NEWS

L’Aston Martin elettrica si avvicina

28 gennaio 2019

Diffuso un filmato che svela l'Aston Martin Rapide E nelle fasi finali dello sviluppo: sarà dotata della tecnologia a 800 Volt.

L’Aston Martin elettrica si avvicina

SVELATA DAL CEO - L’Aston Martin ha come obiettivo quello di commercializzare la sua prima auto elettrica, la Rapide E, entro la fine del 2019. Proprio nei giorni scorsi il Ceo della casa inglese, Andy Palmer, ha mostrato in un video sulla sua pagina Twitter (qui sotto) la versione finale del prototipo di validazione dell'Aston Martin Rapide E, dotato di un nuovo gruppo motore da 800 Volt. Andy Palmer ha definito la tecnologia a 800 volt della batteria come una vera svolta. Nel 2015 la casa inglese ha svelato un prototipo di una Rapide, la coupé sportiva a cinque porte, convertita da endotermica ad auto elettrica. Questo prototipo  è stato sviluppato in collaborazione con la Williams Advanced Engineering, società d'ingegneria appartenente allo stesso gruppo al quale fa capo la scuderia di Formula 1. 

PRESTAZIONI SUPER - Collaborazione che è continuata nel tempo e che ha portato alla recente realizzazione del nuovo motore elettrico che equipaggerà l'Aston Martin Rapide E con una batterie con tecnologia a 800 Volt. La batteria, con una capacità di 65 kWh, utilizza oltre 5.600 celle cilindriche agli ioni di litio in formato 18650 ed alimenta due motori elettrici posteriori che producono una potenza combinata di poco più di 610 CV e 950 Nm di coppia. Nel settembre 2018 la casa automobilistica ha diffuso alcune specifiche delle prestazioni della futura elettrica Rapide E, tra cui una velocità massima di 250 km/h, uno 0-100 km/h inferiore a 4 secondi ed un tempo di 1,5 secondi per passare da 80 a 112 km/h. 

ENTRO FINE 2019 - L'azienda sostiene che il pacco batteria permetterà di raggiungere un'autonomia di oltre 321 km, percorrenza conforme allo standard WLTP. Il sistema a batteria da 800 Volt dovrebbe essere in grado di accettare una velocità di carica di 100 kW o superiore. L’Aston Martin non ha ancora confermato il prezzo della Rapide E, ma si prevede che sarà alto, dato che fino ad ora è stata confermata una produzione limitata a 155 unità con le prime consegne ai clienti previste a fine 2019. La Rapide E potrebbe arrivare sul mercato poco prima della Porsche Taycan, anch’essa equipaggiata con una tecnologia a 800 Volt.

 

 

Aston Martin Rapide
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
89
57
30
8
17
VOTO MEDIO
4,0
3.9602
201


Aggiungi un commento
Ritratto di andrea750
28 gennaio 2019 - 16:43
Scusa ma non ho capito una mazza di quello che scrivi "è ormai un must anche perché è al posto di un V8 o un V12 non del TDI della VW..." che vuol dire.....semmai potrebbe avere un senso sostituire il TDI della VW (quindi il contrario di quello che mi pare di capire scrivi tu)....ma una supercar??? Ma andiamo, ma lasciateci almeno sulle supercar il suono di un bel motore a scoppio.
Ritratto di Giuliopedrali
28 gennaio 2019 - 18:15
Appunto è una cosa inutile teoricamente l'elettrico sulle supercar, tanto sono auto per gente che non ha proprio problemi di soldi e al posto di un fantastico V8, appunto per quello è un must, bisogna far vedere che non si è indietro tecnicamente e si segue semplicemente una moda. A me fanno impazzire le Nio o le Xpeng per dire ma una Aston non è che acquista fascino se elettrica, è che in quella fascia di prezzo diventa irrinunciabile per motivi di concorrenza.
Ritratto di neuro
28 gennaio 2019 - 16:21
ma con una batteria da 65 kwh dove vuole andare?
Ritratto di Gordo88
28 gennaio 2019 - 18:18
Infatti stavo pensando che con una tecnologia a 800v dovrebbe montarne una da almeno 100kwh
Ritratto di Agl75
28 gennaio 2019 - 20:41
Bella splendida meravigliosa. Mi dite dove si ricarica una elettrica pura?
Ritratto di Rav
29 gennaio 2019 - 00:50
3
Non capisco se è un modello nuovo o una variante elettrica (come mi par di capire). Perchè con tutto il rispetto per la Rapide, che è ancora una bella macchina, ma ormai è sul mercato da parecchio e la vedo difficile competere con una Tycan nuova di zecca.
Ritratto di schizzo650
29 gennaio 2019 - 15:19
Che non lo vogliate e ne fate partito preso l'elettrico comunque sarà nel giro di 5 anni alla portata di tutti, poi l'aumento dei carburanti tradizionali già previsto farà il resto, parlare di auto che bruciano idrocarburi e inquinano oggi con il cambiamento climato in corso è da folli dal braccino corto, invece di spendere la mancetta all'apericena, le sigarette, la dieta vegana, una bella auto elettrica, consigliata ai leoni da tastiera che guidano SUV Pickup Sav cag e rott a nafta, cambiate stile di vita e iniziate a pensare ai vostri figli
Ritratto di andrea750
29 gennaio 2019 - 16:38
L'elettrico sarà tra 5 anni alla portata di tutti? Ammettiamo che sia vero; considerando che però oggi nel 2019, così come ieri e credo domani, nell'andare al lavoro non ho incontrato nemmeno UNA auto elettrica, né visto UNA singola stazione di ricarica mi chiedo quando partirà questo cambiamento epocale se tra cinque anni TUTTI viaggeremo con l'elettrica.
Ritratto di DavideK
29 gennaio 2019 - 18:03
La follia è la nuova economia pianificata nel nome di un riscaldamento climatico che non sta affatto seguendo le previsioni dei modelli degli pseudoesperti. Ma i nodi verranno al pettine, anzi stanno venendo al pettine. Mentre sfornano auto elettriche, preparatevi a medesimi vincoli e tasse su ogni genere di cibo, costruzione, spostamento. Su ogni attività umana. Benvenuti nel nuovo regime di Ceausescu. A quel punto magari vi metterete a studiare la questione, e capire quanto il castello sia ridicolo. Se non sarà troppo tardi.
Pagine