NEWS

Auto elettrica: quanto mi costi?

Pubblicato 29 agosto 2019

Una comparazione di quanto costa un tragitto medio, evidenzia le enormi differenze nei vari paesi del mondo.

Auto elettrica: quanto mi costi?

HOW MUCH - Quanto costa fare il pieno dell'auto elettrica? Il Sole24ore ha realizzato un’infografica dove sono messi a confronto i vari paesi del mondo. Il dato indicato si riferisce al costo di un tragitto di 100 miglia (160 km) con una Tesla Model S (autonomia dichiarata di 416 km), basandosi sul prezzo del kilowattora; è indicato anche il costo della singola ricarica (i dati sono forniti da Comparethemarket.com).

I VIRTUOSI - Nella classifica dei paesi più economici svetta il Cile, dove il prezzo per kilowattora è di 0,06 centesimi di euro; in questo paese per percorrere 100 miglia sono necessari 2,40 euro. Completano la mini classifica dei paesi più economici l’Australia, dove il prezzo per kWh è di 0,10 centesimi di euro (3,78 euro per percorrere 100 miglia), e il Canada, che ha gli stessi costi. Per quanto riguarda i paesi europei è l’Ungheria quella più economica, con un prezzo medio dell’energia di 0,12 centesimi di euro per kWh (4,47 euro il costo per percorrere 100 miglia).

 

 

ITALIA COSTOSA - Nella fascia dei paesi europei più cari figurano Belgio (0,35 centesimi a kWh) Germania (0,29 centesimi a kWh) e Danimarca (0,30 centesimi a kWh). L’Italia si classifica al quartultimo posto, con un prezzo per kWh di 0,24 (9,27 euro per percorrere 100 miglia).



Aggiungi un commento
Ritratto di remor
30 agosto 2019 - 20:19
Se si va a rileggere il mio primo commento di questa catena è proprio ciò che sostengo dall'inizio (e quindi trovo strano si sia resa necessaria tutta la sopra serie di controcommenti). Ossia che l'utente elettrico ancor più di quello tradizionale, se non vuole rischiare di incrementare e di molto in percentuale quello che potenzialmente molto poco gli può costare il rifornimento, deve essere accorto e non adagiarsi sulle comodità. Di più, a dire il vero, in quel primo commento invece che solo limitarsi ad evitare le colonnine da 0,5€/kWh per recarsi solo presso quelle da 0.3, consigliavo di sfruttare le eventuali colonnine gratuite (ad esempio le SuperCharger per chi ha una Tesla) o, presumendo nel Brennero ce sia qualcuna in più le Ionity con gli 8€ fissi per fare il pieno.
Ritratto di Thunder1
30 agosto 2019 - 20:35
1
Il tuo primo commento mette in dubbio il risparmio delle auto elettriche, quando per l'elettrica da 100 kwh di batteria e 0-100 in 3,8 secondi spendi neanche 10 euro per fare 160 km, mentre per fare gli stessi 160 km con la tua Kia Rio che per arrivare a 100 impiega almeno 10 secondi (e son ottimistico) ne spendi 16 (vedasi 14,9 km/litro rilevati da AV). Quindi con la berlina elettrica dell'articolo non solo risparmi spendendo meno di un utilitaria ma svernici anche il 99% delle auto in circolazione.
Ritratto di remor
31 agosto 2019 - 07:57
None, non era quello l'intento. Altrimenti ci sarebbe stato scritto striminzitamente, che l'elettrico fa spendere quanto il benzina punto e basta (cosa che non è). Si metteva invece in evidenza che l'elettrico può essere conveniente, anche moooolto, nei consumi ma ciò, soprattutto in certi tipi d'uso, richiederà una certa accortezza a chi lo utilizza. In particolare sul frangente autostradale, visto che stiamo focalizzandolo, mi azzardo a ipotizzare che un domani si potrebbe riempire sì di colonnine ma, come magicamente il prezzo dei carburanti in autostrada è più elevato (anche di un +20%) che altrove e non se ne capisce il perché, non mi meraviglierei se in autostrada le colonnine fossero essenzialmente a 0,5€/kWh (che abbiamo detto è ben il 66% in più di 0,3€ ed infinito rispetto a pagare la ricarica 0€). Quindi l'utente accorto per risparmiare dovrà rinunciare a un minimo di linearità nel viaggio e preventivare come tappe intermedie di uscire dal casello e andarsi a ricaricare a una colonnina eventualmente addirittura gratis (se appunto nel caso Tesla), eventualmente facendo anche un po' di fila per l'attesa (si sa, il gratis piace ai più, giustamente). Se ricaricasse a 0.5€ è stato fatto sopra il calcolo si ritroverebbe a spendere come circa una Giulia Quadrifoglio, ma era solo un caso estremo di auto tradizionale estremamente performante e quindi ciucciabenzina, perché ovviamente l'autostrada non è un circuito visto che fondamentalmente ti metti a 130 e a tanto vai, e in quelle condizioni Primo hai pochi 0-100 in 2.9sec da sfruttare, Secondo a 130 i consumi di qualsiasi elettrica non sono proprio fantasmagorici (anzi in alcuni casi tutt'altro) viceversa ci sono un'infinità di auto diesel o gpl o ancora meglio metano (che ovviamente dovrebbe anche lei uscire dal casello per andare a ricaricare) che a quelle andature farebbero dei costi chilometrici mafari anche migliori di una analoga elettrica ricaricata ANCHE ai suddetti standardizzati 0,3€/kWh. Per dire, testati dalla rivista concorrente la Model 3 in autostrada fa reali 4.1km/kWh, la Leaf 4.4, la e-Soul 3.7, ma la e-Tron finanche 2,5 !!! Per cui a 0,3€/kWh significherebbe che con 1.5 euro si fanno max 22Km della Leaf (penso alla portata di molte auto a metano) ma nel caso del suv tedesco anche solo 12.5. Beh in autostrada la Stelvio diesel 210Cv fa reali, consideriamo la coincidenza dei circa 1.5€ al costo di un litro di nafta, 13,6 al litro, inaspettatamente (???) meglio della e-Tron ricaricata seppur a 0,3 e non a 0,5€/kWh.
Ritratto di remor
31 agosto 2019 - 08:18
*** La Golf Tgi fa reali in autostrada 23,1Km al kg di metano, che col prezzo di circa 1€/Kg, significa che coi sopra menzionati 1.5€ se ne fanno circa di 35Km in autostrada.
Ritratto di Thunder1
31 agosto 2019 - 09:42
1
Ancora con sti paragoni da down, vai a paragonare auto scialbe con accelerazioni da luumaca con dei missili da drag race. Confondendo pure segmenti e prendendo una e-tron (che dovrebbe essere confrontata con Levante turbo benzina da oltre 400 cv) con uno stelvio diesel 4 cilindri. Sei veramente ignorante. Poi tornando alla suddetta auto dell'articolo le suddette colonnine da 0,30e sono comodissime e attaccate all'autostrada, non sono MAI piene essendoci tanti stalli e sono pure GRATIS A VITA per la maggior parte dei modelli della casa. Praticamente con l'auto dell'articolo comprata oggi da Brennero a Reggio Calabria spendi 0e di ricariche e volendo te la fai tutta a 261 km/h che tanto ti fermi gratis a ricaricare. Prendere un auto da 2,6 sec nello 0-100 km/h (quella attuale) e confrontarla con una golf ammmetanooo1!1!1! invece è talmente stupido e idiotaa che neanche vale la pena di essere discusso.
Ritratto di remor
31 agosto 2019 - 11:32
C'erano degli opportuni e mirati paragoni per una valutazione a tutto tondo dell'elettrica vs le tradizionali. Anche perché non penso tutti quelli che vorranno rivolgersi alle elettrizzate potranno investire i comunque circa 100 mila euro a listino di una Model S Performance. Lo rimetto in evidenza, seppur mi sembrerebbe fosse evidente, che la Golf Tgi era in contrapposizione alla Leaf CHE FRA L'ALTRO DEVO RETTIFICARE fa 4.4 come consumo NON autostradale bensì medio, in autostrada fa 3.5km/kWh !!!! La Stelvio 2.2d era in contrapposizione alla e-Tron, sottolineando poi con 0-100 rispettivamente di 6.5sec vs 5.4 (quindi non ci vedo alcuna lumàca al cospetto di dragster), e ribadisco l'italiana ad andatura autostradale ha un costo chilometrico perfino minore dell'elettrica tedesca anche quando ricaricata agli ottimali 0.3kWh. La Giulia Quadrifoglio alla Tesla S, e tolta la solita questione dello 0-100 darei per scontato che in qualsiasi tracciato guidato l'italiana lasci al palo l'americana (ribadisco tracciato guidato. Invece in un eventuale tracciato fatto di un rettilineo con tanti semafori cui ogni volta fermarsi e ripartire allora vincerebbe effettivamente la S). Lascio perdere il discorso del farsi l'eventuale giro d'Europa con un elettrica a gratis, far passare l'idea che il continente sia (o sarà) disseminato di colonnine gratuite x tutti + in ogni dove con in particolare ad ogni uscita di qualsiasi tratto autostradale + praticamente sempre con almeno una postazione libera a prescindere da quante poi sarebbero le auto elettriche circolanti in quel giorno nei paraggi mi sembra, nel migliore dei casi, eufemistico.
Ritratto di remor
31 agosto 2019 - 11:52
Fra l'altro io ce l'ho a portata di mano un casello autostradale. Quindi sarei il primo entusiasta nel sapere che a qualsiasi ora c'è lì una colonnina fast AGGRATIS e sempre LIBERA che mi aspetta. Impegnerei tranquillamente quella mezzoratte settimanale per andare+ricaricare fast+tornare e ritrovarmi gratuita l'autonomia per girarci poi l'intera settimana. Senza nemmeno più, fra l'altro, la necessità del posto auto per la wall box, a quel punto ampiamente bypassabile. Chi non desidererebbe un tale scenario?
Ritratto di Thunder1
31 agosto 2019 - 12:57
1
Se ignorante come una capra. Le colonnine elettriche in tutta europa esistono già per la suddetta Model S Performance, non è che bisogna aspettarle. La suddetta Model S Performance si ricarica a casa con meno di 10 euro x fare 160 km mentre la Giulia necessita di almeno 24 euro per lo stesso tragitto, la Model S Performance viaggia GRATIS in tutta Europa mentre la Giulia necessita svariate centinaia di euro per fare un migliaio di km. Tutte le altre EV citate con il discorso dell'auto dell'articolo non c'entrano nulla (anche se va precisato che 5,4 sec nello 0-100 km/h vs 6,5 sec vuol dire lasciarsi dietro l'auto più lenta di decine di metri in accelerazione). Negare l'evidenza dell'abissale risparmio con una Model S Performance vs qualsiasi termica in grado di starle anche vicino prestazionalmente vuol dire essere degli idiotii che non sanno fare un calcolo matematico da scuole elementari .
Ritratto di remor
31 agosto 2019 - 13:47
Probabilmente non avrai preso informazioni in merito e penserai che veramente ci sia già attualmente un Superchager praticamente ogni 3-4km di strada, alla stregua dei classici distributori di benzina, a prescindere da dove ti trovi in Europa. Spero il seguente link possa un attimo meglio delucidare in merito sullo stato, invece, reale delle cose https://auto.hwupgrade.it/news/tecnologia/tesla-aggiorna-la-mappa-delle-stazioni-supercharger-raddoppieranno-in-italia-raggiungendo-anche-le-isole_83520.html Da notare che al di sotto della linea roma-pescara se ne contano in totale una decina, 7 se si escludono le isole. Una decina di impianti di distribuzione per metà o circa popolazione italiana sparpagliati su altrettanto territorio, chiunque riuscirà certamente a usufruirne e viaggiare gratis qualsiasi sia il tragitto che ha deciso di intraprendere quel giorno.. ..
Ritratto di remor
31 agosto 2019 - 14:09
Sul fatto delle prestazioni, va ripetuto, che tolto lo 0-100 (ed eventuali riprese in alcuni range di velocità) l'auto poi farà nel complesso bene ma davvero non fa niente di eccezionale come prestazioni a tutto tondo. Al Ring, per dire, girerà circa come una Seat Leon SW Cupra. E se uno vuole in assoluto prestazioni col minimo dei costi si prende una Camaro ZL1 che sempre al Ring le darà alla S un minuto circa di distacco e coi 40 mila euro risparmiati ci mette benzina per una ventina di anni. Ripeto a meno che uno per PRESTAZIONI in un'auto non ci veda solo e assolutissimamente solo lo 0-100 e la ripresa. In tal caso amen, la tesla S è la più prestazionale, magari faranno una 500 Abarth elettrica a 50 mila euro da 0-100 in 2.5sec che poi non andrà oltre i 150km/h e starà in strada peggio di una Panda base per cui al Ring girerebbe in 15 minuti, ma hey resta inarrivabile PRESTAZIONALMENTE per auto tradizionali di pari prezzo perché trovamela una qualsiasi a auto benzina da 50 mila euro che faccia 0-100 in 2.5sec.
Pagine