NEWS

Ancora troppe le auto con pneumatici non in regola

14 luglio 2016

Il bilancio dell’operazione “Vacanze Sicure” 2016 della Polizia stradale che ha portato a 12 mila controlli sulle strade.

Ancora troppe le auto con pneumatici non in regola

IRREGOLARITÀ DIFFUSE - Su un campione di 10.185 autovetture, tutte controllate sulle strade dalla Polizia, il 6,82% viaggiano con pneumatici “lisci”, cioè con battistrada profondo meno di 1,6 mm (limite minimo previsto dal Codice della strada). La percentuale poi sale se la si limita ai veicoli commerciali (ne sono stati controllati 1.480) tra i quali quelli non in regola sono l’8,5%. E non basta. Oltre a questo tipo di irregolarità, i controlli stradali hanno rilevato che il 6% delle autovetture controllate viaggiavano con gomme non omogenee, vale a dire con diversità di tipo, marca e di misura tra le coperture di uno stesso asse della vettura, cosa non consentita dal Codice. Tutti questi dati evidenziano una tendenza all’aumento di questi comportamenti scorretti e pericolosi. Negli anni passati le percentuali erano tutte inferiori. 

NUMERI PREOCCUPANTI ­ Complessivamente i veicoli colti in condizioni non regolari, per via dei loro pneumatici non conformi sono stati il 16% delle autovetture sottoposte a controllo e il 28% dei furgoni/van. E inesorabilmente il dato si fa ancora più pesante se si considerano anche gli automezzi non in regola con la revisione; in questo caso i mezzi non in regola con le gomme arrivano al 20,3% delle auto e al 32,4% per i veicoli commerciali.

PREVALENTEMENTE AL NORD - Questi dati sono il risultato dei controlli effettuati dalla Polizia Stradale nell’ambito dell’iniziativa “Vacanze Sicure”, svolta dal 15 maggio al 20 giugno, in collaborazione con le associazioni Assogomma e Federpneus, rispettivamente dei produttori e dei rivenditori di pneumatici. Le regioni interessate sono state Piemonte, Valle d’Aosta, Lombardia, Veneto, Toscana e Sicilia Occidentale, per 42 province coinvolte. Le regioni in questione registrano oltre 14 milioni di veicoli immatricolati, pari al 39% del totale nazionale.

DIFFERENZE DA REGIONE A REGIONE - I risultati non sono omogenei per tutte le regioni. Infatti, la quota maggiore di vetture con battistrada delle gomme anteriori meno profondo di 1,6 mm è stata rilevata nella Sicilia Occidentale, con l’8,54%, mentre la percentuale minore è quella del Piemonte e della Toscana, con il 5%. Ancora più impressionante gli esiti dei controlli sui veicoli commerciali: nella Sicilia Occidentale la percentuale di furgoni e autocarri leggeri che viaggiano con pneumatici non all’altezza è del 13,6%; in Valle d’Aosta è stato addirittura 18%. L’uso di gomme non omogenee sulle ruote dello stesso asse è stato registrato sul 7,98% delle auto in Lombardia (nel 2013 la percentuale era del 4,3%).





Aggiungi un commento
Ritratto di Max_69_CNG
14 luglio 2016 - 22:59
Se si hanno le catene a bordo si possono fare a meno delle gomme invernali.
Ritratto di Mattia Bertero
15 luglio 2016 - 12:28
3
X RACING75. Ancora con sta storia dell'inutilità delle gomme invernali... Va bene che con tanta neve sulla strada e con il ghiaccio (quello vero) non fanno niente e servono le catene da neve ma comunque con asfalto viscido e con poca neve (e la temperatura bassa) vanno meglio delle estive ed i test delle testate giornalistiche sull'argomento lo dimostrano. Semmai possiamo dire che in molte zone d'Italia l'obbligo è inutile visto che non si avverano le condizioni climatiche che giustificano l'utilizzo (se non una volta l'anno a dire tanto).
Ritratto di Max_69_CNG
14 luglio 2016 - 22:57
Io sono dell'opinione che per la sicurezza non bisogna risparmiare, i pneumatici hanno il ruolo importantissimo di collegare l'auto alla strada, se sono rovinati si rischia la vita propria e quella delle persone a bordo.
Ritratto di Lo Stregone
15 luglio 2016 - 15:02
Concordo in toto. Questo è un commento sensato. La sicurezza prima di tutto, del mezzo, personale ed altrui.
Ritratto di dragomic
15 luglio 2016 - 10:53
1
Nell'arco di 15 anni si è visto un cambiamento radicale nel settore auto.. quello dei pneumatici. Dettato da chi? da cosa? dalle mode? dalla ricerca dell'estetica a tutti i costi? sta di fatto che ormai il cerchio da 13 è praticamente sparito, mentre prima su utilitarie con motorizzazione base (ad es uno, y10) era la gomma più usata consentendo un prezzo contenuto. ora a parità di prestazione si hanno cerchi minimo da 14 (e già sono ormai da pezzenti) e poi quando sulla 500 1.2 da ben 69 cv devi cambiare le gomme da 15 piangi (gomme assolutamente surdimensionate x l'auto in questione) ora dall'auto media in su il cerchio da 17 è la regola.. ovviamente la spalla della gomma è minimo 45 che con le strade che abbiamo è un purgatorio.. ma sono molto fighe, salvo poi nn avere soldi x cambiarle e andare avanti sulle tele.
Ritratto di fastidio
15 luglio 2016 - 14:20
6
in realtà il prezzo delle gomme scende se queste sono usate da un piu ampio numero di utenti, quindi ormai una misura "classica" da 17 pollici può costare anche meno di una da 16 pollici
Ritratto di Mattia Bertero
15 luglio 2016 - 12:23
3
GOMME. In nome della sicurezza non ci sono limiti di soldi che si possono spendere, le gomme di qualità costano care: pazienza si paga quello. Io mi sono dato la regola di cambiare le gomme ogni 4 anni indipendentemente dalla loro usura, mi metto da parte i soldini e le cambio con marche di qualità (solitamente Michelin).
Ritratto di domi2204
15 luglio 2016 - 15:00
Idem, faccio pochi km, dopo 4 anni le gomme sono da buttare comunque, ho provato vari marchi goodyear, dunlop, continental, pirelli tutte uguali decadono già dal secondo anno, il quarto iniziano ad essere pericolose, adesso ho provato uniroyal, da nuove ottime vedremo nel tempo.
Ritratto di Lo Stregone
15 luglio 2016 - 15:05
Altro commento sensato: la sicurezza è più importante. Se manca, tuttoil resto è in pericolo.
Ritratto di Lo Stregone
15 luglio 2016 - 15:19
Aggiungo una cosa: alcuni si lamentano dei costi che hanno le autovetture e tutto l'accessorio, va bene tutto: gli incentivi, gli sconti, le rottamazioni Ma scusate un momento: qualcuno ci ha mai obbligato ad acquistare una vettura per la ns. vita? Non mi risulta. Siamo noi e solo noi a decidere di volere una vettura per svolgere meglio la ns vita. Ricordiamoci bene che se possediamo una cosa e vogliamo che funzioni come vorremmo sempre, bisogna anche dedicarle delle attenzioni. E' nostra responsabilità gestire queste cose nella maniera migliore possibile, senza lamentarci sempre di questo o di quello.
Pagine