Bentley Continental GT: si è rifatta da cima a fondo

30 agosto 2017

Dopo 14 anni di carriera la Continental GT viene completamente rivista: è attesa in anteprima al Salone di Francoforte.

Bentley Continental GT: si è rifatta da cima a fondo

SEMBRA PIÙ CORTA - Il prototipo EXP 10 Speed 6 ha anticipato nel 2016 le novità per la carrozzeria e gli interni delle future Bentley. La prima vettura a riprenderle è la terza edizione della coupé Bentley Continental GT, rivale delle Aston Martin DB 11 e Mercedes S Coupé, che appare molto più dinamica e scolpita di quella che sostituisce nonostante le dimensioni esterne siano quasi del tutto invariate: la lunghezza rimane di 481 cm, la larghezza passa da 194 a 195 cm e l’altezza cresce di 1 cm (a 141 cm). Il nuovo modello ha una carrozzeria più scavata, archi passaruota ben torniti e il tetto a goccia, che si congiunge ad un posteriore filante. I fari sono incassati e hanno dimensioni più contenute rispetto al passato, complice l’utilizzo della tecnologia a led con funzione Matrix: il fascio luminoso può essere modulato per non abbagliare chi arriva in senso opposto o concentrare la luce su una parte della strada.

PERSONALIZZAZIONI INFINITE - Le novità sono molto profonde anche a livello tecnico, perché la nuova Bentley Continental GT riprende la piattaforma di base già utilizzata sulla Porsche Panamera, in nome delle condivisioni all’interno del gruppo Volkswagen. È proprio grazie alla nuova base meccanica che le ruote anteriori (da 21 o 22 pollici) si trovano ora 13,5 cm più avanti rispetto al passato. La scocca dell’auto è più leggera di 80 kg, ma questo non significa che la Bentley Continental GT diventi all’improvviso un’auto leggera e maneggevole: il costruttore inglese dichiara un peso in ordine di marcia (con guidatore, benzina ed i liquidi) superiore a 2.200 kg. La coupé del resto ha dotazioni equivalenti ad un’ammiraglia, come da ammiraglia sono anche le personalizzazioni nell’abitacolo: il guidatore può contare su 15 tipi di moquette, 15 varietà di rivestimenti in pelle, sedili elettrici con 20 regolazioni e un impianto audio da 18 altoparlanti e 2.200 watt (a richiesta). All’interno ci sono anche 10 metri quadrati di legno.

OLTRE 600 CV - Anche plancia della Bentley Continental GT è stata completamente rinnovata e appare più moderna, grazie al quadro strumenti digitale e all’inedito Bentley Rotating Display, lo schermo nella plancia da 12,3 pollici che il guidatore può regolare su tre posizioni: attraverso un meccanismo può infatti mostrare lo schermo, ruotarlo per farlo “mimetizzare” nella plancia o ruotarlo ancora per mostrare tre indicatori a lancette riservati alla temperatura esterna, la bussola e il cronometro. La dinamica su strada dell’auto può essere gestita tramite il sistema per scegliere la modalità di guida preferita e il nuovo Bentley Dynamic Ride, che muove attuatori sulla barra anti-rollio e fa cambiare le risposte dell’auto in accordo alle modalità Comfort, Bentley o Sport. Il motore è un’evoluzione del noto benzina 12 cilindri con disposizione a W sovralimentato di 6.0 litri, che raggiunge la potenza di 635 CV e si abbina a un inedito cambio doppia frizione a 8 marce. La Bentley parla di un’accelerazione 0-100 km/h in 3,7 secondi e di una velocità massima pari a 333 km/h.

Bentley Continental GT
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
50
13
3
2
1
VOTO MEDIO
4,6
4.57971
69
Aggiungi un commento
Ritratto di AMG
30 agosto 2017 - 14:52
Io onestamente tutto il contrario, tra le "extra-lusso" è senz'altro il mio marchio preferito! Lasciamo stare il Bentayga come discorso a parte, anche perché la concorrenza si potrà giudicare solo tra un pò di tempo se riuscirà a fare di meglio, parlando appunto di Aston Martine e Rolls Royce ad esempio. La Bentley ha linee classiche molto caratteristiche e un DNA fenomenale, una Rolls Royce sì, ma meno scontata e comunque nobile, anzi colpa della gente tamarra (rapper americani, calciatori etc) l'immagine di alcuni marchi di lusso è in parte danneggiata. Un marchio con una storia e modelli favolosi, lusso senza freni e interni di un'opulenza da togliere il fiato. Linee bellissime. Per dire Aston, da te citata, trovavo la DB9 un'auto da 10 e lode per una linea che per me resterà sempre in mente. Ma la DB11? Non mi piace nemmeno un pò.
Ritratto di Fdet_
30 agosto 2017 - 16:50
come fa una suv da 3 tonnellate ad essere anche minimamente pensata su un pianale ideato per una berlina che ne pesa la metà?! Va bene che il progetto sia sempre del pianale MLB, ma parliamo di quello realizzato per q7-cayenne-touareg. E, per quanto discutibile possa essere la sua linea esterna (anche per me rasenta l'orrido), la raffinatezza delle soluzioni meccaniche è inopinabile. Soprattutto perchè realizzate per trasportare un "camion" da 30 quintali ad oltre 300 orari
Ritratto di Fdet_
30 agosto 2017 - 16:53
dimenticavo, propriamente è il MLBevo quello in questione, quello dell'a4 è il MLB.
Ritratto di hulk74
30 agosto 2017 - 17:39
Non vedo nulla di male se il risultato è buono!
Ritratto di FXB-88
30 agosto 2017 - 18:19
Mi sa che non hai compreso bene il concetto di pianale modulare. Vedrai tra una decina di anni quando il pianale giorgio verrà utilizzato un po' per tutto. Anche il futuro crossover Ferrari ha già i suoi detrattori.
Ritratto di FXB-88
30 agosto 2017 - 19:02
No però verrà utilizzato per fare dalla nuova Giulietta alle future Maserati.
Ritratto di Fdet_
30 agosto 2017 - 19:27
Ok Fabry ero rimasto un po' indietro. Ad ogni modo,, dipende da come si guarda la faccenda, la si può vedere anche come un'auto da 30 mila euro che monta un pianale montato (con i dovuti accorgimenti) su un' auto da 200 mila euro. Questione di prospettive insomma ahaha
Ritratto di Fdet_
31 agosto 2017 - 10:13
Al di là di tutto comunque va sicuramente apprezzata la bontà di progetto della piattaforma MLB,come del resto ormai tutte quelle di nuova progettazione. A livello di flessibilità sono ineccepibili, poi personalmente non ci vedo nulla di male se la base meccanica da cui si parte sia la medesima. È ovvio che poi le differenze ci siano e siano anche sostanziali, ed a farsi apprezzare è proprio il fatto che la bontà del progetto venga palesata dal fatto che questi pianali possano essere montati tanto su auto normali quanto su auto di nicchia. Poi se fan parte dello stesso gruppo la cosa mi pare anche giusta voglio dire...
Ritratto di Fdet_
1 settembre 2017 - 12:51
Un pianale in grado di adattarsi a diverse tipologie di auto, non solo per dimensioni, dimostra un'elevata flessibilità ed un ottimo lavoro, ingegneristicamente parlando. Un conto è parlare di un'auto tipo la Panda, un altro è parlare di Audi e VW. Ora, io non parlo tanto da estimatore vw anche perchè non mi sono mai piaciute, tanto quanto studente di automazione che però un briciolo di meccanica applicata ne sa, ma proprio un "briciolo" eh. Per il lavoro svolto ritengo molto raffinati i pianali anche perchè, ti ricordo, che le Audi sono comunque auto progettate per superare i 200 e anche non di poco, per farla semplice. Perciò dato che le Bentley, per quanto siano auto potenti, di certo non possono definirsi sportive alla stregua di una r8 o di una qualsiasi Lambo, ritengo che la soluzione di condividere un pianale con le Audi sia una scelta vincente. Sia per i costi dove si è fatta di necessità virtù, (visto che la vw non se la passa bene ultimamente con tutte le varie class action) sia perchè, checchè se ne dica, le bentley sono auto votate ad uso stradale tanto quanto le audi, di certo non ti porti un bisonte di 25 quintali in pista. Io, onestamente, non vedo chissà quale scandalo. Te ne fai una questione di principio, dato l'enorme divario di prezzi il che ci può anche stare se non fosse che comunque tale divario sia giustificato da qualità costruttive sia a livello di componenti meccanici che per dettagli interni/esterni comunque infinitamente superiori. E ricorda comunque che per quanto sia lo stesso il pianale (come progetto di partenza eh, sai quanti finanziamenti ci vorrebbero per realizzare un progetto ex novo?) è comunque realizzato per supportare motori da 500-600 cavalli. Per quanto riguarda la questione della scelta della TA queste sono politiche decise dalla VW, non penso serva a qualcosa discutere su quanto sia meglio una TP o meno. Considera anche che oggi il cliente tipo BMW non sa neanche di avere una TP sotto il sedere, ammesso che sappia che differenza ci sia. Pertanto le case automobilistiche ormai, e bisogna rassegnarsi, seguono logiche prettamente economiche, perchè a capo ci sono manager e non meccanici, quindi farne una questione di cuore o passione diventerà sempre più anacronistico. Questo è il mio pensiero in breve, ma rispetto il tuo, per carità
Ritratto di hulk74
1 settembre 2017 - 14:58
Beh dai, nemmeno io apprezzo a pieno vag, ma certe cose le fanno bene! Io tifo più per l'elica... Ma sono moltissime le auto che mi piacciono, dalla Corea all'America... Come detesto certe auto di BMW...
Pagine