NEWS

Bacino padano: rimandato il blocco delle diesel Euro 4

Pubblicato 01 agosto 2020

In relazione alle condizioni di emergenza straordinaria le Regioni spostano il divieto dal 1° ottobre 2020 al 1° gennaio 2021.

Bacino padano: rimandato il blocco delle diesel Euro 4

SLITTA IL BLOCCO - Le Regioni Lombardia, Emilia Romagna Veneto e Piemonte hanno deciso congiuntamente di posticipare il blocco dei veicoli diesel euro 4 dal 1° ottobre 2020 al 1° gennaio 2021. Una decisione che da tempo era nell’aria e che trova giustificazione nelle condizioni di grande emergenza in cui si trova il mercato dell’auto a seguito della pandemia da Covid-19. Una decisione presa nel corso di una videoconferenza tra gli assessori regionali all'ambiente Raffaele Cattaneo (Lombardia), Irene Priolo (Emilia Romagna), Matteo Marnati (Piemonte) e Gianpaolo Bottacin (Veneto).

PROVVEDIMENTO DA COMPENSARE - Questa sospensione del blocco dei diesel Euro 4, ha fatto sì che gli assessori si siano impegnati a compensare con altre misure eventuali innalzamenti dei livelli delle polvere sottili, ad esempio con modifiche alle limitazioni del traffico, nel corso dei prossimi mesi. Questa misura insomma dovrà essere bilanciata, fanno sapere le Regioni interessate, da altre misure a favore della qualità dell’aria. In particolare l’assessore lombardo Cattaneo ha aggiunto che la giunta lavorerà a stretto contatto con i tecnici per una serie di aggiornamenti, ad esempio sullo sviluppo degli impianti di riscaldamento a biomassa (sostanzialmente con pellet e legno), da sottoporre in autunno ai presidenti delle Regioni e al Ministero dell’Ambiente, per valutare quali eventuali modifiche attuare dal primo di gennaio 2021. 



Aggiungi un commento
Ritratto di Challenger RT
2 agosto 2020 - 00:58
Blocco oggi o blocco domani speriamo che con gli incentivi la gente passi finalmente ai motori benzina (o ibridi, o elettrici) come nei paesi avanzati automobilisticamente parlando (ma anche in Italia fino agli anni '80...)
Ritratto di Cancello92
3 agosto 2020 - 09:15
Basterebbe avere i carburanti allo stesso prezzo dei paesi avanzati, idem per i trasporti pubblici.
Ritratto di deutsch
3 agosto 2020 - 12:12
4
se ti va di pagare il biglietto dei mezzi pubblici anche più di € 4.00, vedi stoccolma
Ritratto di Challenger RT
3 agosto 2020 - 13:36
C'è da lamentarsi per il prezzo della benzina che in Italia è uno dei più alti al mondo ma non per il costo dei biglietti dei trasporti pubblici (autobus, tram e treni) che sono invece tra i più bassi.
Ritratto di lidel
3 agosto 2020 - 15:14
2
idem per gli stipendi, nonchè per tutto il resto
Ritratto di Dario 61
3 agosto 2020 - 16:11
Ecco, bravo! Ad ogni modo, utilizzando auto a benzina vedresti l’innalzamento della co2..., come sta già succedendo. Chi demonizza a prescindere il ‘diesel’ è perché di motori ne capisce poco e si beve le falsità green dei nostri amministratori pubblici.
Ritratto di Mark R
3 agosto 2020 - 16:33
Sicuro? Prima di fare certe affermazioni bisogna informarsi... Vedi differenze tra iniezione diretta ed indiretta, produzione di CO2 per litro di benzina e diesel bruciato, consumi odierni di una benzina o mild o full hybrid. Qua su questo blog si vede subito chi si beve le notizie dei media.....
Ritratto di Dario 61
3 agosto 2020 - 16:37
I valori di co2 sono dichiarati a listino per ogni auto.
Ritratto di Mark R
3 agosto 2020 - 16:51
E quei valori a cosa fanno riferimento? Al ciclo di omologazione distante dalla realtà... Dunque molto attendibili vero? Come per i diesel non tengono conto delle rigenerazioni del FAP, etc e soprattutto dell'invecchiamento del FAP, perdita di prestazioni dei diesel dovuta dall'EGR etc... Da nuove tutte le auto vanno bene.
Ritratto di Dario 61
3 agosto 2020 - 16:54
Eh si, invecchiano solo i diesel...
Pagine