Trattamento sportivo per la Bentley Flying Spur V8

Il 4.0 raggiunge quota 528 CV. La Flying Spur S ha estetica più accattivante e sospensioni più reattive.
LUSSO E VELOCITÀ - Le Bentley appartenenti alla linea S interpretano con maggior personalità il ruolo della berlina di lusso: sono modelli sfarzosi e di gran classe, ma il loro comportamento su strada risulta più appagante rispetto alle versioni standard. A questa definizione non sfugge ovviamente la Bentley Flying Spur V8 S, modello più accattivante fra le Flying Spur con motore V8. L’auto verrà esposta al salone dell’automobile di Ginevra (3-13 marzo) e sarà in consegna a partire dall’estate, ad un prezzo che immaginiamo vicino ai 250.000 euro. Il trattamento riservato alla S è evidente già nell’estetica, grazie alla presenza di alcuni dettagli non comuni su una berlina di rappresentanza: la griglia anteriore è di colore nero, l’estrattore posteriore ha finitura lucida e la superficie delle prese d’aria anteriori risulta maggiore.
 
C'È ANCHE TOTAL BLACK - Di serie sulla Bentley Flying Spur V8 S vengono offerti cerchi in lega da 20 pollici, ma in opzione sono disponibili ruote da 21. Queste ultime rientrano nel catalogo di accessori Mulliner Driving Specification, insieme ai vetri oscurati ed alle luci anteriori e posteriori ad effetto fumè. Nell’abitacolo si trovano rivestimenti in legno piano black, il volante a tre razze di tipo sportivo ed una leva del cambio specifica, ad effetto zigrinato. Il pellame scelto per i sedili è bicolore. I tecnici hanno modificato poi le regolazioni del controllo di stabilità e delle sospensioni, in maniera da aumentare la reattività dell’auto alle velocità più sostenute. Il comando dell’acceleratore diventa più sensibile, mentre il cambio assume una logica di funzionamento più sportiva: l’opzione S esclude la marcia più alta, l’ottava, in maniera da tenere il V12 sempre allegro. La trazione è integrale, studiata per privilegiare l’asse posteriore.
 
VA A QUATTRO CILINDRI - La Bentley Flying Spur V8 S si posiziona fra le V8 e W12. Adotta un’evoluzione del motore a benzina V8 4.0, biturbo, capace in questo caso di 528 CV a 680 Nm. Sviluppa 21 CV in più rispetto al 4.0 montato sulle V8 non S. La casa inglese dichiara una velocità massima di 306 km/h ed un tempo sullo 0-100 km/h pari a 4,9 secondi, mentre le percorrenze chilometriche dichiarate si attestano in media a 9,2 km/l. L’otto cilindri integra la funzione per disattivare una bancata in condizioni di scarso impiego, utile per diminuire le richieste di carburante quando l’auto percorre strade non impegnative. La V8 S sfida berline d’impronta sportiva, come ad esempio la Maserati Quattroporte V8.


Leggi l'articolo su alVolante.it