NEWS

Auto ibride: il Ministero le classifica in tre fasce

Pubblicato 23 dicembre 2019

La diversa classificazione delle ibride in base alle emissioni di CO2 potrebbe preludere all'introduzione di benefici differenziati.

Auto ibride: il Ministero le classifica in tre fasce

NON SONO TUTTE UGUALI - Al motore termico, le auto ibride ne affiancano uno elettrico. Nel caso delle ibride cosiddette mild, o ibride leggere, si tratta di un motore a bassa potenza che interviene per lo più nello spunto e nelle frenate. Le ibride full hanno motori elettrici più potenti (e batterie più capienti), che sono in grado di spingere l'auto fino ad una certa velocità ed aiutare il motore termico aumentandone il brio. Le ibride plug-in sono ibride full con batterie ricaricabili da una sorgente esterna e quindi consentono di percorrere anche decine di chilometri con la sola propulsione elettrica. Queste tre tipologie di auto, sebbene diverse, sono talvolta considerate allo stesso livello per quel che riguarda agevolazioni sul bollo, parcheggi sulle strisce blu, accesso alle Ztl e permessi di circolazione. Questa situazione potrebbe cambiare, stando ad una recente circolare del Ministero dei Trasporti. 

TRE FASCE - Il Mit ha deciso infatti di suddividere le ibride in tre fasce di emissione, in base alle emissioni di anidride carbonica (CO2) fatte registrare in fase di omologazione (secondo il ciclo Nedc) e riportare al rigo V.7 della carta di circolazione. Nel Gruppo 1 ci sono quelle vetture che emettono fino a 60 g/km (attualmente presidiato dalle ibride plug-in), nel Gruppo 2 quelle tra i 61 e i 95 g/km (dove ricadono le ibride full, quelle non ricaricabili dall’esterno) e nel Gruppo 3 quelle oltre i 95 g/km (dove attualmente troviamo le ibride mild). Scopri qui sotto i modelli nelle varie fasce di emissioni:

> Le auto che emettono fino a 60 g/km
> Le auto che emettono da 61 a 95 g/km
> Le auto che emettono oltre 95 g/km

Appare evidente, per quanto il Ministero non lo abbia dichiarato, che questa suddivisione potrebbe servire in futuro per concedere differenti benefici in funzione della CO2 emessa.





Aggiungi un commento
Ritratto di Andrea Ford
24 dicembre 2019 - 16:41
Il mio sogno su ruote (da acquistare rigorosamente con il RDC) è la Lexus ES 300h F-Sport bianca/vetri neri. Questo naturalmente imho e con rispetto parlando. Un saluto. Il Gwent.
Ritratto di Andrea Ford
24 dicembre 2019 - 16:44
Peraltro obbligherei il governo a sostituire le attuali vecchie auto blu con moderne ed efficienti Lexus ES 300h ed LS 500h. Ci sarebbe un risparmio notevole anche per noi contribuenti visto che la benza viene dalle ns tasse. Inoltre sarebbe più piacevole guardare un TG che mostra Lexus blu fare avanti e indietro davanti le telecamere dei giornalisti. Questo naturalmente imho e con rispetto parlando. Un saluto. Il Gwent.
Ritratto di neuropoli
25 dicembre 2019 - 08:13
@Andrea Ford: il mio sogno (che stamattina non si è realizzato... comunque buon natale) è una LFA Nürburgring edition.
Ritratto di andrea999
27 dicembre 2019 - 17:23
HONDA GT-R ???
Ritratto di Andrea Ford
24 dicembre 2019 - 16:52
Lexus è il marchio premium dalle maggiori percentuali di crescita in Cina e anche quello dalla popolarità più in ascesa. Inoltre chiude l'anno con incrementi record in Europa, segnatamente GB dove prima di fine anno ha già raggiunto il suo massimo storico, superiore anche a quello record dei livelli pre-crisi del 2007. La ES ha già raggiunto i 4 mesi di attesa anche se sono le NX ed UX quelle che stanno consentendo a Lexus di arrivare a quote di penetrazione mai viste in Europa. Altri paesi dove ha fatto segnare incrementi record sono Australia e Spagna. Trovate tutti i dettagli su TheLexusEnthusiast. Buone feste. Il Gwent.
Ritratto di Jumputer
25 dicembre 2019 - 10:32
x Kagayaki. Invece qualche tecnico (ingegnere magari) alla motorizzazione ha deciso che verranno tassate quelle sopra i 95 g/km perchè , forse on intaseranno le autostrade, ma invece intasano di CO2 l'atmosfera terrestre e quelle diesel anche i nostri polmoni con PM2,5 (quando spurga il "magico" FAP). E anche intasano i polmoni dei nostri figli purtroppo.. intasassero solo quelli dei proprietari... cavolo.....Buon Natale
Ritratto di remor
26 dicembre 2019 - 15:57
Che emetta abbastanza o meno il fatto è che comunque quando la faranno ibrida plug-in emetterà molto meno e quindi la potranno continuare a produrre ancora per anni e anni e anni (com'è giusto che sia visto che trattasi anche di una bella auto, per lo meno se parliamo della coupé, ihmo). Ovviamente è anche fra virgolette "fortunata" nello specifico visto che l'aggravio di peso del plug-in in tal particolare caso non farà nemmeno storcere il naso ai potenziali clienti datosi che in fondo non è mai stata prerogativa del modello stare davanti alla concorrenza (ci sono, oltre a coupé, anche berline pari segmento che le stanno avanti prestazionalmente parlando)
Ritratto di remor
26 dicembre 2019 - 15:58
* imho (colpa del T9)
Ritratto di Jumputer
27 dicembre 2019 - 22:41
z Kagagati ,, mi inchino alla tua superiore conoscenza tecnica delle auto. Mi rendo perfettamnte conto di non poter portare più argomentazioni valide se non che non sapevo che possedevi una rs5 che è effettivamente conosciuta come un'auto che non emette co2 infatti la motorizzazione credo la abbia esclusa dalle auto tassate da superbollo e ecotassa... sei un fortunato a poter sfrecciare 240. credo che quando passi tu escludono anche i tutor. va be.. hai portato il solito intelligente esempio di auto per tutti e rende le tue testomonianze ed esperienze di guida da laurea da honorem in tecnica automobilistica. Chapeau
Ritratto di remor
23 dicembre 2019 - 21:13
Fa parte del percorso naturale della questione. Mi sembra abbastanza ovvio che col passare degli anni e coi relativi limiti sempre più bassi le Plug-in a un certo punto si ritroveranno in una situazione nemmeno solo di convenienza logica ma praticamente di quasi esclusività a livello di possibile proposta ed acquisto
Pagine