Audi: arrivano quattro ibride plug-in

06 marzo 2019

Le A6, A7 Sportback, A8 e Q5 debuttano in versione TFSI e, con un motore elettrico a sostegno del benzina.

Audi: arrivano quattro ibride plug-in

RICARICHE SVELTE - L’Audi segue l’esempio di altre case automobilistiche e presenta in anteprima qui al Salone di Ginevra ben quattro modelli della sua attuale gamma in versione ibrida plug-in, dove le batterie che alimentano il motore elettrico si ricaricano più velocemente dalla presa elettrica: un “pieno” di corrente per le pile agli ioni di litio da 14,1 kWh viene portato a termine in massimo 5 ore. Al pari di tutte le ibride è presente anche la ricarica delle batterie nelle decelerazioni: se i rallentamenti sono inferiori a 0,4 g, i più frequenti nel traffico, il motogeneratore recupera una parte dell’energia e alimenta le pile, montate sotto il pavimento del bagagliaio. Per i rallentamenti più “decisi” va premuto il pedale del freno. Le batterie mettono in funzione un motore elettrico integrato nella scatola del cambio automatico, che fa viaggiare le Audi a zero emissioni per un massimo di 40 km e aiuta quello a benzina nelle ripartenze.

TRE POTENZE E DUE TRASMISSIONI - Il sistema ibrido è disponibile per le Audi A6 e A6 Avant, A7 Sportback, A8 e Q5, che però adottano versioni differenti del sistema ibrido. L’Audi A8 60 TFSI e è dotata del motore a benzina 6 cilindri 3.0 TFSI, che insieme al motore elettrico sviluppa una potenza complessiva di 449 CV; in questo caso il cambio automatico è il Tiptronic a 8 rapporti nella versione con il motore elettrico integrato. Le Audi A6, A7 Sportback e Q5 sono disponibili con due powertrain: le versioni 50 TFSI e hanno 299 CV, le 55 TFSI e raggiungono i 367 CV. Entrambe sono dotate del motore a 4 cilindri a benzina 2.0 TFSI e del cambio robotizzato doppia frizione a 7 marce S tronic nella versione con il motore elettrico integrato. 

A VIGILARE C'E' UN SOFTWARE - Il funzionamento del sistema ibrido è controllato da un raffinato software, che seleziona automaticamente il motore più adatto in funzione del tipo di percorso. Il guidatore può selezionare le modalità EV per la marcia a zero emissioni, Auto per la gestione automatica e Hold, che mantiene il livello di carica delle batterie per non farle scaricare: questa modalità va attivata, per esempio, in autostrada per caricare le batterie prima di entrare in città dove si potrà marciare con il solo motore elettrico. Non manca poi l’evoluta funzionalità Predictive Efficiency, che sfrutta i dati del navigatore, se attivato con una destinazione impostata, e le informazioni in merito all’efficienza e al comportamento della vettura. In funzione di questi dati viene sviluppata una pianificazione di massima per l’intero percorso per consumare il meno possibile.





Aggiungi un commento
Ritratto di deutsch
6 marzo 2019 - 13:51
4
potrebbe essere il gisuto mezzo di transizione da ibrido ad elettrico oppure potrebbe arenarsi conl'arrivo di modelli elettrici ad ampia autonomia. oggi è una buona soluzione per poter fare 10000km all'anno in elettrico e all'occorrenza gestire anche i lunghi trasferimenti senza grossi problemi. come seconda auto vedo bene l'elettrico ma come prima punterei al plug-in.
Ritratto di Dr.Torque
6 marzo 2019 - 15:47
Il plug-in costituisce sicuramente una fase di transizione che forse durerà ancora per molto ma che comunque continua a non convincermi. In ogni caso (@Epigrams) nell'ibrido normale l'energia non viene immessa nelle batterie solo nelle frenate ma è anche il motore termico che ricarica.
Ritratto di Epigrams
6 marzo 2019 - 15:59
Anche nelle ibride...plug-in.
Ritratto di neuro
6 marzo 2019 - 21:34
le full hybrid sono già preistoria. il futuro è plug o elettrico.
Ritratto di Gwent
8 marzo 2019 - 03:13
2
Le full hybrid sono le uniche ibride che si vendono (basta guardarsi in giro per la strada) e continuano a crescere mentre elettriche e plug in viaggiano su quote di mercato nulle e li restano arenate. Questo naturalmente non imho ma con rispetto parlando. Un saluto. Gwent.
Ritratto di Epigrams
8 marzo 2019 - 09:48
Anche le plug-in sono delle full hybrid, è così difficile da capirlo? Sono identiche, uguali, medesime. Il vantaggio delle plug-in è che si possono caricare anche da ferme e che possono immagazzinare molta più energia e andare solo in elettrico per molto più tempo premendo un bottone, a parte questo sono UGUALI. Forse a Sabaudia non si vedono le plug-in, semplicemente perché siete pieni di buche, zero punti di ricarica, povertà e sofferenza ovunque, tutti in giro con le utilitarie da 2000 euro. Vai in qualche posto più civile e ti accorgerai che ai punti di ricarica è pienissimo di Porsche Panamera Turbo S E-Hybrid, BMW 530e iPerformance e Mercedes E 350e e BMW i8.
Ritratto di marinomoretti
8 marzo 2019 - 10:07
A prescindere che abito a milano e sono un professionista, quindi nn abito a sabaudia..... quando ti potrai permettere di spendere 85.000 euro ne parliamo....! Leggi topolino che e meglio
Ritratto di Epigrams
8 marzo 2019 - 10:15
Anche io oggi sono a Milano, se vuoi ti faccio vedere come un umile station wagon Audi A4 Avant 3.0 TDI da neanche 60.000 € svernicia il tuo Porsche da 85.000 €, ma non solo lo svernicia, ma proprio lo umilia, distrugge, disintegra, e a differenza dei tuoi 5-6 km/l (l'hai detto tu) la mia umile station wagon fa 15-16 km/l). Scrivimi in privato, ho proprio voglia di disintegrarti la Porsche da 85.000 €
Ritratto di money82
6 marzo 2019 - 16:01
1
Per giudicarla nel complesso servono i dati sul peso, il prezzo e la capacità del bagagliaio, evidentemente ridotto visto che le batterie sono posizionate sotto.
Ritratto di marinomoretti
7 marzo 2019 - 16:27
Ho ritirato settimana scorsa una macan 2000 benzina. 245 cv. 10 km dichiarati, forse arriva s5-6 km litro. Emissioni dichiarate185co2 reali siperano i 245co2.!!! Euro 6d....! Tutte truffe agli utenti
Pagine