "GT Race" con finitura scura. Il colore  Gris Tonnerre con finitura opaca, optional e esclusivo della A110S, sottolinea ulteriormente il carattere sportivo della vettura. 

DENTRO LA RICONOSCI - Nell'abitacolo della Alpine A110S i segni distintivi sono le cuciture arancioni, che sostituiscono quelle blu che caratterizzano le altre versioni dell'A110, il rivestimento nero Dinamica per il tetto, le alette parasole, i pannelli delle porte, i sedili della Sabelt (che pesano singolarmente 13,1 kg) ed il volante. Altri dettagli dell’allestimento, includono i pedali e i poggiapiedi in alluminio leggero, gli emblemi in fibra di carbonio e la bandiera arancione, elementi che si abbinano a quelli che si trovano all'esterno della vettura. Per quanto concerne la dotazione standard della Alpine A110S, troviamo il sistema audio Focal, la telemetria Alpine ed i sensori di parcheggio anteriori e posteriori, le pinze freno Brembo e i dischi bi-materiale di 320 mm. Tra gli optional, oltre il tetto in fibra di carbonio, ci sono i cerchi Fuchs forgiati in lega leggera e la finitura in fibra di carbonio per i sedili Sabelt. 

ARRIVA A FINE 2019 - Il prezzo di partenza della A110S è di 68.200 euro e attualmente la vettura è già ordinabile, con le prime consegne che inizieranno prima della fine del 2019.

Alpine A110
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
161
51
23
18
21
VOTO MEDIO
4,1
4.142335
274




Aggiungi un commento
Ritratto di tramsi
26 giugno 2019 - 13:00
@Supermax63: riflessione superflua, a fronte della sequenza, che, evidentemente, non hai letto e/o compreso. Come se al liceo uno se ne uscisse con una "riflessione di carattere generale" sulle tabelline. Peccato che se ne sia già discusso alle elementari.
Ritratto di NeroneLanzi
24 giugno 2019 - 15:17
Non mi risulta di aver mai affermato il contrario Max
Ritratto di ForzaItalia
15 giugno 2019 - 10:31
La gt86 è universalmente giudicata un cancello, si bella da guidare ma totalmente flop a causa delle sue prestazioni scarse... un po come la nuova supra-bmw che non ha niente di toyota e niente di supra.. a sto punto con quei soldi ci si compra l'originale, la z4...
Ritratto di supermax63
15 giugno 2019 - 20:27
Una domanda: Ha guidato la Toyota GT86? Ha guidato la Toyota Supra? Ha guidato la BMW Z4 Solo dopo averle guidate si possono giudicare al netto di altre considerazioni quali il gusto personale, prezzo, costi di gestione ecc.ecc....
Ritratto di tramsi
15 giugno 2019 - 12:00
Da nessuna parte ho letto/ascoltato un confronto diretto tra le 2 vetture. Il progetto ha un ottimo potenziale (mi risulta!) e, proprio per questo, è stata ubiquitariamente criticata la carenza di potenza e, soprattutto, di coppia. Al di là della qualità di guida (eccellente, ma frustrata proprio dalle carenze di cui sopra), a livello puramente prestazionale sta sotto le segmento B sportive.
Ritratto di NeroneLanzi
15 giugno 2019 - 12:16
Gwent era ironico.
Ritratto di tramsi
15 giugno 2019 - 12:23
Affatto: trattasi di un immarcescibile Toyota-Lexus addicted qui ben conosciuto (come altri suoi eccentrici "passatempo"), dalle disamini sempre parziali, faziose nonché infarcite da volute falsità e inesattezze.
Ritratto di NeroneLanzi
15 giugno 2019 - 17:06
Beh, in tal caso sta raggiungendo livelli di autolesionismo. Tranne forse i dodicenni credo si abbia tutti presente che cancello è la Toyobaru :-)
Ritratto di supermax63
24 giugno 2019 - 00:02
Se si riferisce a me ha sbagliato di grosso. A quali eccentrici passatempo si rifersice? Io non sono affatto un immarcescibile Toyota-Lexus addicted nè tantomeno le mie analisi sono parziali, faziose o infarcite di falsità e inesattezza.Molto banalmente ho posseduto una Toyota e tuttora ne possiedo una come pure i miei hanno avuto due Suzuki e tuttora ne hanno una.Quindi conoscendo ed apprezzando la qualità e la filosofia costruttiva Giapponese sono sicuro che il prodotto Giapponese non abbia nulla da invidiare a prodotti pseudo premium più ambiti.Oggettivamente Toyota Lexus è in grado di soddisfare chi cerca l'Ibrido (proposto dal 1997), fuoristrada puro, sportive e lusso.Vero è che spesso l'estetica Giapponese non sempre incontra il gusto dell'automobilista italiano.
Ritratto di tramsi
24 giugno 2019 - 11:57
@supermax63: mi riferivo a Gwent, che qui gli utenti di vecchia data conoscono anche sotto altri nick.
Pagine