NEWS

Aston Martin: pronta un’offerta per rilevarla?

Pubblicato 06 dicembre 2019

Secondo indiscrezioni, una cordata capitanata dall'uomo d’affari Lawrence Stroll avrebbe pronta un’offerta per rilevare la maggioranza.

Aston Martin: pronta un’offerta per rilevarla?

NUOVA AVVENTURA - Il canadese Lawrence Stroll è un uomo d’affari la cui fortuna supera i 2 miliardi di dollari, accumulata per lo più nel campo della moda: il marchio più noto da lui lanciato è Tommy Hilfiger. Lawrence Stroll è anche un grande appassionato di motori e possiede una delle maggiori collezioni di Ferrari al mondo. Nel 2018 ha rilevato la scuderia di Formula 1 Force India, poi ribattezzata Racing Point, per la quale corre il figlio. Ora sembra che voglia fare un passo ancora più grande nel mondo dei motori: secondo indiscrezioni lanciate dalla stampa inglese sarebbe a capo di una cordata interessata a rilevare la maggioranza delle azioni dell’Aston Martin. Attualmente lo storico costruttore inglese di auto sportive e di lusso è di proprietà del fondo italiano Investindustrial e del kuwaitiano Adeem Investment. Una minima delle azioni è detenuta anche dalla tedesca Daimler. 

AZIONI IN PICCHIATA - L’Aston Martin non sta attraversando un periodo positivo dal punto di vista dei conti: nonostante la gamma composta da nuovi modelli le vendite scendono e i bilanci sono in rosso. Inoltre, ad ottobre 2018 un’azione era valutata 18 sterline, ma il titolo è crollato nel corso dei mesi fino alle 4 sterline di agosto 2019, prima di risalire alle 5,85 sterline di oggi 6 dicembre. Il valore in borsa dell’Aston Martin è precipitato così da 4,3 miliardi a circa di 1 miliardo di sterline. Un valore così basso deve avere fatto gola a Lawrence Stroll e alla sua cordata di investitori, anche perché gli esperti ritengono che il valore della casa inglese possa tornare a crescere dopo il lancio, nel secondo trimestre 2020, della suv Aston Martin DBX (nelle foto), un modello a lungo atteso che potrebbe ribaltare la situazione facendo aumentare le vendite dell’Aston Martin.



Aggiungi un commento
Ritratto di Giuliopedrali
6 dicembre 2019 - 22:23
Forse è venuto così bene pure il SUV perchè non è un brand di VAG o BMW.
Ritratto di tramsi
6 dicembre 2019 - 22:56
Certamente, invece, hai scritto l'ennesima cretinata.
Ritratto di Giuliopedrali
7 dicembre 2019 - 09:28
Si infatti parcheggia questa splendida DBX accanto a quei catafalchi di Cullinan o Bentayaga o ancora peggio la Maybach, veramente da agenzie funebri.
Ritratto di tramsi
7 dicembre 2019 - 13:27
Il topic in questione è un altro, argomento a te sconosciuto, come quello relativo ai posizionamenti di mercato, alle segmentazioni e alla meccanica. L'unica cosa che fai continuamente è esprimerti in merito all'estetica di un modello, il che rappresenta una tua personalissima opinione, per quel che vale, e ti sei già espresso infinite volte sull'argomento. Perseverare ti pone sul medesimo piano dei troll. In effetti, sei diversamente troll.
Ritratto di Giuliopedrali
7 dicembre 2019 - 13:38
Invece sottolineare quanto bella è questa rispetto alla concorrenza non è importante... Visto anche che lo noterebbe chiunque. Ma va a dar via el ....
Ritratto di Giuliopedrali
7 dicembre 2019 - 13:39
Tra l'altro mi sembra che un solo commento su 15 circa riguardi effettivamente il topic...
Ritratto di tramsi
7 dicembre 2019 - 13:47
Ti commenti da solo.
Ritratto di Agl75
7 dicembre 2019 - 08:02
@mino, se vogliono (e devono) pensare al profitto, non possono fare altro che sullo stile e la storia (anche cinematografica) del marchio.
Ritratto di elitropi cristian
7 dicembre 2019 - 08:34
Stroll ha fiutato l affare ! Poi per fare i crash test,utilizzeranno suo figlio che guida in formula 1...
Ritratto di HomerSimpson
9 dicembre 2019 - 07:37
Guida è un parolone, si trascina.
Pagine