NEWS

Audi e-tron: con lei arriva la ricarica domestica

14 giugno 2018

Con il debutto dell’elettrica Audi e-tron dovrebbe arrivare pure un sistema evoluto per fare “rifornimento” a casa.

Audi e-tron: con lei arriva la ricarica domestica

PER UN “PIENO” CASALINGO - Già ordinabile e con le prime consegne entro fine 2018, l’Audi e-tron potrebbe essere offerta pure in abbinamento con un apposito sistema per la ricarica domestica, anche se inizialmente la proposta potrebbe riguardare la sola Germania o i paesi con mercati elettrici evoluti come la Norvegia. Il marchio dei quattro anelli, infatti, sta mettendo a punto un kit per la crossover elettrica insieme a due partner tecnologici, la SMA Solar Technology e l’Hager Group. L’idea è di proporre ai clienti Audi un sistema per il “rifornimento” casalingo evoluto e in grado di ottimizzare i costi di ricarica. 

RICARICA FINO A 22 KW - Il sistema concepito dall’Audi e dai partner è di tipo modulabile e ha come offerta base un “distributore” con potenza di erogazione fino a 11 kW che dovrebbe consentire di fare il “pieno” delle batterie da 75 kWh in circa 7 ore. In opzione è possibile raddoppiare la potenza arrivando a 22 kW e dimezzando i tempi di ricarica. La soluzione prevista dal marchio tedesco è, come quelle ideate da altri costruttori, integrata con l’impianto di casa per consentire una gestione efficiente della “corrente”. Di fatto, appositamente programmato, il sistema è in grado di avviare la ricarica quando la tariffa elettrica è inferiore e di valutare gli orari di rifornimento in base all’impiego della vettura previsto dal cliente e comunicato tramite l’app MyAudi. 

ANCHE CON ENERGIA DAL SOLE - La tecnologia di ricarica domestica di Ingolstadt è collegabile a un impianto fotovoltaico per la produzione di energia per rendere il rilascio di gas serra dell’Audi e-tron effettivamente a emissioni zero “dalla fonte alle ruote”. Un abbinamento gestito in maniera da ottimizzare i flussi energetici che prevede i tempi di ricarica considerando le previsioni meteo, l’intensità del Sole e la richiesta di “corrente” casalinga. Altre opzioni presenti nel sistema Audi sono la gestione “intelligente” per evitare sovraccarichi ed eventuali blackout e la possibilità di verificare i dati statistici delle ricariche e il livello delle batterie attraverso l’app MyAudi. Tra le informazioni disponibili citiamo i tempi di “rifornimento”, la quantità di energia erogata e i costi del “pieno”. 



Aggiungi un commento
Ritratto di Raul23
14 giugno 2018 - 14:57
22kw in abitazione domestica? Ma dove? In Italia no sicuro,serve un cambiamento radicale della rete di distribuzione altrimenti è aria fritta
Ritratto di Giuliopedrali
14 giugno 2018 - 15:00
Inizieranno i ricchi con la mega villa, (coi 22kw) quindi tutti gli altri come al solito sbaveranno per essere al passo e il gioco è fatto..
Ritratto di querelle61
15 giugno 2018 - 11:43
Guarda che anche i ricchi al massimo hanno il 6,6 kW, che già costa un boato di spese fisse.... Per andare oltre, occorre come minimo mettere la corrente a 380V industriale, col risultato che poi occorre un ulteriore trasformatore per i normali usi domestici. Non parliamo poi dei costi fissi e dell'energia (i più cari del mondo, o quasi, grazie all'enel)
Ritratto di Paolo.bravo
14 giugno 2018 - 18:36
Buongiorno, partirei dal principio, prima di occuparmi degli 11-22 Kwh di contatore in casa. La mia domanda è : "quanti proprietari di macchine in Italia hanno a disposizione un box? O anche un semplice posto auto all'aperto in cortile? Azzarderei un 30%. Elettrificazione globale dell'auto una PRESA per il cxxo:) Saluti
Ritratto di Giuliopedrali
14 giugno 2018 - 19:25
Inizieranno i ricchi, come hanno iniziato con le station wagon, coi SUV ecc, poi diventate mode planetarie e poi: si salvi chi può!!
Ritratto di Paolo.bravo
14 giugno 2018 - 20:28
Certo! inizieranno i ricchi ma finiranno sempre loro. I non ricchi, se non qualche minima eccezione, non diventeranno mai tali. Sintetizzo dicendo che quando tutti saranno ricchi tutti avranno auto elettriche, il resto sono favole per non ricchi, se non di sogni. Saluti
Ritratto di Giuliopedrali
14 giugno 2018 - 21:07
Anche i SUV all'inizio erano le Range Rover o le Jeep Gran Cherokee, o le Blazer, ora ci sono le Captur... O come l'ABS all'inizio ce l'aveva solo la Mercedes serie S.
Ritratto di Paolo.bravo
14 giugno 2018 - 21:39
Scusa rileggi ciò che ho precedentemente scritto, non si tratta del semplice costo dell' auto che è l'ultimo dei problemi! Se vuoi ti faccio un disegno.
Ritratto di Giuliopedrali
15 giugno 2018 - 08:38
Se è per quello ancor oggi in Africa si vendono solo vecchie auto europee che da noi rottameremo, o in Moldavia a maggio hanno vendute 600 auto nuove in tutto, manco il numero dei modelli esistenti in Cina... Certo esistono ancora parti del mondo povere, ma voglio dire le auto premium sono destinate all'altra parte del mondo.
Ritratto di Paolo.bravo
15 giugno 2018 - 13:31
Buongiorno Giuliopedrali, Non capisco cosa c'entrino le risposte che mi dai con le questioni che pongo. Saluti
Pagine