NEWS

Auto elettrica: quanto mi costi?

Pubblicato 29 agosto 2019

Una comparazione di quanto costa un tragitto medio, evidenzia le enormi differenze nei vari paesi del mondo.

Auto elettrica: quanto mi costi?

HOW MUCH - Quanto costa fare il pieno dell'auto elettrica? Il Sole24ore ha realizzato un’infografica dove sono messi a confronto i vari paesi del mondo. Il dato indicato si riferisce al costo di un tragitto di 100 miglia (160 km) con una Tesla Model S (autonomia dichiarata di 416 km), basandosi sul prezzo del kilowattora; è indicato anche il costo della singola ricarica (i dati sono forniti da Comparethemarket.com).

I VIRTUOSI - Nella classifica dei paesi più economici svetta il Cile, dove il prezzo per kilowattora è di 0,06 centesimi di euro; in questo paese per percorrere 100 miglia sono necessari 2,40 euro. Completano la mini classifica dei paesi più economici l’Australia, dove il prezzo per kWh è di 0,10 centesimi di euro (3,78 euro per percorrere 100 miglia), e il Canada, che ha gli stessi costi. Per quanto riguarda i paesi europei è l’Ungheria quella più economica, con un prezzo medio dell’energia di 0,12 centesimi di euro per kWh (4,47 euro il costo per percorrere 100 miglia).

 

 

ITALIA COSTOSA - Nella fascia dei paesi europei più cari figurano Belgio (0,35 centesimi a kWh) Germania (0,29 centesimi a kWh) e Danimarca (0,30 centesimi a kWh). L’Italia si classifica al quartultimo posto, con un prezzo per kWh di 0,24 (9,27 euro per percorrere 100 miglia).



Aggiungi un commento
Ritratto di remor
31 agosto 2019 - 14:48
Alla fine sono anche strategie di marketing. Anche in Chevrolet avrebbero potuto dire (e viste le prestazioni non sarebbe sembrato nemmeno un torto) signori la Camaro ZL1 costa 100 mila euro (invece che 60). Inclusi nel prezzo il fatto che ad ogni distributore che andrete per una convenzione fatta da Chevrolet pagherete la metà di quanto pagano gli altri. In più sparsi per l'Italia un po' di distributori (una decina dei quali da roma in giù, isole comprese) in cui il pieno non vi costerà nulla. Il tutto per un totale di 1000 pieni a metà costo o addirittura gratis, in pratica 500 mila km, in pratica l'intera vita della macchina. Avremmo per questo detto che chi viaggia in Camaro Zl1 (pagata 100 mila euro), a circa le stesse condizioni di costi ricarica della S Performance viaggia a metà prezzo se non addirittura gratis mente chi viaggia in Mustang Shelby (pagata però 66 mila euro) si prende il salasso completo? -----da notare che fra l'altro che come la ZL1 anche la Shelby andrà nel complesso un sacco più forte della S Performance, 0-100 a parte...---
Ritratto di Thunder1
31 agosto 2019 - 20:24
1
Caro remor/gjgg/twinturbo/nicktwo è inutile che continui a fare il dementee, tanto chi frequenta questo sito ti conosce già e sa che hai il cervellino di un criceto. I supercharger sono anche troppi visto che dopo la ricarica fai tranquillamente altri 500 km, il fatto che nella tua sfigatissima città non ce ne siano è un altro conto, nei posti civili come il nord Italia ne hai a decine e puoi muoverti ovunque. La Tesla Model S come anche una Maserati Quattroporte GTS, Aston Martin Rapide o Rolls Royce Ghost non si valuta in pista ma con i contenuti reali che offre, e 2,6 sec nello 0-100 e 261 km/h di velocità massima sono contenuti oggettivamente eccezionali. Su strada praticamente in accelerazione e ripresa si lascia dietro chiunque,il tutto a meno di 10 euro per fare 160 km (cioè metà che con la tua kia rio da 13 sec nello 0-100).
Ritratto di Trullo
1 settembre 2019 - 00:37
2
Lo sai che i 500km di autonomia non li avrai mai se ti fai le sparate da 0-100 in 2,6", che tanto decanti, ad ogni stop? Saprai anche che se vai in autostrada a 260km/h non hai 500km di autonomia. Non so nemmeno se abbia l'autonomia necessaria per fare da un SuC all'altro andando fisso a 260km/h :D Sono iscritto da poco a questo sito ma devo dire che sei un ottimo utente. Fai divertire. Comunque, che ti sia chiaro, non, denigro le BEV, anzi... Ne tantomeno le Tesla, che mi piacciono. Ma dovresti essere un po' più obiettivo quando commenti. Non puoi dire che hai 500km di autonomia, e poi sono degli sfigati quelli che rispettano il codice della strada. Lo capisci che ti contraddici da un commento a quello successivo? :)
Ritratto di Thunder1
1 settembre 2019 - 09:38
1
I 500 km sono la percorrenza reale con un pieno nell'utilizzo normale misto, però a meno di dover fare 500 km tutti i giorni non vedo che problema ci sia a farsi lo 0-100 km/h in 2,6 secondi e toccare i 261 km/h riducendo l'autonomia, quanti di voi ogni giorni fanno 500 km? Ma anche 300 km ogni giorno? Nessuno... Quindi cosa cambia se guidi normalmente o scateni la belva se tanto non riesci nemmeno a scaricarla sotto il 50% nell'utilizzo quotidiano?
Ritratto di Trullo
1 settembre 2019 - 09:43
2
Finalmente un commento dove ti appoggio. Sono d'accordo con te. Penso che nell'uso quotidiano, casa-lavoro, si possano fare tra i 30 ed i 100 km al massimo, salvo casi eccezionali. Poi ogni situazione è soggettiva perché uno può lavorare anche a 5km da casa. Comunque, ci sta "divertirsi" usando tutta la coppia a disposizione.
Ritratto di remor
1 settembre 2019 - 09:45
Parlare di velocità, e di medie, oltre i 130km/h in territorio italiano non ha senso se non per un uso pistaiolo. E, senza voler denigrare un comunque ottimo prodotto come l'americana, """""in pista"""""" il livello prestazionale è alla stregua di una Leon SW Cupra. Diremmo di una S7, o di una 840d che ha prestazioni ineguagliate nella categoria? No perché le si valutano per il tempo in pista, e in pista faranno quanto circa una S Performance, ossia quanto (come sopra sottolineato) una Leon Cupra Sw. Il fatto dell'accelerazione top dell'elettrica è solo uno dei tanti aspetti che concorrono a definire o meno la prestazionalità della vettura, ma da solo non basta. Anzi paradossalmente se a livello di accelerazioni e riprese la macchina ha tante potenzialità ma poi nel complesso gira relativamente non altrettanto bene, significa che pecca in altre questioni dinamiche (e chi ne sa di auto avrà già capito la discriminante peso). L'accelerazione è solo un aspetto. Per qualcun altro potrebbe essere la sola velocità max a definire l'essere top prestazionale. Per qualcun altro ancora potrebbe essere la sola tenuta in curva. Tutti sarebbero fuori strada, perché la macchina è prestazionale in assoluto se poi su un tracciato si mette alle spalle tutto il resto del panorama di concorrenti. Fra l'altro la S è anche un esempio poco azzeccato fra i modelli elettrici americani, perché molto più equilibrata è la 3 che volendo gira anche meglio della sorellona pur costandole un sacco meno. Però la 3, purtroppo, non porta lo scudetto dello 0-100 in 2.6sec quindi, pur essendo più prestazionale nel complesso dell'altra (e moooolto più in su come rapporto performance/prezzo), viene paradossalmente omessa
Ritratto di remor
1 settembre 2019 - 10:08
Ma NB che questo fatto dello 0-100 stia sempre più prendendo piede, diventando quasi un nuovo dogma assoluto non lo nego. Sono sempre più le videorecensioni di auto elettriche (per fortuna quasi sempre straniere che qui in Italia abbiamo ben altra cultura automobilistica e dei drag race ce ne importa veramente poco) in cui magari 15-20 minuti di video e non fanno altro che sparáte in rettilineo 0-100 per poi subito fermarsi. Ripetutamente. E poi magari parlano col tecnico della casa madre per farsi spiegare in merito alla straordinarietà di fare ripetute partenze a quei ritmi senza mettere in crisi il powertrain. Poi di nuovo altre tot sparàte da fermo. Insomma 20 minuti e l'auto non ha visto una curva. Bah
Ritratto di Thunder1
1 settembre 2019 - 10:26
1
NB, si la conosco la magica cultura automobilistica della quale parli: http://listino.motori24.ilsole24ore.com/auto-prezzi/classifiche/le-auto-piu-vendute-in-italia/ nella top 3 roba come Fiat Panda, Lancia Ypsilon e Jeep Renegade. Praticamente quando una Tesla Model S ha finito il giro del ring una Lancia Ypsilon non è neanche a metà circuito. E quando una Model S è arrivata a 200 km/h la Ypsilon non ha ancora messo la terza. Questa è la grande cultura automobilistica qui in Italia, Ypsilon, Panda, Renegade....
Ritratto di remor
1 settembre 2019 - 11:02
Essì perché relativamente al tenore di vita medio, in Italia, fra costi di bollo e assicurazione e accise sui carburanti è alla portata di tutti materializzare le proprie aspettative e mettersi in garage una coupé da minimo 300 cavalli. Intanto di Abarth 500 nel suo piccolo (visto la possibilità di non far salire alle stelle i suddetti costi) il belpaese ne è pieno. NB La piccola Abarth, base, scatta 0-100 in meno di 8 sec, a meno di 1.5sec da una Model 3 base. Scarto minore ad esempio degli oltre 2 secondi che passano fra lo 0-100 della stessa Model base (5.6sec) e la versione Performance (3.4sec)
Ritratto di Thunder1
1 settembre 2019 - 12:43
1
Il belpaese è pieno di 500 abarth? Ma se non sta manco nella top 50 (e forse manco nella top 100).
Pagine