NEWS

Audi TT: per lei un leggero lifting

18 luglio 2018

Dopo quattro anni di vita, la terza generazione dell’Audi TT viene sottoposta al restyling. Rivisti anche i motori e i sistemi di bordo.

Audi TT: per lei un leggero lifting

PICCOLE NOVITÀ - La prima Audi TT fece il suo esordio nel 1998 e, con la sua linea ispirata alla scuola della Bauhaus dei primi del ‘900, fu subito un successo. La terza generazione dell'Audi TT è stata lanciata nel 2014, diversa dalle “antenate” per effetto dello stile meno tondeggiante che in passato. Ora viene aggiornata con pochi e sapienti interventi estetici, alle dotazioni e ai motori. L'Audi TT 2018 riceve ritocchi al design tutto sommato limitati: nella parte anteriore si nota una griglia non più con lamelle orizzontali, ma con una trama a nido d’ape, e un nuovo disegno delle prese d'aria nella parte inferiore, mentre dietro cambia leggermente il fascione nella parte bassa e troviamo fanali con diverso disegno interno. Insomma, solo un occhio più che attento potrà distinguere la TT rinnovata.

DOTAZIONE PIÙ RICCA - Sulla rinnovata Audi TT sono disponibili a pagamento i fari anteriori a led e quelli a led con matrice attiva. A richiesta si può avere anche il nuovo pacchetto esterno S line (montato sulla vettura gialla qui sopra), composto da diverse prese d'aria anteriori, bandelle sottoporta e uno scivolo posteriore dell'aria maggiorato. Sulla TT 2018 debuttano inoltre i colori blu Cosmos, arancio Pulse e blu Turbo, i cerchi da 18” a 20” sono ridisegnati e arrivano novità per l'equipaggiamento interno: fin dalla versione meno costosa ci sono il selettore delle modalità di guida, l'accensione automatica di “tergi” e fari anteriori, gli specchietti riscaldati e la basetta senza fili per ricaricare gli smartphone compatibili. Optional la strumentazione digitale Active Display e il sistema multimediale connesso ad internet.

I BENZINA HANNO IL FILTRO - I motori ordinabili inizialmente sull'Audi TT 2018 sono i benzina 4 cilindri turbo da 197 CV, 245 CV e 306 CV, disponibili rispettivamente sulle TT 40 TFSI, TT 45 TFSI e TTS. Tutti sono dotati del filtro anti-particolato per la riduzione dei gas allo scarico. L'Audi TT 40 TFSI è l'unica ordinabile solo a trazione anteriore, mentre l'integrale quattro è optional sulla TT 45 TFSI e di serie sulla TTS, che in attesa della cattiva Audi TT-RS è la più potente e sportiva del lotto: per accelerare da 0 a 100 km/h ha bisogno infatti di soli 4,5 secondi. Sull'Audi TTS sono compresi nel prezzo anche gli ammortizzatori a controllo elettronico. Tutte le novità sono previste anche sulla TT Roadster, dotata di una capote in tela ripiegabile elettricamente fino a 50 km/h al posto del tetto rigido in metallo.

EDIZIONE LIMITATA - L’Audi TT 2018 sarà in vendita entro fine 2018 e potrà essere ordinata anche nella versione speciale TT 20 years (foto qui sopra), un allestimento in 999 esemplari per celebrare i 20 anni dalla prima TT. I colori previsti sono due, il grigio Arrow e il grigio Nano, ma fra le personalizzazioni rientrano gli scarichi su misura, i fanali posteriori oled, i quattro anelli ad effetto opaco sulla soglia d'accesso e rivestimenti in pelle Nappa di colore marrone. Nell'abitacolo è presente infine una placca con il numero progressivo dell'esemplare.

VIDEO
Audi TT Coupé
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
150
100
69
66
95
VOTO MEDIO
3,3
3.3
480


Aggiungi un commento
Ritratto di Ale94
18 luglio 2018 - 18:57
Bravo già tanto che riesco a prenderne una del 2006 e poi a mantenerla piango ahah
Ritratto di Ale94
18 luglio 2018 - 18:56
Questa serie di TT personalmente mi piace ed é anche invecchiata bene. Sedersi su questa serie sembra di stare seduti su un aereo bassa, virtual cokpit e sedile infossato. Peró quanto costa non tutti se la possono permettere ed é un auto poco sfruttabile. Non potete paragonare gli anni ‘90 quando c era il boom delle Coupé specialmente a benzina giravano piú soldi, la benzina costava meno e quando la vendevi perdevi meno soldi. Ora acquistare una TT a benzina, nuova per tenerla pochi anni é un suicidio devi stare proprio bene di famiglia. Ora vanno di A3 diesel a 5 porte e via.... altra epoca e tra poco manco piú diesel ahahah saluti
Ritratto di luconeone
18 luglio 2018 - 19:44
@Giuliopedrali Finalmente qualcuno più o meno coetaneo....hai dimenticato Honda Integra (un vero kart con un motore che non finiva più) e S2000 (che ho in versione Mugen, anche se ormai di serie c'è poco niente, siamo abbondantemente sotto i 1000 kg e sopra i 300cv) e la Rx7 che se la sapevi gestire (anche economicamente visto il consumo) era un fulmine. Poi Mitsubishi Gto e Toyota Supra (che aveva uno che veniva con me in palestra....da infarto!!!! Ma costicchiava.)
Ritratto di Giuliopedrali
18 luglio 2018 - 21:12
Da guidare alla fine seppur non velocissima ma sarà stato l'ipnotico sound del boxer era comunque più spettacolare la 33 per non dire la 75... Quelle giapponesi che citi erano auto carine e con tecnologia da vendere però davvero credo che l'immortale Rudolf Hruska quando progetto l'Alfasud dal 67 in poi diede inconsciamente il colpo di grazia alle sportive medie pure. Prima non esisteva manco il concetto che una berlina, da famiglia, potesse divertire altrettanto e ovviamente essere 1000 volte più pratica.
Ritratto di Rikolas
19 luglio 2018 - 08:50
4C tre spanne sopra, in tutto. La TT pesa come un carroarmato e a ogni restyling peggiora ulteriormente, rendendola ancora più squadrata e anonima. Motori non sempre all'altezza, impianto frenante inadeguato su quasi tutte le verioni (adottano ancora il singolo pistoncino a pinza flottante! I tamburi no?), e soprattutto adottano ancora i propulsori diesel, che su una coupè sportiva è un non-senso. Solita auto tedesca senza ne capo ne coda e a prezzi folli, ma ormai siamo abituati.
Ritratto di alex_rm
19 luglio 2018 - 09:44
Sono 2 auto completamente diverse,La 4c e una sportiva spartana con telaio in fibra di carbonio votata alle prestazioni con confort minimale e puo avere come diretta concorrente la lotus Elise ed Exige.La TT e una Golf coupe.
Ritratto di LOL25
19 luglio 2018 - 11:26
Sono due cose completamente diverse, chi compra una 4C non vorrebbe mai una TT e viceversa. La TT non è un'auto estrema e non ha la pretesa di esserlo, è una Coupé stradale comoda e con un buon bagagliaio che permette di fare qualche piccolo viaggio. Da possessore di TT però sono d'accordo sui freni, quelli di serie sono pietosi.
Ritratto di Giuliopedrali
19 luglio 2018 - 09:06
Però 4C è un auto artigianale, niente da dire, ma siamo anni luce dalla coupettina per tutti. A me personalmente allora mi intriga di più la Lotus Evora unica al mondo col motore centrale e 2+2, pazzesca!
Ritratto di Rikolas
19 luglio 2018 - 09:46
Si ma costa come una TTRs, che pesa il doppio e non ha la cellula dell'abitacolo in carbonio, tutto si traduce in prestazioni nettamente inferiori. La Evora non è una vera "Lotus", troppo pesante e piena di intuli fronzoli, se invece mi parli di Elise/Exige allor ala muscia cambia, quelle sono vere coupè da pista, ma soprattutto in piena filosofia Lotus (interni spogli, cambio manuale, leggerezza assoluta)
Ritratto di GeorgeN
19 luglio 2018 - 11:02
quindi restyling della caddy coupè....
Pagine