NEWS

È un “fulmine” nel misto stretto, ma non così stabile

Pubblicato 23 aprile 2020

Ispirata all’A110 del 1962, la nuova Alpine guizza fra le curve del Nürburgring come un furetto, ma non è così a proprio agio sui curvoni veloci e non ha tanta coppia ai bassi giri.

È un “fulmine” nel misto stretto, ma non così stabile

COME PRIMA, PIÙ DI PRIMA - Inconfondibile nel look, l’Alpine A110 ha quattro fari cerchiati di led distribuiti nell’affusolato frontale che si ispirano nella forma a quelli della progenitrice di sessant’anni fa, come pure la nervatura centrale nel cofano e quelle nelle fiancate. Nella coda spiccano i fanali con luci a “X”, il largo scarico esagonale disposto al centro, e l’estesa griglia di sfogo dell’aria calda del motore. Un po’ moderna e un po’ rétro, dell’antenata degli anni 60 del secolo scorso la coupé francese non eredita solo le forme morbide e aerodinamiche, ma anche (fatte le debite proporzioni) la guida. 

MANEGGEVOLE COME POCHE - Ciò che affascina dell'Alpine A110 è la formidabile agilità, la capacità di guizzare fra i tornanti delle strade di montagna e di percorrere con efficacia traiettorie strettissime. L’Alpine A110 si guida con facilità, ma al Nürburgring (guarda il video qui sotto), dove servono fondamentalmente due cose di cui è, purtroppo, carente (un’elevata stabilità, che trasmetta fiducia nei tratti più veloci e sinuosi, e un motore molto potente) ha brillato solo nei “rampini” dell’Adenauer Forst e al Karussel. Dolce, diretto e preciso, ma leggero, lo sterzo non fa sentire bene l’appoggio delle ruote anteriori quando si spinge a fondo, mentre la coda si scarica e innesca oscillazioni che impongono di ridurre il ritmo (anche perché, quando si arriva al limite, il retrotreno parte di colpo…). 

NON HA IL VIGORE DELLE RIVALI - Per fortuna i freni dell'Alpine A110 sono tenaci e decisi, pur richiedendo un forte carico sul pedale per dare il meglio. Docile e ben sfruttabile, il 1.8 francese manca di coppia nei falsipiani. Si fa sentire bene (anche per la grintosa “voce” allo scarico) dopo i 3000 giri e allunga fino a 6800 cambiando manualmente (o a 6500 in modalità automatica). Precisiamo che (per una serie di motivi tecnici e pratici) il giro documentato con le riprese video non rappresenta quello migliore in assoluto ottenuto con l’Alpine A110 nel corso della nostra trasferta in Germania. Al Nürburgring, infatti, nelle giornate aperte al pubblico risulta sempre più difficile spuntare “tempi puliti”, senza, cioè, essere penalizzati dai sorpassi o dai restringimenti di corsia per l’intervento dei mezzi di soccorso (dovuti agli incidenti che si verificano quasi ogni ora). Per questo ci siamo appoggiati alla società belga “SkyLimitEvents”, che organizza giornate di prove libere aperte soprattutto agli appassionati esperti.

GUARDA ANCHE

> BMW M2: il giro al Nürburgring

> Mercedes A35 AMG: il giro al Nürburgring

> PORSCHE 718 CAYMAN GTS: il giro al Nürburgring

VIDEO
Alpine A110
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
136
45
19
16
16
VOTO MEDIO
4,2
4.159485
232




Aggiungi un commento
Ritratto di daniok
25 aprile 2020 - 17:18
4
Mai dire mai Giulio! Un mio amico ha importato dall'America una Datsun 240Z.. l'ha pagata veramente poco, quindi se hai quale conoscenza una muscle car puoi tentare di importarla, l'importante che è che tu abbia una agenzia di fiducia altrimenti rischi poi di non riuscire ad immatricolarla!!! Sentire ruggire un V8 americano, confermo, è uno sballo!
Ritratto di Giuliopedrali
25 aprile 2020 - 19:38
La maggior parte dei V8 USA non ha un sound più pazzesco di quello dell'auto che avevo, comunque se uno se ne intende ma se ne intende davvero, penso che le sportive degli anni 30 magari italiane o inglesi e le auto di ottone e legno di inizio secolo magari americane siano davvero qualcosa di fenomenale.
Ritratto di tramsi
25 aprile 2020 - 19:55
Cosa sarebbe Pedrali senza le pedralate? Ma il blog ringrazierebbe!
Ritratto di Giuliopedrali
26 aprile 2020 - 09:11
Si infatti sono argomenti a te sconosciuti, il tuo sogno massimo probabilmente sarà una Skoda da 239 cv...
Ritratto di tramsi
26 aprile 2020 - 15:11
… ha scritto quello con la maggiolino base 1.200! La tua ingoranza in temrini di meccanica e dinamica di guida si percepisce dalla macchina scelta. Forma senza sostanza!
Ritratto di Giuliopedrali
26 aprile 2020 - 17:48
Infatti è una VAG... E il top dell'ignoranza sarebbe stato buttare i soldi per prendere il 2000 turbo che consumava di più e ti faceva fare la stessa figura, un boxer anzi 3 li ho avuti davvero.
Ritratto di Rav
24 aprile 2020 - 11:35
3
Ne vedevo spesso una e come linea mi piace tanto. Sulle prestazioni non metto bocca ma il proprietario mi ha detto che ci si diverte parecchio.
Ritratto di tomkranick
24 aprile 2020 - 17:52
Il motore non è caldo
Ritratto di Giulio Menzo
25 aprile 2020 - 17:46
2
A me piace come auto, una delle ultime sportive dure e pure, con pochi optional di sicurezza e un'ottima guidabili e agilità nel misto stretto. Devo dire che è anche piacevole esteticamente
Ritratto di Porsche89
26 aprile 2020 - 20:03
linea originale? a me sembra la copia sputata della porsche cayman
Pagine