NEWS

Audi A6: pronta alla sfida

03 gennaio 2018

Nel 2018 la nuova generazione dell’Audi A6 sarà più leggera e avanzata tecnicamente per sfidare ad armi pari Serie 5 e Classe E.

Audi A6: pronta alla sfida

IL TETTO È PIÙ FILANTE - Le novità viste sull’ammiraglia A8 saranno riprese dalla sorella minore Audi A6, in arrivo nel 2018 con un look rinnovato e una base costruttiva alleggerita: la nuova generazione della berlina a quattro porte tedesca, stando alle anticipazioni, dovrebbe pesare circa 100 kg in meno di quella odierna e diventare così più agile ed efficiente in termini di consumi. Il nuovo modello si conformerà al nuovo corso stilistico dell’Audi per quel che riguarda le berline, seguendo la strada delle recenti A8 e A7 Sportback, e resterà lungo circa 495 cm, in linea con le rivali BMW Serie 5 e Mercedes E, ma avrà una sagoma più filante grazie alla linea allungata del tetto. La nostra ricostruzione grafica (qui sopra) mostra una carrozzeria levigata e con pochi “fronzoli”, dove i principali cambiamenti saranno la linea del padiglione e la mascherina, più larga e ribassata. Non mancherà la versione Avant con carrozzeria station wagon.

IBRIDO LEGGERO - L’Audi A6 del 2018 adotta la piattaforma introdotta sull’ultima A4 e destinata a tutte le automobili del gruppo Volkswagen con motore anteriore longitudinale e trazione a due o quattro ruote motrici: si chiama MLB Evo ed è stata progettata fin dall’origine nell’ottica di un generale contenimento delle emissioni, obiettivo a cui concorre anche la presenza di un impianto elettrico supplementare a 48 volt, in grado di alimentare un piccolo motore elettrico e far diminuire i consumi di carburante. Si otterrà quindi un sistema ibrido più leggero ed efficiente, come quello visto sull'Audi Q7. La A6 2018 riprenderà dalla A8 anche le tecnologie di bordo, in particolare quelle di assistenza alla guida, a partire dal sistema di guida assistita che controlla l’auto nel traffico in autostrada a velocità non troppo sostenuta.





Aggiungi un commento
Ritratto di bridge
3 gennaio 2018 - 21:43
1
*impostazione non importazione.
Ritratto di XANDER1966
5 gennaio 2018 - 15:07
1
Bellissima anche con questa livrea.
Ritratto di XANDER1966
5 gennaio 2018 - 15:20
1
Ho letto i commenti sulla tenuta di strada, ho sempre guidato trazioni anteriori ed integrali e quando ha nevicato ho sempre ringraziato il cielo di non avere auto a trazione posteriore che vedevo regolarmente bloccare il traffico per improvvise perdite di aderenza al posteriore. Magari non saranno stati capaci i conducenti ma la trazione anteriore, anche in condizioni di minore aderenza dovute al ghiaccio o alla pioggerellina sottile dopo tante giornate di asciutto (molto più pericolosa della pioggia incipiente), è sicuramente superiore come sicurezza.
Ritratto di XANDER1966
5 gennaio 2018 - 15:21
1
e per quanto riguarda il comfort di marcia non credo che una auto come la A6 sia inferiore a BMW serie 5 o Mercedes classe E.
Ritratto di FXB-88
5 gennaio 2018 - 21:19
Chi critica le audi è perché non ci è mai salito sopra
Ritratto di tramsi
7 gennaio 2018 - 22:29
Oppure perché ha una BMW o una Mercedes e non vuole una tutt'avanti col motore a sbalzo. Oppure non può permettersi nessuna delle 3 ma è competente in materia di automotive esattamente come non occorre possedere la Gioconda per essere esperti d'arte.
Ritratto di Bull 1000
8 gennaio 2018 - 12:22
Leggo che secondo alcuni, trattandosi di paciose berline da viaggio, la disposizione meccanica sarebbe del tutto irrilevante, su Classe E, Serie 5 e A6. Non è così. L'unico motivo per il quale in Audi insistono sul motore longitudinale a sbalzo, è per ricavare a costo zero le versioni a trazione anteriore (che ci sono: certo non possono reggere più di tanti cavalli, stante che altrimenti ti si strappa il volante dalle mani se acceleri in curva). Avendo un motore così avanzato, se si vuole dare reattività alla vettura si devono impiegare pneumatici più performanti, oppure sospensioni anteriori più rigide, che influiscono negativamente sul comfort di marcia. E quello si che è importante su vetture di questa classe. Se un'auto nasce "bene", dal punto di vista della distribuzione dei pesi, tutto si riesce a conciliare meglio. Chiedetevi perchè BMW e Mercedes, che pure montano motori longitudinali, non li mettono nello stesso punto in cui lo mette Audi. Cosa gli costerebbe? E perchè non lo fanno? Ecco, studiatevi cos'è il momento polare d'inerzia, poi ne riparliamo.
Ritratto di tramsi
8 gennaio 2018 - 19:52
Esatto! Ma per il grande pubblico questa è, a tutti gli effetti, una concorrente premium di segmento E, quindi, ridicolmente, ne ripropone anche il prezzo. Già E-klasse e 5er sono carissime...
Ritratto di Bull 1000
8 gennaio 2018 - 12:22
Leggo che secondo alcuni, trattandosi di paciose berline da viaggio, la disposizione meccanica sarebbe del tutto irrilevante, su Classe E, Serie 5 e A6. Non è così. L'unico motivo per il quale in Audi insistono sul motore longitudinale a sbalzo, è per ricavare a costo zero le versioni a trazione anteriore (che ci sono: certo non possono reggere più di tanti cavalli, stante che altrimenti ti si strappa il volante dalle mani se acceleri in curva). Avendo un motore così avanzato, se si vuole dare reattività alla vettura si devono impiegare pneumatici più performanti, oppure sospensioni anteriori più rigide, che influiscono negativamente sul comfort di marcia. E quello si che è importante su vetture di questa classe. Se un'auto nasce "bene", dal punto di vista della distribuzione dei pesi, tutto si riesce a conciliare meglio. Chiedetevi perchè BMW e Mercedes, che pure montano motori longitudinali, non li mettono nello stesso punto in cui lo mette Audi. Cosa gli costerebbe? E perchè non lo fanno? Ecco, studiatevi cos'è il momento polare d'inerzia, poi ne riparliamo.
Pagine