NEWS

È un “fulmine” nel misto stretto, ma non così stabile

Pubblicato 23 aprile 2020

Ispirata all’A110 del 1962, la nuova Alpine guizza fra le curve del Nürburgring come un furetto, ma non è così a proprio agio sui curvoni veloci e non ha tanta coppia ai bassi giri.

È un “fulmine” nel misto stretto, ma non così stabile

COME PRIMA, PIÙ DI PRIMA - Inconfondibile nel look, l’Alpine A110 ha quattro fari cerchiati di led distribuiti nell’affusolato frontale che si ispirano nella forma a quelli della progenitrice di sessant’anni fa, come pure la nervatura centrale nel cofano e quelle nelle fiancate. Nella coda spiccano i fanali con luci a “X”, il largo scarico esagonale disposto al centro, e l’estesa griglia di sfogo dell’aria calda del motore. Un po’ moderna e un po’ rétro, dell’antenata degli anni 60 del secolo scorso la coupé francese non eredita solo le forme morbide e aerodinamiche, ma anche (fatte le debite proporzioni) la guida. 

MANEGGEVOLE COME POCHE - Ciò che affascina dell'Alpine A110 è la formidabile agilità, la capacità di guizzare fra i tornanti delle strade di montagna e di percorrere con efficacia traiettorie strettissime. L’Alpine A110 si guida con facilità, ma al Nürburgring (guarda il video qui sotto), dove servono fondamentalmente due cose di cui è, purtroppo, carente (un’elevata stabilità, che trasmetta fiducia nei tratti più veloci e sinuosi, e un motore molto potente) ha brillato solo nei “rampini” dell’Adenauer Forst e al Karussel. Dolce, diretto e preciso, ma leggero, lo sterzo non fa sentire bene l’appoggio delle ruote anteriori quando si spinge a fondo, mentre la coda si scarica e innesca oscillazioni che impongono di ridurre il ritmo (anche perché, quando si arriva al limite, il retrotreno parte di colpo…). 

NON HA IL VIGORE DELLE RIVALI - Per fortuna i freni dell'Alpine A110 sono tenaci e decisi, pur richiedendo un forte carico sul pedale per dare il meglio. Docile e ben sfruttabile, il 1.8 francese manca di coppia nei falsipiani. Si fa sentire bene (anche per la grintosa “voce” allo scarico) dopo i 3000 giri e allunga fino a 6800 cambiando manualmente (o a 6500 in modalità automatica). Precisiamo che (per una serie di motivi tecnici e pratici) il giro documentato con le riprese video non rappresenta quello migliore in assoluto ottenuto con l’Alpine A110 nel corso della nostra trasferta in Germania. Al Nürburgring, infatti, nelle giornate aperte al pubblico risulta sempre più difficile spuntare “tempi puliti”, senza, cioè, essere penalizzati dai sorpassi o dai restringimenti di corsia per l’intervento dei mezzi di soccorso (dovuti agli incidenti che si verificano quasi ogni ora). Per questo ci siamo appoggiati alla società belga “SkyLimitEvents”, che organizza giornate di prove libere aperte soprattutto agli appassionati esperti.

GUARDA ANCHE

> BMW M2: il giro al Nürburgring

> Mercedes A35 AMG: il giro al Nürburgring

> PORSCHE 718 CAYMAN GTS: il giro al Nürburgring

VIDEO
Alpine A110
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
135
45
19
16
16
VOTO MEDIO
4,2
4.155845
231


Aggiungi un commento
Ritratto di Marcopazzo
24 aprile 2020 - 12:58
Ho la Hyundai I30N 275cv che ha un differenziale a slittamento limitato a gestione elettronica che lavora molto bene devo dire. Indubbiamente su asciutto e in condizioni ottimali non è indispensabile, ma correggere gli slittamenti frenando la ruota che slitta non è efficace come un differenziale che riesce a prevenire lo slittamento mandando più coppia verso la ruota con più trazione. Sia chiaro, la tua auto non la discrimino per questo, dico solo che con quello che costa (e li vale) potevano regalarle anche un differenziale ''intelligente''
Ritratto di daniok
24 aprile 2020 - 13:19
4
Marco! Anche la Alpine ha il controllo di trazione elettronico! Ci mancherebbe! Qui si parlava di differenziale autobloccate che è tutta un'altra storia! E poi, come ho scritto, una trazione anteriore già con 200CV ha difficoltà a scaricare la potenza con le ruote sterzate in uscita di curva... ma la Alpine, una tutto dietro, insisto, non ne ha poi così bisogno. Bel mezzo la I30N! Complimenti davvero! Al Nurburgring la Hyundai ha un bellissimo sito e da anni il team ufficiale partecipa alle VLN ed alla 24H. Non ho mai corso in quella categoria, ma in gara sono tremendamente efficaci, te lo garantisco! Stanno davvero emergendo come marchio sportivo, complimenti a loro ed ai clienti che, come te, danno loro fiducia!
Ritratto di Marcopazzo
24 aprile 2020 - 13:54
Appunto, dico che un controllo di trazione, per quanto valido, non sarà mai al livello di un differenziale meccanico a slittamento limitato o autobloccante (o uno dei mille tipi che ci sono), potevano fare uno sforzo in più ecco, su per i tornanti bagnati di una strada di montagna penso che sarebbe stata ancor apiù divertente. Hyundai ci sta mettendo parecchi soldini per migliorare la sua immagine, lo scorso anno a giugno sono stato per 4 giorni loro ospite nelle varie hospitality del Nurburgring per il TCR e la 24 ore. Bellissima esperienza
Ritratto di daniok
24 aprile 2020 - 14:07
4
Wow! Io purtroppo non ho mai corso la 24H, solo VLN, ma ci sono stato nel 2015 (già c'era il WTCC, era il primo anno) ed è stata, come dici tu, una bellissima esperienza. Prima di appendere il casco al chiodo spero di poterci partecipare. Ma tu le hai messe le ruote sulla Nordschleife? Pazzesca eh?
Ritratto di Andre_a
24 aprile 2020 - 11:13
5
Complimenti per l’acquisto! Personalmente ho un debole per la Lotus, ma è un progetto vecchio e se dovessi prenderne una coi miei soldi probabilmente andrei di Alpine pure io. Riguardo al manuale e all’autobloccante hai ragione se consideri solo i tempi in pista, ma ci sono cose che con l’automatico non puoi fare, o ti danno meno soddisfazione. Un esempio è la scalata: quella dell’automatico sarà sempre più veloce, efficace e sicura, ma secondo me imparare il punta-tacco da una soddisfazione che un tasto non può dare. E con questo non voglio dire che il manuale sia meglio, solo che per alcuni è ancora una valida scelta. Da questo punto di vista apprezzo molto Porsche che, pur avendo uno dei migliori automatici in circolazione e nonostante il 90% delle 911 è venduta con questo tipo di cambio, ha proposto il manuale anche nell’ultima generazione della 911.
Ritratto di daniok
24 aprile 2020 - 11:42
4
Ciao Andrea, vado fuori tema, hai una RX-8? Mi piacerebbe comprarne una, per il motore... e per la sua storia sportiva (vittoria alla 24 daytona 2008!!) Tornando al cambio, un punta tacco dai.. ha senso e regala soddisfazione se ben eseguito... su un'auto d'epoca :-D Comunque sono questioni soggettive, a me un'auto moderna piace con un cambio moderno, ho la fortuna di avere diverse auto con il cambio manuale e quindi sull'Alpine non ne sento assolutamente in bisogno ;-)
Ritratto di Andre_a
24 aprile 2020 - 13:25
5
Sul cambio non so... nella guida di tutti i giorni preferisco l’automatico, nella guida “allegra” li apprezzo entrambi, ma in pista mi trovo meglio con il manuale. Ormai mi ci sono abituato, ho fatto due testa-coda con la Serie 3 di mio suocero perché per istinto cercavo il pedale della frizione che non c’era :-) Riguardo alla RX-8 ce l’ho da Natale, quindi anch’io ci ho fatto poco più che il rodaggio. Ne sono soddisfatto, ma è presto per dire se la consiglierei: penso che, se ci si sta attenti, possa essere molto affidabile, ma non posso dirlo per certo. La parte sportiva è promettente, quella da Gt è quella che mi ha sorpreso di più, e il motore a 9000 giri vale da solo il prezzo della macchina. Prima ero solo curioso, ma ora sono diventato un fan del rotativo. Ho notato che molti ne sono interessati, quasi quasi scrivo una recensione un po’ più approfondita.
Ritratto di daniok
24 aprile 2020 - 13:45
4
Che bello Andrea! Se ne riesco a trovare una in buone condizioni non me la farò certo scappare!! Ma è difficile.. Certo, come dicevo un cambio manuale su un'auto che ha quasi vent'anni come la RX-8 ci sta eccome!! Ma tu hai rifatto il motore che scrivi "ci ho fatto poco più che il rodaggio"? L'hai comprata da un privato? Sono davvero interessato, come ho scritto mi piacciono solo le auto con una storia sportiva e la RX-8 ce l'ha eccome!! Ancora complimenti per la scelta... fuori dal coro ;-)
Ritratto di Andre_a
25 aprile 2020 - 01:02
5
Presa da un privato: ottime condizioni estetiche, ma motore “andato”. Alla fine ho speso poco più delle Rx8 marcianti più economiche, ma almeno so che il motore è a posto.
Ritratto di daniok
25 aprile 2020 - 09:27
4
Ma da chi l'hai fatto rifare? Io ho una Mazda CX-7 Turbo benzina e purtroppo sull'assistenza Mazda a Torino ed Asti... lasciamo perdere un disastro!! Poi un motore come quello della RX-8 !!! Ci si sa mettere le mani?? Ma da guidare com'è?? Io non ho mai avuto la possibilità di provarla, ma ho guidato per 15gg la 124 (La Mazda MX5 nuova per intenderci) e mi sono divertito molto, sebbene la potenza (in quel caso 140cv) misera. Conoscevo un paio di ragazzi che l'avevano la RX-8 intorno al 2005/2008 e ne erano entusiasti. Io comunque ci farei pochissimi chilometri, la prenderei con intento collezionistico.
Pagine