Audi RS 4 Avant: addio al V8, c’è il V6 biturbo

13 settembre 2017

La famigliare tedesca rimane spaziosa e poco appariscente, ma una volta su strada fa divertire: per lo 0-100 km/h bastano 4,1 secondi.

Audi RS 4 Avant: addio al V8, c’è il V6 biturbo

TRATTAMENTO SPORTIVO - Il motore V6 a benzina già visto sulle RS 5 e TT-RS viene ripreso anche dalla Audi RS 4 Avant, famigliare sportiva ad alte prestazioni che arriverà nei concessionari a partire da inizio 2018 con un prezzo di circa 80.000 euro. La nuova edizione della RS 4 Avant ricalca lo stile delle tre precedenti, modelli basati sulla normale Audi A4 Avant ma allestiti per l’occasione dal reparto sportivo Audi Sport, che si occupa di preparare le vetture più impegnative e veloci della casa tedesca. I tecnici hanno optato per il motore 2.9 biturbo da 450 CV, meno rabbioso del vecchio otto cilindri ma più equilibrato in termini di erogazione: i 600 Nm di coppia sono costanti fra 1.900 e 5.000 giri e rendono l’auto molto svelta ai comandi dell’accelerazione.

NUMERI DA SPORTIVA - L’Audi R S4 Avant 2017 ha prestazioni in linea con le sportive più blasonate, nonostante lo spazio a bordo e il baule rimangano pari alle normali A4 Avant: la casa tedesca dichiara un tempo di 4,1 secondi per l’accelerazione 0-100 km/h e una velocità massima di 250 km/h, ma ordinando il pacchetto a richiesta RS Dynamic il limite si sposta a 280 km/h. L’equipaggiamento tecnico è completato dalla trazione integrale permanente e dal cambio automatico Tiptronic a 8 marce. Optional il differenziale posteriore sportivo, che migliora la trazione sui fondi difficili. I tecnici della Audi Sport hanno ricalibrato l’assetto (ribassato di 7 mm), montato sospensioni sportive e rivisto la carrozzeria, in particolare allargando gli archi passaruota e ampliando le prese d’aria sul frontale. I due terminali di scarico sono ovali come in tutte le Audi RS.

TANTI OPTIONAL A SCELTA - Le dotazioni a richiesta sono molto esclusive e rendono l’Audi RS 4 Avant ancor più emozionante da guidare: la lista degli accessori include le sospensioni sportive a controllo elettronico, i dischi freno in materiale composito e lo sterzo ad assistenza variabile. E’ in opzione anche la vernice blu Nogaro, ispirata al blu della prima Audi RS 4 Avant (quella del 1999). L’abitacolo è decorato sui toni del nero e include i sedili anteriori a guscio, il volante tagliato in basso e le soglie d’accesso illuminate, mentre il quadro strumenti digitale Audi Virtual Cockpit informa il guidatore anche sull’accelerazione laterale, sulla pressione dei pneumatici e sulla coppia erogata dal motore. Optional i rivestimenti interni in fibra di carbonio.

Audi A4 Avant
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
121
101
73
50
102
VOTO MEDIO
3,2
3.199105
447




Aggiungi un commento
Ritratto di marian123
14 settembre 2017 - 13:53
Si ok ci sono anche plastiche rigide di qualità ma quelle che usa (o meglio usava perchè le nuove sembrano fatte meglio) subaru specie per i pannelli porta sembrano cartone verniciato e sono molto sottili. Persino tante utilitarie hanno materiali migliori dentro.
Ritratto di twinturbo
13 settembre 2017 - 21:06
Personalmente, qualità probabilmente Rolls Royce. Affidabilità Kia, come da classifiche Usa. Tecnologia (innovativa) Toyota. Di Tedesco, volendoli per forza citare, forse gli impianti hifi
Ritratto di FXB-88
13 settembre 2017 - 22:06
L'auto è tedesca!
Ritratto di twinturbo
13 settembre 2017 - 22:36
Ma se nelle pubblicità loro stessi usano il termine AUTO che è Italiano e non wagen
Ritratto di Dirk
13 settembre 2017 - 22:40
Beh, in Italia si parla italiano non tedesco ed in Germania si parla il tedesco e non l'italiano. Banale, no?!
Ritratto di bridge
13 settembre 2017 - 22:48
1
Das auto tradotto in italiano è l'auto. Anche in tedesco si dice auto e non solo wagen.
Ritratto di twinturbo
14 settembre 2017 - 08:29
Sì ma lì da loro sarà un termine secondario un po' come da noi veicolo o mezzo di locomozione. Altrimenti penso che invece di VW avremmo avuto VA e invece di BMW avremmo avuto BMA. No? Quindi se usano AUTO mi sembra un chiaro tributo alla Scuola Automobilistica Italiana
Ritratto di v8sound
14 settembre 2017 - 10:15
No, almeno per BMW. L'acronimo tradotto in italiano è fabbrica bavarese di motori, non di automobili.
Ritratto di Dirk
14 settembre 2017 - 11:26
Infatti, BMW = Bayerische Motoren Werke che tradotto in italiano significa Fabbrica Bavarese di Motori. Povera BMW...:-))
Ritratto di Mbutu
14 settembre 2017 - 16:44
Questa è da incorniciare. Se non fosse che poi qualcuno ci crede pure, sarebbe da sbellicarsi.
Pagine