NEWS

Audi TT, per lei un motore più piccolo

30 luglio 2015

La sportiva dei quattro cerchi viene proposta ora anche con propulsore 1.8 TFSI da 180 CV, disponibile sia per l’Audi TT coupé che per la TT roadster.

Audi TT, per lei un motore più piccolo
SOGLIA D’INGRESSO ABBASSATA - La gamma dell’Audi TT si è arricchita di una nuova possibilità di scelta in materia di motori. Si tratta del 4 cilindri 1.8 TFSI, cioè a iniezione diretta di benzina con sovralimentazione, capace di erogare 180 CV. In pratica, si tratta del motore più piccolo della gamma TT. Così motorizzata e con ambio manuale a 6 marce la coupé Audi raggiunge la velocità massima di 241 km/h e scatta da 0 a 100 km/h in 6,9 secondi. Per la TT Roadster i valori sono rispettivamente 237 km/h e 7,2 secondi. La nuova proposta va ad affiancarsi a quelle già a listino, dotate di motore 2.0 da 230 CV (a benzina) e 2.0 TDI da 184 CV. Quest’ultima finora è stata la versione d’ingresso, al prezzo di 40.990 euro.
 
PRESTAZIONI - Il motore entrato nella famiglia Audi TT è 1.798 cc di cilindrata, con distribuzione a 4 valvole per cilindro, iniezione diretta di benzina e sovralimentazione tramite turbocompressore. La potenza massima di 180 CV è erogata al regime di 5.100 giri al minuto, e la coppia massima è di 250 Nm a 1.250 giri al minuto. Il nuovo propulsore può essere abbinato anche  al cambio S Tronic a doppia frizione. In questo caso l’accelerazione 0-100 km/h della versione coupé avviene in 7 secondi. La Roadster TT Roadster con il cambio S Tronic accelera invece in 7,3 secondi. 
 
MANUALE O DOPPIA FRIZIONE - La coupé Audi TT 1.9 TFSI S Tronic a 6 rapporti con doppia frizione fa segnare un consumo medio di 17,5 km/l (17,2 la versione Roadster). Le emissioni di CO2 sono pari a 129 g/km (132 la Roadster). Come le Audi TT con gli altri motori, anche quella 1.8 TFSI è proposta negli allestimenti Design ed S line, rispettivamente con un’impronta più votata all’eleganza e alla sportività.  
 
DA 36.400 EURO - Il listino prezzi parte da 36.400 euro, per la versione con cambio manuale, mentre per la TT 1.8 TFSI S Tronic il prezzo è di 38.700 euro. La TT Roadster 1.8 TFSI 180 CV parte da 39.100 euro con la trasmissione manuale, mentre nella versione S tronic i prezzi cominciano da 41.400 euro.
Audi TT Coupé
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
163
102
76
74
103
VOTO MEDIO
3,3
3.285715
518




Aggiungi un commento
Ritratto di Ivan92
30 luglio 2015 - 18:42
8
@AndreaZeroUno: Considero un Audi TT un auto da pochi per il prezzo e per le motorizzazioni serie (quelle elencate da me) perchè sono pochi quelli che possono entrare in concessionaria e spendere oltre 50'000 euro per una coupè da 310 cv. Poi per quanto riguarda la sportività quella la si vede da come si comporta l'auto e per cosa è destinata, e la TT 2.0 TFSI da 230 si è dimostrata ottima in pista come evidenziato da tutte le prove che la riguardano con un ottimo differenziale autobloccante e tenuta di strada, le altre due invece hanno la trazione integrale che manda la potenza dove serve di più e tutte è tre hanno un comportamento molto neutro, il peso invece mi sembra in linea con le rivali poi per quanto riguarda la trazione, di sportive a trazione anteriore c'è ne sono tantissime, basta citare la Renault Megane RS e tutte le sue rivali. E questa TT la vedo come auto da usare tutti i giorni, in grado di offrire un buon comfort ma che quando c'è da fare sul serio sia in grado di seminare le vetture normali, cosa che diventa difficile con un motore da 150 cv (che non esiste) o con un motore da 180 cv.
Ritratto di Andrea ZeroUno
31 luglio 2015 - 12:18
A parte che sportive e trazione anteriore nella stessa frase cozza un po!!!! Un auto sportiva deve regalare emozioni,ok posso capire che e' bello vedere salire il contakm, ma tieni presente che nella vita ci sono le curve.... E li che ci si diverte, che si vede il manico, che si osa, che ci si esibisce.... nel dritto sono capaci tutti, a maggior ragione con le auto attuali, dove una gomma di adesso e' larga come 4 del passato, senza contare lo sviluppo della mescola e delle carcasse. (poco tempo fa c'era una comparativa dove una vecchia Jag anni 70 modificata con copertoni attuali , girava lo stesso tempo di Ferrari degli stessi anni).Poi consideriamo l'elettronica che ha un auto ed ora dimmi dove sta il divertimento??? Il peso purtroppo e' elevato in generale, ma questo lo capirai quando guiderai auto leggere... Perche se pesasse poco con 180 cv batteresti auto ben piu' cavallate.... (Vedi Elise) Ripeto la TT non e' un auto sportiva, come non lo sono la maggior parte di berlinette a trazione anteriore...
Ritratto di Ivan92
31 luglio 2015 - 13:21
8
@AndreaZeoUno. Mah, il divertimento del quale parli tu però non lo si può chiedere ad un auto progettata e studiata per essere confortevole comoda e veloce. Se uno cerca solo quel tipo di divertimento deve puntare su auto tipo la vecchia BMW M3 E36 o simili, e non basta avere la trazione dietro per rendere un auto sportiva. Io ho avuto per 3 giorni una BMW Z3 2.8i da 192 cv ed era un auto con un grande motore aspirato V6 e trazione posteriore, divertente per fare le rotonde di traverso o qualche tornante di montagna stretto, ma in quando a sportività. I freni comunicavano poco nelle frenate serie, c'era un evidente rollio per colpa dell'assetto morbido e lo sterzo non era per nulla comunicativo, perciò non è solo la trazione a rendere un auto sportiva o meno ma il suo progetto, se un auto viene studiata per avere un buon assetto, buoni freni, buona trazione, buona tenuta di strada e qui che dimostra di essere sportiva, se poi il tutto viene abbinato a un buon motore il divertimento è assicurato, (non so se lo hai già fatto) ma se provi un auto con un differenziale autobloccante all'anteriore sentirai che (a meno che il pilota lo faccia apposta a sbagliare) l'auto tenderà a chiudere la traiettoria in maniera pulitissima senza mostrare il minimo sottosterzo e tirando verso l'interno della curva. Riguardo alle prestazioni della TT, a Franciacorta che non è certo una pista che favorisce le auto che non vanno forte in curva la TT 2.0 TFSI quattro da 230 cv ha girato in 1:24.38, mentre auto con molti più cavalli e la trazione "dalla parte giusta" come la BMW M235i da 326 cv ha girato in 1:28.60, o la Toyota GT86 che dovrebbe essere una "divoracurve" e con solo 30 cv in meno ha girato in 1:31.35, che è un tempo nettamente peggiore. Perciò nonostante questi tempi non sono "una scienza esatta" bastano per farsi un idea sulle capacità di questa TT anche solamente con il 2.0 TFSI da 230 cv abbinato alla trazione integrale. TT che non nasce come sportiva estrema come le Lotus o la 4C ma come comoda compagna di viaggio nelle situazioni normali, e come missile da strada quando si preme l'acceleratore. Poi per il divertimento, quello vero io sto solo aspettando ottobre per ricevere la patente cat. A illimitata e comprarmi una Yamaha R1 mod. 2015 che in quanto a prestazioni, divertimento e prezzo non è paragonabile a nessuna automobile, come tutte le moto del resto.
Ritratto di Andrea ZeroUno
31 luglio 2015 - 16:17
Guarda io te intendiamo il divertimento in maniera completamente diversa. Per me una macchina fin troppo precisa non ha alcun divertimento, io amo domare il mezzo, non farmi portare. Vedi il Z3 2.8, un auto con i sui anni( hanno smesso di produrla nel 2000 tra l'altro), nata cabrio, con uno stile di guida di qualche anno fa. Normale il comportamento, senza contare che avra' avuto anche qualche km sulle spalle. Guarda so cos'e' un differenziale e ho provato l'effetto, ma stai tranquillo che non fa miracoli. Discorso prestazioni in pista, finche le testate giornalistiche prendono auto in momenti diversi dell'anno, facendoli guidare a tester diversi, bhe direi che non ha molto senso. Per la Toyota GT, purtroppo hanno privilegiato l'erogazione al favore dei CV, e le prende pure da una meno tecnica RCZ.
Ritratto di troy bayliss
3 agosto 2015 - 13:50
1
x andrea zero uno: il divertimento ognuno lo intende a proprio piacimento. A te può piacere domare un mezzo, e ci stà fino a quando ti và bene, nn penso tu sia un pilota, anche quelli arrivano fino a un certo punto. A ivan può piacere guidare un R1 2015...a me per es. piace domare una curva ad alta velocità pennellando un buona traiettoria e vedi che la macchina tiene i tuoi comandi manuali dati dall'acceleratore+sterzo però è anche dare una manata di gas in moto all'uscita di una curva e vedi che la moto si alza di 20/30 cm e allunga "urlando" come una pazza oppure farti una bella piega col ginocchio in terra.Tutte sensazioni che posso o meno dare "orgasmi automobilistici".Per finire vorrei dire ad ivan: occhio all'R1 pensa prima di fare e mano dx sempre collegata al cervello...SEMPRE. Ad andrea invece dico che mi piacerebbe che sedessi accanto a me con la TT 2.0 o anche la 1.8..anzi meglio la tdi 184 cv e fare le curve di teulada...e poi vedi cosa vuol dire sportività senza traversi PS: cercati curve di teulada, da me ampiamente percorse sia in auto (A3 2.0 tdi da 140 cv e in moto con gsx r600)...un saluto
Ritratto di Andrea ZeroUno
31 luglio 2015 - 16:20
Dimenticavo, pure per le moto la penso diversamente. un mezzo simile e' sprecato se non usata in pista, visto che non la riuscirai mai a portare al limite sulle strada pubbliche. Meglio, dal mio punto di vista, usare un mezzo piu' leggero, meno cavallato, ma piu facile da portare al limite in una classica strada di montagna , con il quale potrai apprezzare il telaio, le sospensioni, senza dover raggiungere velocita prossime a quelle di curvatura.
Ritratto di Ivan92
31 luglio 2015 - 16:59
8
@AndreaZeroUno. Chiaro, il divertimento è soggettivo, il mio esempio della Z3 non era come paragone delle auto moderne ma per fare un esempio di una vettura che non nasce per essere una vera sportiva ma più da turismo, mentre una Z3 M diventa una sportiva perchè oltre ad un motore molto più performante anche l'aspetto di assetto e freni è molto più curato o per fare un esempio più recente e più evidente, e molto più sportiva una Megane RS a trazione anteriore di una BMW 114i a trazione posteriore (giustamente visto che non sono destinate minimanente per lo stesso utilizzo). Io per sportività vedo i freni, assetto, stabilità, motore, distribuzione dei pesi, tutte cose che influiscono sulla dinamica di guida, poi se la trazione è davanti ma è studiata bene il problema passa in secondo piaco, così come i 200 kg - 300 kg in più delle auto del passato passano in secondo piano se poi la dinamica di guida si dimostra esaltante. Riguardo ai tempi in pista i dati da me inseriti sono stati fatti tutti dalla stessa rivista in periodi diversi dell'anno, e come ho già scritto non sono "una scienza esatta" però quando c'è un divario di 7 secondi su un circuito molto tecnico lungo solo 2,5 km questo fa capire che la TT con il 2.0 TFSI non solo sarebbe in grado di superare la GT86 in qualsiasi momento sul dritto, ma anche di stargli incollata al paraurti posteriore in qualsiasi curva. Riguardo alla moto, faccio il "grande salto" proprio perchè è da 5 anni che guido una moto che riesco a sfruttare al limite. Poi che il motore da 200 cv di una R1 non sarà sfruttabile in strada sono d'accordo, ma tutto il resto come telaio, sospensioni, freni si possono godere anche in strada.
Ritratto di Bear Boss
31 luglio 2015 - 19:41
Penso tu non abbia idea di cosa possa fare la GT86, non hai visto i test, i confronti su YT e non l'abbia neppure guidata (ma neanche ci sei salito sopra). Sei un fanboy dell'Audi si è capito dai commenti che lasci di solito e detesti le giapponesi ma dovresti aprire un po la mente e convincerti che non sono auto adatte ai circuiti, non sono specialistiche, non lo sono mai state e neppure lo vogliono essere perché non nascono con quell'obiettivo.
Ritratto di Ivan92
31 luglio 2015 - 20:07
8
@Bear Boss, se pensi che sono "un fanboy dell'Audi" allora avresti fatto meglio a non rispondermi, riguardo "si è capito dai commenti che lasci di solito e detesti le giapponesi" ti pregherei di citarmene alcuni di questi commenti per farmi capire da quando "odio le giapponesi" . Visto che sono uno dei pochi utenti neutri sul sito che motivano sempre il loro parere e non vanno a provocare. Riguardo alla GT86 non ho bisogno di guardare su youtube, mi è bastato incontrare un possessore arrogante con una GT86 che non voleva spostarsi dalla corsia di sorpasso nonostante abbia avuto 2 corsie libere a destra, che dopo la 3a sfanalata ha premuto l'acceleratore ed è arrivato sui 210 - 215 km/h (tra l'altro io premevo neanche il 60% dell'acceleratore per stargli dietro), ed indovina com'è finita? Gli sono passato da destra senza nessuna fatica, e non con una Ferrari, nemmeno con un Audi, ma con una Opel. E dopo 15 secondi la GT86 è rimasta solo un lontano puntino nello specchietto fino a scomparire. Detto questo la GT86 a me piace molto ed è l'unica auto a trazione posteriore ad un prezzo ragionevole studiata solo per divertirsi, però non vedo perchè un suo fan come te debba prendersela se qualcuno fa notare che una TT con 30 cv in più è in grado di andare più forte, rilassati visto che nessuno ha detto che faccia schifo, anzi...
Ritratto di Bear Boss
31 luglio 2015 - 23:58
Strada a tre corsie quindi autostrada o il GRA, 2 litri turbo 240 cv contro aspirato da 200, mi sembra logico che tu lo abbia passato anzi e'stato sciocco lui a non darti strada, ma si parlava di misto prima, se consideriamo che (letto una volta su EVO e mai più dimenticato) una Fiesta ben guidata sul misto può tenersi dietro una supercar immaginiamo cosa si può fare con una 86 o una vecchia Elise...tornando al discorso tuning ritengo la 86 un auto nata esclusivamente per essere elaborata, negli states le montano su addirittura V8 Lexus sovralimentati talvolta, roba da farla diventare un dragster, il bello delle giapponesi e' proprio questo: Sono le auto più elaborabili al mondo mantenendo per giunta un affidabilità notevole, obiettivo impossibile per le europee che mal sopportano elaborazioni pesanti e quelle più esasperate non le consentono affatto. Ma chiedo venia sul tuo pensiero sulle nipponiche: Hai dato 5 volanti alla RC quindi mi ero sbagliato.
Pagine