NEWS

È un “fulmine” nel misto stretto, ma non così stabile

Pubblicato 23 aprile 2020

Ispirata all’A110 del 1962, la nuova Alpine guizza fra le curve del Nürburgring come un furetto, ma non è così a proprio agio sui curvoni veloci e non ha tanta coppia ai bassi giri.

È un “fulmine” nel misto stretto, ma non così stabile

COME PRIMA, PIÙ DI PRIMA - Inconfondibile nel look, l’Alpine A110 ha quattro fari cerchiati di led distribuiti nell’affusolato frontale che si ispirano nella forma a quelli della progenitrice di sessant’anni fa, come pure la nervatura centrale nel cofano e quelle nelle fiancate. Nella coda spiccano i fanali con luci a “X”, il largo scarico esagonale disposto al centro, e l’estesa griglia di sfogo dell’aria calda del motore. Un po’ moderna e un po’ rétro, dell’antenata degli anni 60 del secolo scorso la coupé francese non eredita solo le forme morbide e aerodinamiche, ma anche (fatte le debite proporzioni) la guida. 

MANEGGEVOLE COME POCHE - Ciò che affascina dell'Alpine A110 è la formidabile agilità, la capacità di guizzare fra i tornanti delle strade di montagna e di percorrere con efficacia traiettorie strettissime. L’Alpine A110 si guida con facilità, ma al Nürburgring (guarda il video qui sotto), dove servono fondamentalmente due cose di cui è, purtroppo, carente (un’elevata stabilità, che trasmetta fiducia nei tratti più veloci e sinuosi, e un motore molto potente) ha brillato solo nei “rampini” dell’Adenauer Forst e al Karussel. Dolce, diretto e preciso, ma leggero, lo sterzo non fa sentire bene l’appoggio delle ruote anteriori quando si spinge a fondo, mentre la coda si scarica e innesca oscillazioni che impongono di ridurre il ritmo (anche perché, quando si arriva al limite, il retrotreno parte di colpo…). 

NON HA IL VIGORE DELLE RIVALI - Per fortuna i freni dell'Alpine A110 sono tenaci e decisi, pur richiedendo un forte carico sul pedale per dare il meglio. Docile e ben sfruttabile, il 1.8 francese manca di coppia nei falsipiani. Si fa sentire bene (anche per la grintosa “voce” allo scarico) dopo i 3000 giri e allunga fino a 6800 cambiando manualmente (o a 6500 in modalità automatica). Precisiamo che (per una serie di motivi tecnici e pratici) il giro documentato con le riprese video non rappresenta quello migliore in assoluto ottenuto con l’Alpine A110 nel corso della nostra trasferta in Germania. Al Nürburgring, infatti, nelle giornate aperte al pubblico risulta sempre più difficile spuntare “tempi puliti”, senza, cioè, essere penalizzati dai sorpassi o dai restringimenti di corsia per l’intervento dei mezzi di soccorso (dovuti agli incidenti che si verificano quasi ogni ora). Per questo ci siamo appoggiati alla società belga “SkyLimitEvents”, che organizza giornate di prove libere aperte soprattutto agli appassionati esperti.

GUARDA ANCHE

> BMW M2: il giro al Nürburgring

> Mercedes A35 AMG: il giro al Nürburgring

> PORSCHE 718 CAYMAN GTS: il giro al Nürburgring

VIDEO
Alpine A110
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
135
45
19
16
16
VOTO MEDIO
4,2
4.155845
231


Aggiungi un commento
Ritratto di daniok
24 aprile 2020 - 12:41
4
Sudio75, vedo che sei un Cupra addicted ;-) Se non l'hai ancora fatto e sei hai un qualche aggancio nel motorsport cerca di provare la Cupra TCR! Io l'ho fatto ad inizio Marzo a MagnyCours.. non mi piacciono e non ho mai corso con una trazione anteriore, ma queste ultimeTCR, di qualsiasi marca, sono auto veramente efficaci .. mi sono stupito anch'io delle performance e soprattutto della facilità di giuda!! Guarda il video: https://www.facebook.com/bargedaniele/videos/212149009859840/
Ritratto di studio75
26 aprile 2020 - 09:05
5
Grazie del consiglio. Purtroppo gli unici agganci che ho sono due figli piccoli che mi agganciano letteralmente al suolo.
Ritratto di daniok
26 aprile 2020 - 10:25
4
Ma no studio75! Io li facevo salire sul podio i miei figli quando erano piccoli!! Beninteso quando ci riuscivo a salirci, mica sempre! Non mollare la tua passione con la scusa dei figli o peggio ancora per i capricci della loro mamma... te ne pentirai. Puoi continuare a fare entrambe le cose, ci mancherebbe! Ascoltami, non mollare né frenare la tua passione, se ce l'hai ovviamente ;-))
Ritratto di Roberto Castellacci
16 maggio 2020 - 08:26
Ahahahah... una "semplice" Seat Leon Cupra le fà il c.lo!!!!! Bel bidone questa Alpine!!!!!
Ritratto di Claus90
23 aprile 2020 - 21:41
Un auto che mi può piacere ma anche no, sono di quelle auto che non passeranno agli annali come una Lotus Elis o la più pregiata della storia dell'automobilismo alfa 4c o Porsche Cayman .
Ritratto di Pavogear
23 aprile 2020 - 22:09
Che auto stupenda. Potrà essere poco stabile e poco potente, ma ci sono poche auto moderne capaci di attrarmi così tanto. Poi magari la leggera instabilità potrebbe anche essere voluta per ricordare un po' i modelli sportivi a trazione posteriore del passato. Spero che un giorno, lontano ma non troppo, possa essere mia
Ritratto di supermax63
24 aprile 2020 - 00:48
Una bella macchina ma la mamma è ancora più bella
Ritratto di daniok
24 aprile 2020 - 08:53
4
Ciao a tutti, penso che l'estetica di un'auto, nella stragrande maggioranza dei casi, sia troppo soggettiva per poter dare un parere oggettivo. Detto ciò l'anno scorso, dopo aver provato sia su strada che su pista l'A110 e la Elise Cup250, che insieme all'Alfa 4C ritengo sia l'unico trio omogeneo per caratteristiche tecniche ed impostazione meccanica, ho deciso di comprare la A110S. L'ho ricevuta a fine febbraio ed a causa del Covid-19 fin'ora ho giusto finito il rodaggio. Personalmente ritengo che la A110, rispetto alle concorrenti, sia più fruibile, vi si accede senza contorsionismi, ad andatura di trasferimento è silenziosa e persino comoda, nella guida sportiva ed in pista invece spinge decisamente di più rispetto alla Lotus, ed ha una dinamica altrettanto valida, su strada è davvero molto, ma molto efficace. Purtroppo non ho potuto provare l'Alfa e, certo, mi piacerebbe averle tutte e tre un giorno. Sento tante critiche sul fatto che non abbia il cambio manuale né il differenziale autobloccante. Ormai le auto da corsa hanno il cambio elettropneumatico da una vita, tutte le sportive e le supersportive pure, non capisco questa insistenza anacronistica. Il cambio manuale ci sta su auto di 10/15 anni fa, oggi è davvero fuori luogo, soprattutto in presenza di un Getrag rapido e, volendo, veramente "manuale" nella sua gestione in modalità "track" come quello della Alpine. L'autobloccante poi.. ma sull'asciutto con 292CV e 320Nm che autobloccante serve?? Con il 60% del peso (a proposito la mia, in riserva, pesa 1080kg!!) al posteriore e così poca coppia è davvero superfluo. Buona discussione a tutti!
Ritratto di Marcopazzo
24 aprile 2020 - 10:34
Ottimo acquisto, purtoppo, non avendo posto in garage, non posso avere una seconda auto e dunque mi devo accontentare di una 5 posti a trazione anteriore, con un bagagliaio decente. Concordo con le tue opinioni, a parte per il differenziale. Con 60000 euro di vettura nata per divertirsi, un autobloccante o uno slittamento limitato lo potevano mettere, sarebbe stato un aggravio di peso e costo irrisorio a parer mio
Ritratto di daniok
24 aprile 2020 - 10:50
4
Ciao Marco, un buon autobloccante meccanico ha un peso davvero trascurabile, ma tu sei proprio sicuro che con così pochi cavalli ed ancor meno coppia e la maggior parte del peso sul posteriore sia necessario?? Il TC Elettronico di serie sulla A110 fa già il suo lavoro in uscita dai tornantini, ma che sia necessario un autobloccante per sfruttare sovrasterzi di potenza anche no, anche perché tutta questa potenza e coppia purtroppo non c'è... ne avrebbero davvero bisogno auto a trazione anteriore come quella di mia moglie con un TFSI da 220cv e 350Nm .. ma poi te la vedi girare stretto nel parcheggio del supermercato.. non giri proprio! Una curiosità, ma tu che auto hai guidato con l'autobloccante meccanico?
Pagine