NEWS

Audi A6, A7 e Q7: arrivano le ibride plug-in

di Paolo Alberto Fina
Pubblicato 23 aprile 2020

Il listino dell’Audi si arricchisce di nuove versioni ibride ricaricabili: le A6 e A7 dispongono di un sistema basato sul 4 cilindri 2.0, la Q7 sul 3.0 V6.

Audi A6, A7 e Q7: arrivano le ibride plug-in

GIÙ LE EMISSIONI - Le normative europee impongono limiti sempre più severi per le emissioni di CO2. Per non incorrere nelle salatissime multe, le case produttrici stanno lanciando sistemi ibridi con batterie ricaricabili dall’esterno, che in alcuni frangenti di guida arrivano ad azzerare le emissioni di anidride carbonica. Ne è un esempio l’Audi, che in un colpo solo introduce sul mercato le versioni ibride plug-in di tre suoi modelli: le berline A6 e A7 e la suv di grandi dimensioni Q7. 

CON IL 4 CILINDRI - Le “sorelle” Audi A6 e A7 Sportback, hanno il motore turbo benzina 4 cilindri 2.0 TFSI da 252 CV, al quale si abbina l’elettrico da 143 CV (è integrato al cambio robotizzato S tronic a 7 marce). Il motore elettrico è alimentato da batterie agli ioni di litio di 14,1 kWh, alloggiate sotto il piano di carico. Due le versioni: la 50, il cui sistema offre complessivamente 299 CV e 450 Nm, e la 55, da 367 CV e 500 Nm. La trazione è integrale, ma l’invio della coppia al retrotreno avviene solo quando necessario in modo automatico seguendo una logica d’intervento sia reattiva sia predittiva. Il sistema di recupero dell’energia consente fino a 48 CV di potenza, che diventano 109 in frenata.

CAMBIA TUTTO - Diverso è il sistema ibrido dell’Audi Q7, a partire dal motore termico: è il turbo benzina V6 3.0 TFSI da 340 CV. È abbinato al cambio automatico Tiptronic a 8 marce, che integra il motore elettrico da 128 CV; lo alimentano le batterie di 14,3 kWh disposte sotto il pavimento del bagagliaio. La versione 55 sviluppa complessivamente 381 CV e 600 Nm, mentre la 60 ha 456 CV e 700 Nm. Le Audi Q7 ibride sono dotate della trazione integrale permanente: in condizioni di aderenza ottimale, la coppia è ripartita al 40% sull’asse anteriore e al 60% su quello posteriore. 

TRE MODALITÀ - La gestione dei motori è affidata all’elettronica, ma il guidatore può scegliere come farli operare attraverso tre modalità di guida. Nella Ev, le tre Audi marciano in elettrico: fino a 58 km la A6, 54 km la A7 Sportback e 43 km la Q7. Il motore termico entra in funzione superati i 135 km/h o quando il guidatore preme con decisione sull’acceleratore. Nella modalità Auto, invece, i due motori lavorano in simbiosi per massimizzare la resa energetica: è in questa modalità che la A6 50 TFSI e (la più efficiente delle tre) arriva a percorrere 62,5 km/l. In Auto si ottengono anche le massime prestazioni, assai elevate per le 60 TFSI e, con meno di 6 secondi per lo ‘0-100’ e 250 km/h di velocità massima (240 km/h per la Q7 60 TFSI e). In modalità Hold, viene preservata la carica della batteria e opera maggiormente il motore termico.

DALLE COLONNINE SI FA IN FRETTA - Le batterie si ricaricano completamente attraverso una sorgente esterna, come la rete elettrica di casa o una colonnina pubblica: nel caso più favorevole, ovvero tramite un impianto in corrente alternata da 7,4 kW, la batteria si rigenera completamente in 2,5 ore (ne servono 6 dalla rete domestica). Una parte dell’energia si recupera anche nei rallentamenti e nelle frenate. 

I PREZZI - Le tre Audi ibride plug-in sono già ordinabili: la A6 50 TFSI e ha prezzi da 63.300 euro, che diventano da 72.800 euro per la 55 TFSI e, mentre la A7 Sportback 50 e parte da 76.500 euro e la A7 Sportback e costa almeno 90.450 euro. La Q7 fa spendere almeno 76.200 euro per la versione 50 TFSI e e 94.900 euro per la 55 TFSI e.

Audi A6
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
56
29
24
18
34
VOTO MEDIO
3,3
3.341615
161




Aggiungi un commento
Ritratto di supermax63
25 aprile 2020 - 13:25
Opinione come al solito del tutto Opinabile
Ritratto di Giuliopedrali
25 aprile 2020 - 14:50
Per niente opinabile, nel senso non sto parlando di gusti o : bello - brutto, può essere bella quanto la prima, probabilmente sono la A5 sportback e la A6 che vi si sono avvicinate e anche il segmento : berline coupè 4 porte o 5 che è un pò calato nell'apprezzamento, Mercedes l'aveva "inventato" con la CLS e Audi con la A7 di 10 anni fa migliorato, ora è un pò come parlare di hatchback GTI erano una moda ai tempi della 205 o la Golf GTI a 3 porte di quegli anni, ora... Tra l'altro basti pensare che di Audi A5 coupè seconda serie non se ne vede una e anche di TT recenti, quindi basta fare 2+2.
Ritratto di mariofiore
24 aprile 2020 - 17:38
A me sembrano solo vetture costose per uomini sciocchi, che probabilmente non li guadagnano in maniera del tutto onesta quei soldi e non ne capiscono il valore. Io le vedo in mano spesso a pregiudicati o a zingari. L'uomo di successo sa quanto ha sudato il suo denaro e lo spende in maniera più oculata. L'uomo più ricco che ho conosciuto in vita mia, camminava con auto molto più economiche per non dare nell'occhio.
Ritratto di Giuliopedrali
24 aprile 2020 - 19:00
Non sono molto d'accordo sono piuttosto di classe (anche se è vero il discorso sui veri ricchi) magari da usate fanno quell'effetto lì: campo nomadi ma meno delle altre tedesche.
Ritratto di mariofiore
24 aprile 2020 - 21:14
Personalmente come auto di classe, ma solo per un discorso estetico non parlo di qualità, meccanica, affidabilità, per me le auto di classe di italiane sono Ferrari, Maserati e Alfa. Di straniere Jaguar, Mercedes, Volvo, alcune Bmw, Porsche, Lexus. Anche Peugeot ha un suo fascino come brand.
Ritratto di supermax63
25 aprile 2020 - 10:22
Nell'elenco trova spazio Audi che non ha proprio nulla da invidiare ai marchi elencati considerando gamma, versioni, allestimenti, motori e trasmissioni al netto delle personalizzazioni.
Ritratto di mariofiore
25 aprile 2020 - 10:33
Le macchine non sono brutte. Il non catalogarle, ma ripeto per un solo mio discorso personale, nelle macchine di classe, deriva da mie esperienze personali. Ogni volta che ho conosciuto una persona che aveva l'Audi A8 di proprietà era un pregiudicato. Lo stesso per le A6. Le ho sempre viste in mano a delinquenti o in campo nomadi. Da qui, ma ripeto é un fatto mio personale, probabilmente della mia zona, l'ho sempre vista come le auto usate dalla malavita. Viceversa per le altre marche ho visto una persona, che magari era un malavitoso, ma 100 per bene, per le Audi, invece la percentuale é l'opposta, 100 pregiudicati e uno per bene. Perfino il concessionario Audi venne chiuso per associazione a delinquere e altri reati.
Ritratto di supermax63
25 aprile 2020 - 12:54
Le sue affermazioni, se vere sono inquietanti
Ritratto di mariofiore
25 aprile 2020 - 13:13
Purtroppo sono vere e purtroppo é realmente inquietante. Da noi il ricco va con l'utilitaria per nascondersi o con la macchina di media cilindrata e il pregiudicato cammina con l'Audi A8 o Audi A6. Ovviamente vera anche la storia del concessionario precedente dell'Audi. Quello attuale invece è anche Volkswagen ed Audi ed è una persona per bene.
Ritratto di Giuliopedrali
25 aprile 2020 - 14:52
Purtroppo le affermazioni di mariofiore sono, magari non al 100%, abbastanza reali, basta farsi un giro in zona di bar malfamati come la mia e si vedono sempre le stesse auto, però non tanto bavaresi francone o ex sassoni, ma soprattutto bavaresi pure.
Pagine