NEWS

Audi A6, A7 e Q7: arrivano le ibride plug-in

Pubblicato 23 aprile 2020

Il listino dell’Audi si arricchisce di nuove versioni ibride ricaricabili: le A6 e A7 dispongono di un sistema basato sul 4 cilindri 2.0, la Q7 sul 3.0 V6.

Audi A6, A7 e Q7: arrivano le ibride plug-in

GIÙ LE EMISSIONI - Le normative europee impongono limiti sempre più severi per le emissioni di CO2. Per non incorrere nelle salatissime multe, le case produttrici stanno lanciando sistemi ibridi con batterie ricaricabili dall’esterno, che in alcuni frangenti di guida arrivano ad azzerare le emissioni di anidride carbonica. Ne è un esempio l’Audi, che in un colpo solo introduce sul mercato le versioni ibride plug-in di tre suoi modelli: le berline A6 e A7 e la suv di grandi dimensioni Q7. 

CON IL 4 CILINDRI - Le “sorelle” Audi A6 e A7 Sportback, hanno il motore turbo benzina 4 cilindri 2.0 TFSI da 252 CV, al quale si abbina l’elettrico da 143 CV (è integrato al cambio robotizzato S tronic a 7 marce). Il motore elettrico è alimentato da batterie agli ioni di litio di 14,1 kWh, alloggiate sotto il piano di carico. Due le versioni: la 50, il cui sistema offre complessivamente 299 CV e 450 Nm, e la 55, da 367 CV e 500 Nm. La trazione è integrale, ma l’invio della coppia al retrotreno avviene solo quando necessario in modo automatico seguendo una logica d’intervento sia reattiva sia predittiva. Il sistema di recupero dell’energia consente fino a 48 CV di potenza, che diventano 109 in frenata.

CAMBIA TUTTO - Diverso è il sistema ibrido dell’Audi Q7, a partire dal motore termico: è il turbo benzina V6 3.0 TFSI da 340 CV. È abbinato al cambio automatico Tiptronic a 8 marce, che integra il motore elettrico da 128 CV; lo alimentano le batterie di 14,3 kWh disposte sotto il pavimento del bagagliaio. La versione 55 sviluppa complessivamente 381 CV e 600 Nm, mentre la 60 ha 456 CV e 700 Nm. Le Audi Q7 ibride sono dotate della trazione integrale permanente: in condizioni di aderenza ottimale, la coppia è ripartita al 40% sull’asse anteriore e al 60% su quello posteriore. 

TRE MODALITÀ - La gestione dei motori è affidata all’elettronica, ma il guidatore può scegliere come farli operare attraverso tre modalità di guida. Nella Ev, le tre Audi marciano in elettrico: fino a 58 km la A6, 54 km la A7 Sportback e 43 km la Q7. Il motore termico entra in funzione superati i 135 km/h o quando il guidatore preme con decisione sull’acceleratore. Nella modalità Auto, invece, i due motori lavorano in simbiosi per massimizzare la resa energetica: è in questa modalità che la A6 50 TFSI e (la più efficiente delle tre) arriva a percorrere 62,5 km/l. In Auto si ottengono anche le massime prestazioni, assai elevate per le 60 TFSI e, con meno di 6 secondi per lo ‘0-100’ e 250 km/h di velocità massima (240 km/h per la Q7 60 TFSI e). In modalità Hold, viene preservata la carica della batteria e opera maggiormente il motore termico.

DALLE COLONNINE SI FA IN FRETTA - Le batterie si ricaricano completamente attraverso una sorgente esterna, come la rete elettrica di casa o una colonnina pubblica: nel caso più favorevole, ovvero tramite un impianto in corrente alternata da 7,4 kW, la batteria si rigenera completamente in 2,5 ore (ne servono 6 dalla rete domestica). Una parte dell’energia si recupera anche nei rallentamenti e nelle frenate. 

I PREZZI - Le tre Audi ibride plug-in sono già ordinabili: la A6 50 TFSI e ha prezzi da 63.300 euro, che diventano da 72.800 euro per la 55 TFSI e, mentre la A7 Sportback 50 e parte da 76.500 euro e la A7 Sportback e costa almeno 90.450 euro. La Q7 fa spendere almeno 76.200 euro per la versione 50 TFSI e e 94.900 euro per la 55 TFSI e.

Audi A6
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
56
29
24
18
34
VOTO MEDIO
3,3
3.341615
161




Aggiungi un commento
Ritratto di rollotommasi
25 aprile 2020 - 00:26
Ripeto che la storia di uomini di successo era ironico. Mi meraviglio di Voi! Comunque esteticamente parlando, il posteriore dell'A7 resta un bel vedere mentre la Q7 non mi ha mai convinto, la metto sul piano dei grossi SUV americani che comunque costano meno. Ripeto in conclusione che grazie a questi mezzi arriveranno ibridi plug-in a prezzi umani.
Ritratto di Giuliopedrali
25 aprile 2020 - 09:16
Audi è diventata da fanboy o bimbominx un pò perchè appunto ci sono dei fanboy dell'Audi anche qua e hanno prodotto le inutili A1 ed R8, forse un pò anche la Q7, però ha una storia ed una classe di tutto rispetto, con radici Audi, Wanderer, Horch, DKW insomma Auto Union, poi sempre DKW, NSU, la sparizione a Zwickau nella ex Germania Est e la rinascita dagli anni 60 sotto Mercedes; NSU e poi VW. Certo anche per me non sono in assoluto auto di classe ma come nessuna oggi, la vera classe ce l'avevano le Lancia e le Jaguar (e non solo) di un tempo come le Hotchkiss, le Armstrong Siddeley o le Alvis, oggi manca proprio la gente che ha classe, sembra che tutti debbano sbatterti sul muso solo il successo che hanno e quanto guadagnano, anch'io i veri ricchi che ho visto da piccolo avevano si e no l'auto usata.
Ritratto di supermax63
25 aprile 2020 - 12:56
Tuttavia esistono anche delle persone ricche alle quali piace permettersi macchine di lusso e prestigio
Ritratto di mariofiore
25 aprile 2020 - 14:03
Nella mia citta', se si andava in giro con una macchina lussuosa si veniva fermati per estorsioni sia dalla malavita che dalla Guardia di Finanza. Secondo molte persone che conosco la seconda era più delinquente della prima. Chiarisco che non lo dicevano scherzando. Da famigerati controlli fiscali minacciati o realmente fatti, a fermi del conducente anche per un'ora con interrogatori sull'attività svolta da lui e dai suoi famigliari. Si capiva che volevano soldi per farli andare via dal posto di blocco. Per questo poi l'Audi A8 veniva usata solo dai delinquenti, non avevano paura né di altri delinquenti e né venivano fermati dalle forze dell'ordine. Poi non so in altre città, anzi vorrei sapere come funziona da Voi al riguardo. (É ovvio che io vivo al Sud Italia)
Ritratto di Giuliopedrali
25 aprile 2020 - 15:00
supermax63 hai ragione, ma le auto di classe le disegno io, se le pubblicano qui su AlVolante sono mesi che le ho spedite, ma in sto periodo... Cioè le auto costose oggi vogliono dare il senso di quello che hai speso non tanto della classe che hai, per quanto la A6 di classe ne avrebbe, esiste meno gente di classe e più ricchi è un dato di fatto, se vuole le presto un enorme volume su Touring Superleggera che ho, negli anni 30 le auto di lusso italiane: Alfa, Fiat, Lancia, OM, Isotta anche venivano carrozzate una per una o al massimo erano fatte in piccolissime serie ed il gusto era veramente sopraffino, un acquirente inglese aveva un gusto diverso da uno italiano, e perfino uno di Napoli da uno di Milano, oggi sono vendute uguali in tutto il mondo, solo quelle di lusso che sono le uniche world cars di oggi, Una Ferrari o una Tesla o una berlina Mercedes sono desiderate in tutto il mondo, ma spesso il risultato finale per la persona che c'è dentro non per l'auto in se è sembrare un arricchito.
Ritratto di Giulio Menzo
25 aprile 2020 - 16:41
2
Sono d'accordo
Ritratto di Giulio Menzo
25 aprile 2020 - 16:40
2
Personalmente la A7 è l'Audi che esteticamente mi piace di più e che in generale si distingue un po' dalle altre, principalmente per il posteriore. La A6 mi piace un pochino meno, per quanto sia indiscutibilmente equilibrata come design.Utili le tre modalità di gestione del sistema ibrido: la prima da usare in città e per spostamenti a corto raggio, e che copre la maggior parte delle esigenze di mobilità dell'automobilista italiano medio; la seconda utile fuori città, dove a mio parere l'ibrido full è il migliore in termini di consumi, e l'ultima utile per le lunghe percorrenze, dove il sistema ibrido dà meno vantaggi.
Ritratto di Giuliopedrali
25 aprile 2020 - 16:49
Cioè perchè un'auto status symbol può diventare volgare, da arricchito o da pappone, perchè le vedi nei bar malfamati di periferia, una volta l'Alfa Romeo 2500 Gt Coupè royal del 1931 (un pò di anni fa) Touring Superleggera ce l'aveva solo il Conte Mario Boimond di Sora, poi che questo fosse un farabutto non saprei dire, o la Rolls Royce Phantom la Regina Elisabetta, o le Mercedes S certi affermati professionisti, capite invece che una fiammante e bella Audi A6 può averla in mano chiunque anche un Giuliopedrali o un vietnamita o un uzbeko o un boliviano, e alla fine il fatto di dover rappresentare il lusso in mentalità tanto diverse svaluta un pò.
Ritratto di napolmen4
26 aprile 2020 - 00:18
una vera ibrida per audi ....non le minch.iate fino adesso!!
Ritratto di luperk
27 aprile 2020 - 04:59
i powertrain ibridi plugin del gruppo VW sono largamente superiori in performance rispetto a quelli bmw e mercedes. Come d'altronde i veicoli stessi.
Pagine