Il futuro dell'Audi si chiama Prologue Avant

25 febbraio 2015

La concept car ibrida per il Salone di Ginevra è una wagon sportiva, che anticipa come saranno le prossime vetture di serie.

Il futuro dell'Audi si chiama Prologue Avant
455 CAVALLI - L’Audi Prologue Avant è una maxi wagon (511 cm la lunghezza) a trazione integrale con piglio sportivo, che prefigura le prossime Audi; non è esclusa la sua produzione in serie. Le linee sono essenziali, sobrie e, soprattutto, snelle mentre le ruote hanno una misura considerevole: 22”. L’impostazione meccanica ibrida plug-in deriva da quella dell’Audi Q7 e-tron quattro, in vendita dall’estate del 2015. Prevede un 3.0 turbodiesel (353 CV), abbinato a un cambio automatico a otto rapporti, e un motore a corrente (136 CV) che, insieme, erogano 455 CV. Secondo la casa sono sufficienti a coprire lo “0-100” in soli 5,1 secondi mentre i consumi si attesterebbero addirittura sui 63 km/l.
 
CARICA SENZA FILI - Con la sola alimentazione elettrica l’Audi Prologue Avant può percorrere fino a 54 km. Fra le altre particolarità tecniche, spiccano le ruote posteriori sterzanti che, a detta dell’Audi, donano alla vettura una notevole agilità, le sospensioni pneumatiche e il sistema di ricarica per la batteria agli ioni di litio. Può avvenire per induzione, posizionando l’auto sopra una piastra (posta per terra e collegata alla rete elettrica), dotata di una bobina e di un trasformatore, che producono un campo magnetico alternato.
 
TUTTI CONNESSI - Nell’abitacolo dell’Audi Prologue Avant non è difficile individuare i tratti dei modelli attuali (come l’andamento lineare della plancia), ma interpretati in chiave moderna. La strumentazione, per esempio, è composta da schermi ad alta definizione. Inoltre, i passeggeri possono comunicare fra loro per via digitale e, quelli posteriori, azionare i servizi di bordo attraverso lo schermo a loro dedicato, che si inclina in base alla regolazione degli schienali delle poltrone per chi siede dietro.




Aggiungi un commento
Ritratto di hulk74
26 febbraio 2015 - 12:09
La A7... RS7 in particolare... L'ha un conoscente... Bellissima!!! Colore a parte (grigio pastello)
Ritratto di AlphAtomix
26 febbraio 2015 - 11:36
sembra una normalissima audi, non ci vedo nulla di innovativo.
Ritratto di Boys
26 febbraio 2015 - 14:08
1
Condivido..... i cerchioni sono bellissimi ma la mascherina a ....cancello tipo passat è un bel po discutibile.....ma siamo alla Vw quindi...
Ritratto di Rav
27 febbraio 2015 - 10:46
3
La linea a tratti bi piace. Un gran bel frontale, forse fin troppo sportivo (l'avrei visto meglio sulla nuova R8 che invece ne sfoggia uno normalissimo) e un posteriore che mi ricorda quello di una SAAB. Prefigura lo stile delle future A6 e A8 se fanno come la concept Avantissimo del 2001. Buona la tecnica ma spero vivamente non adottino quel posteriore sulle Audi di serie sennò saran veramente bruttine.
Ritratto di luigi sanna
3 marzo 2015 - 18:01
5
...una concept, e come tale rimane. Dubito che sia la sua linea definitiva, viene fatto come sempre, per vedere le reazioni del pubblico. A me sinceramente piace, gli interni meno, non è mai facile per gli interni. Per quanto riguarda l'ibrido, lasciamo perdere, fino a quando esisterà il petrolio e le sue lobby, non vedremo mai un auto degna di questo nome.... Sono solo "pagliacciate" abbiamo brevetti vecchi di 30 anni, buttati dentro un cassetto. Ma di cosa vogliamo parlare, tutte le ibride, per non parlare delle "elettriche", sono solo pagliacciate....
Ritratto di Andrea Ford
5 marzo 2015 - 12:21
Ha dichiarato piu' volte che non tornerà mai indietro ad un auto tradizionale, basta parlare con uno di loro per capire quanto sia magica e al tempo stesso maledettamente reale questa tecnologia: Consumi inferiori al diesel nella maggior parte delle condizioni d'uso (città/extraurbano), tagliandi che costano il 40% in meno di una corrispondente auto a gasolio, dischi dei freni che durano quanto l'auto stessa e pastiglie da sostituire una sola volta. Cito i tassisti perché è gente che l'auto la usa per davvero e senza risparmiarla mai su tutti i tipi di percorso, non certo fighetti che devono andare a parcheggiare l'auto comprata da papà davanti al bar alla moda. Senza contare i benefici dal punto di vista ambientale (pensa se nelle città circolassero solo auto ibride e venissero banditi i diesel, le mascherine antismog non servirebbero più a nessuno). E del guadagno enorme sull'inquinamento acustico prodotto ancora oggi dai diesel,soprattutto in fase di accelerazione,ripartendo da uno stop, ne vogliamo parlare? Parliamone.
Ritratto di luigi sanna
5 marzo 2015 - 12:53
5
...era una provocazione, certo è sempre meglio di niente. E come dici tu, si hanno benefici in fatto ambientale, tutto giusto. Ma rimane sempre il discorso batterie (ad esempio), anch'esse belle problematiche, al livello di smaltimento, e a grandissimo impatto ambientale. Quello che intendevo io, era di una macchina autosufficiente, basterebbe poco, la tecnologia c'è.... E allora perchè non la usano.... Ma il discorso si allarga su tutto, anche al livello energetico, sfruttiamo tecnologie dell'800....
Pagine