NEWS

È un “fulmine” nel misto stretto, ma non così stabile

Pubblicato 23 aprile 2020

Ispirata all’A110 del 1962, la nuova Alpine guizza fra le curve del Nürburgring come un furetto, ma non è così a proprio agio sui curvoni veloci e non ha tanta coppia ai bassi giri.

È un “fulmine” nel misto stretto, ma non così stabile

COME PRIMA, PIÙ DI PRIMA - Inconfondibile nel look, l’Alpine A110 ha quattro fari cerchiati di led distribuiti nell’affusolato frontale che si ispirano nella forma a quelli della progenitrice di sessant’anni fa, come pure la nervatura centrale nel cofano e quelle nelle fiancate. Nella coda spiccano i fanali con luci a “X”, il largo scarico esagonale disposto al centro, e l’estesa griglia di sfogo dell’aria calda del motore. Un po’ moderna e un po’ rétro, dell’antenata degli anni 60 del secolo scorso la coupé francese non eredita solo le forme morbide e aerodinamiche, ma anche (fatte le debite proporzioni) la guida. 

MANEGGEVOLE COME POCHE - Ciò che affascina dell'Alpine A110 è la formidabile agilità, la capacità di guizzare fra i tornanti delle strade di montagna e di percorrere con efficacia traiettorie strettissime. L’Alpine A110 si guida con facilità, ma al Nürburgring (guarda il video qui sotto), dove servono fondamentalmente due cose di cui è, purtroppo, carente (un’elevata stabilità, che trasmetta fiducia nei tratti più veloci e sinuosi, e un motore molto potente) ha brillato solo nei “rampini” dell’Adenauer Forst e al Karussel. Dolce, diretto e preciso, ma leggero, lo sterzo non fa sentire bene l’appoggio delle ruote anteriori quando si spinge a fondo, mentre la coda si scarica e innesca oscillazioni che impongono di ridurre il ritmo (anche perché, quando si arriva al limite, il retrotreno parte di colpo…). 

NON HA IL VIGORE DELLE RIVALI - Per fortuna i freni dell'Alpine A110 sono tenaci e decisi, pur richiedendo un forte carico sul pedale per dare il meglio. Docile e ben sfruttabile, il 1.8 francese manca di coppia nei falsipiani. Si fa sentire bene (anche per la grintosa “voce” allo scarico) dopo i 3000 giri e allunga fino a 6800 cambiando manualmente (o a 6500 in modalità automatica). Precisiamo che (per una serie di motivi tecnici e pratici) il giro documentato con le riprese video non rappresenta quello migliore in assoluto ottenuto con l’Alpine A110 nel corso della nostra trasferta in Germania. Al Nürburgring, infatti, nelle giornate aperte al pubblico risulta sempre più difficile spuntare “tempi puliti”, senza, cioè, essere penalizzati dai sorpassi o dai restringimenti di corsia per l’intervento dei mezzi di soccorso (dovuti agli incidenti che si verificano quasi ogni ora). Per questo ci siamo appoggiati alla società belga “SkyLimitEvents”, che organizza giornate di prove libere aperte soprattutto agli appassionati esperti.

GUARDA ANCHE

> BMW M2: il giro al Nürburgring

> Mercedes A35 AMG: il giro al Nürburgring

> PORSCHE 718 CAYMAN GTS: il giro al Nürburgring

VIDEO
Alpine A110
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
135
45
19
16
16
VOTO MEDIO
4,2
4.155845
231


Aggiungi un commento
Ritratto di daniok
24 aprile 2020 - 12:10
4
Perdonami Pavogear, sulla Nordschleife ho fatto molte gare ed ho corso ovviamente anche a Monza... mi spiace posso garantirti che sono autodromi agli antipodi, non hanno niente in comune, ma proprio niente. Se non certo che sono due piste leggendarie e solo calcarne l'asfalto è già una grandissima emozione. Comunque a prescindere dalla imbarazzante livello di capacità di guida del "pilota" nel video (le recensioni andrebbero fatto appunto con un pilota al volante, non con un giornalista..) credo che davvero la Nordschleife non sia l'ambiente ideale per la A110, ma appena il lockdown finirà ve lo potrò raccontare dal vivo dopo averci fatto un bel po' di giri. Avevo già prenotato un track day l'8 maggio, ma ovviamente è saltato.. ;-(
Ritratto di Pavogear
24 aprile 2020 - 13:25
Purtroppo io non sono mai andato in quelle piste e quindi mi devo basare per forza sulle informazioni che si trovano in giro e su analisi basate un po' sul layout della pista. Comunque grazie dell'informazione, perché pensavo che qualcosa in comune ce l'avessero. Comunque ti auguro anche di trovare una bella giornata di sole e senza troppo traffico quando andrai con la A110
Ritratto di daniok
24 aprile 2020 - 13:34
4
Pavogear, se sei un appassionato della guida alla prima occasione cerca di andare al Ring... vedrai che ne sarai rapito.. per sempre! Se abiti nel nord Italia, anche un turno di pista a Monza è facile da trovare ed anche economico, ma ... occhio ai freni! Ecco sulla Nordschleife la macchina si "consuma" decisamente meno che su qualsiasi altro autodromo.. perché non puoi mai andare al 100%.. troppo pericolosa! Grazie per gli auguri sul bel tempo, ma sappi che al Ring il tempo .. è proprio terribile! Praticamente piove quasi sempre, ma cambia anche molto in fretta e quindi magari la mattina è bagnato, al pomeriggio asciuga ed in serata piove ancora. Il bello, quando piove, è che la pista letteralmente si svuota (parlo del Touristenfahrten) e così si può girare senza mille macchine in mezzo ai c....i ;-)
Ritratto di Pavogear
24 aprile 2020 - 15:34
Essendo studente per ora non ho ancora la possibilità di andare su quelle piste, ma uno dei miei propositi per il futuro è proprio quello di andare a fare qualche giro in quelle magnifiche piste. Per ora sto valutando le agenzie tipo RSE Italia per fare qualche giro in pista ad Adria. Comunque grazie mille di nuovo per i consigli, cercherò di farne tesoro per quando sarà il momento opportuno
Ritratto di daniok
24 aprile 2020 - 16:00
4
Bravo! Adria è un bell'impianto, piccolo, ma ben fatto ;-) Se hai occasione di guidare in pista non te la fare scappare, anche perché prima di buttarsi sulla Nordschleife è caldamente consigliato avere già un po' di esperienza in pista :-o
Ritratto di macduff
26 aprile 2020 - 21:49
Daniok, concordo con te. Per un pilota, per quanto non professionista, e ormai "anziano" vedere le esitazioni e i timori del giornalista alla guida è una tortura. Esistono video di una Alpine Première che sta dietro a un Gt3 sul Nurburg e se la perde solo nei rettilinei. Ma il pilota sapeva guidare, tutto qui.
Ritratto di daniok
26 aprile 2020 - 21:58
4
Oh! macduff .. hai anche tu la A110?? Finalmente! Sì ho visto diversi video di una A110 bianca che scende ben al di sotto degli 8' nel BTG. Quindi tu correvi? Io l'ultima gara l'ho fatta al Ring, la VLN di fine ottobre 2019, e avrei dovuto correre il 28/29 al circuit du VAR, ma ovviamente quest'anno è saltato tutto. Cosa mi dici dalla tua A110.. io ho notato che anche la S si "muove" parecchio.. però tra una curva e l'altra è davvero efficace! Anche l'accelerazione è notevole pur avendo solo 292CV!! La mia poi l'ho pesata in riserva e togliendo il superfluo ed è risultata 1077,5KG!! Tetto in carbono, sedili e cerchi Fuchs non possono aver fatto tutta questa differenza. Evidentemente i 1114Kg dichiarati sono con il pieno!! Invece ti faccio una domanda, ma che tu sappia esiste il modo di attivare nella modalità lap time della telemetria il segnale GPS? Perché sul manuale hai notato che c'è una immagine dove sulla sinistra invece del cronometro analogico c'è il tracciato di una pista, proprio come su sistema di acquisizione tipo AIM per intenderci. Altra domanda ancora, ma tu hai abbassato il sedile? A me l'hanno consegnata con i bulloni a metà, ma è troppo alta! Io vorrei il sedile rasoterra, ma mi hanno detto che per cambiare i bulloni dei sedili e non perdere la garanzia lo devono fare loro in concessionaria.... boh!
Ritratto di macduff
26 aprile 2020 - 22:24
Caro Daniok, grazie della tua risposta e delle domande. Sì correvo, prima, figurati, con le Alfa sptint veloce, egli anni Sessanta, poi Coppa delle Alpi con una Fanalone, e alla fine in classe Gt2 con le Porsche Rs portate a 425 CV. Ho fatto tanti test su pista per una nota rivista di auto. Ho da poco una Légende con scarico e freni della S ma con il Covid sono riuscito a fare appena 1000 km. Sono alto 1,90 ed essendo i sedili della Légende regolabili riesco ad abbassarli al punto di potermi infilare anche il casco. Per quelli della S, se ricordo bene ( l'ho testata su strada) ci sono tre posizioni possibili , una delle quali, ricordo, non era male. Non mi pareva una operazione così complessa spostare i bulloni. Devo dire che su rettilineo leggermente sconnesso e oltre i 180, l'anteriore della Légende (sicuramente meno della S) fa un po' quello che vuole e non ti dico se c'è un po' di vento, al punto che mio figlio (Corvette C6 portata 700 CV da un preparatore di Prato) mi ha suggerito di provare un po' di toe out sulle anteriori. Sulla questione del GPS non saprei per adesso cosa risponderti. MI farebbe piacere fare due chiacchiere con te, ma non saprei come fare senza incasinare la privacy... Ciao.
Ritratto di daniok
27 aprile 2020 - 08:35
4
Porca misera macduff!! Quante "coincidenze"! Pure io ho una C6 Z06 (ma solo con .. 550CV!). Anch'io c'ho fatto appena 1.200km con la A110, che più che altro ha fatto mio figlio ... visto che io il covid l'ho proprio preso e sono comunque confinato a casa ;-( Sì, l'operazione del sedile è assolutamente banale, ma la concessionaria sostiene che, per la garanzia, i bulloni vanno sostituiti con un set nuovo che fornisce come servizio la Renault, appunto in concessionaria .. vabbé, vorrà dire che andrò da loro, basta che mi mettano il sedile più basso possibile! Per le modifiche agli angoli sicuramente margine ce ne sarà, gli assetti di serie sono per tutti i guidatori, anche della domenica! ..e sono sempre migliorabili.. non ti dico com'è cambiata la Corvette dopo un bell'assetto aggressivo!! Sì è proprio necessario che ci mettiamo in contatto. Ma è semplice, guarda questo video fb su una corsa che ho fatto a Dijon l'anno scorso (40 prototipi in griglia!! .. purtroppo ho rotto la distribuzione..) da li è facile contattarmi con Messenger ;-) https://www.facebook.com/bargedaniele/videos/2270800999655614/?t=9
Ritratto di daniok
24 aprile 2020 - 08:57
4
Penso che in ogni caso, anche col traffico presente nel video, si potesse fare... molto meglio ;-)
Pagine