NEWS

La Bertone vicina alla fine

28 marzo 2014

La storica azienda torinese sta vivendo una fase pesantissima. Se entro aprile non ci saranno concrete novità, è inevitabile il tracollo definitivo.

La Bertone vicina alla fine
FINE DI UNA STRIA? - Sembra proprio che le speranze siano ridotte al lumicino per la Stile Bertone e la Bertone R&D - ragioni sociali delle società eredi della storica azienda torinese specializzata nel design automobilistico e nella carrozzeria, che in passato ha avuto anche capacità produttive importanti (la parte industriale è stata ceduta alla Fiat nel 2009). La situazione è drammatica per i 175 dipendenti delle due aziende, in particolare per quelli della Bertone R&D che non hanno ricevuto gli stipendi degli ultimi mesi. Oltre a ciò è grave la mancanza di informazioni sul reale stato delle cose.
 
AMMINISTRATORE IRREPERIBILE - Addirittura il sindacato Fiom ha denunciato l’irreperibilità dell’amministratore delegato e ciò ha creato la paralisi completa delle normali attività amministrative della società. Tra le altre cose ciò si traduce in un grave ostacolo per le procedure che consentono di beneficiare degli ammortizzatori sociali. Non essendoci la normale attività amministrativa, all’Inps non affluiscono i necessari dati per poter erogare quanto dovuto per cassa integrazione. 
 
SITUAZIONE COMPLICATA - Analogamente non sono state emessi i moduli Cud relativi al 2013, mentre la mancanza di certificazioni sulle spettanze mensili impedisce alle banche di concedere anticipi su ciò che sarà la cassa integrazione, che è già stata concessa, ma in assenza degli atti dovuti della azienda non può essere erogata. Insomma, una situazione pesantissima, nonostante che alle aziende non manchino gli ordini. Il problema è la mancanza di liquidità e a questo punto anche la totale carenza manageriale.
 
POCO TEMPO A DISPOSIZIONE - A fronte di questo quadro, sulla stampa sono apparsi articoli che pur riprendendo tutte le difficoltà del momento, danno credito a non meglio precisate dichiarazioni dell’azienda secondo cui la Bertone avrebbe a disposizione diverse offerte di interventi finanziari, tra cui uno turco, di cui peraltro si parla da mesi. Sempre secondo queste ricostruzioni,  nell’ipotesi che la trattativa non venisse chiusa con i turchi, ci sarebbero altre diverse offerte di intervento. Per il momento però la realtà è fatta di cassa integrazione e procedure fallimentari in corso. Procedure che se non interverrà qualche nuovo socio o una nuova proprietà non potranno che sfociare nel definitivo fallimento delle società. Il termine è aprile.


Aggiungi un commento
Ritratto di wesker8719
28 marzo 2014 - 18:31
appunto ,pensa la lungimiranza ,per riempire lo stabilimento ci producono un nuovo modello ,non necessariamente seat mentre gli stabilimenti italiani lavorano un settimana al mese tranne quelli che comunque producono bassi volumi di auto, hai fatto un lungo elenco e tutto quell'elenco non raggiunge il livello di produzione della sola golf a wolfsburg ,pensa te la differenza!!
Ritratto di lele31
28 marzo 2014 - 21:23
certo certo non posso darti torto tuttavia non rieco a capire come ad esempio un italiano prediliga la up alla panda, oppure mi spiegate sinceramente che cosa ha di più una polo rispetto ad una punto forse il prezzo (piccolo esempio pratico, un conoscente a comprato una polo td nuova con un allestimento base a 19000 euro, papà a comprata la bravo gpl ben accessoriata, mancava solo il clima automatico a 17000, bravo segmento c, polo segmento b, da premettere che il mio conoscente odia come voi profondamente la fiat e marchionne , a tal punto da non aver preso in considerazione nessun tipo di macchina italiana anzi mi è arrivato a dire che la 500 non vale nulla e che la sua c3 picasso è una bellissima auto.) i miei dilemmi non finiscono qui, ma spiegate cosà di + una corsa rispetto alla punto, forse effettivamente hanno troppe parti in comune ahahahhaha
Ritratto di wesker8719
29 marzo 2014 - 11:15
vuoi una differenza tra polo e punto ? allora la prima è rifinita decisamente meglio , è un progetto più fresco e che svaluta davvero poco persino sul mercato italiano ,ottimi motori e poi vabbè a chi piace l'estetica ,se compri la punto a 4 spiccioli devi mettere in conto che sta uscendo di produzione ,che ormai è un progetto di 9 anni con evidenti mancanze ,motori buoni ma niente cambio automatico , stesso discorso per la bravo ,non è che la tirano dietro perchè sono gentili in fiat ma perchè ormai non vende niente e procedono a svuotare i piazzali prima di far uscire di produzione il modello a fine anno !!
Ritratto di lele31
29 marzo 2014 - 14:05
piccola precisazione papà la bravo la comprata nel 2009 un anno dopo il lancio, un'altro dilemma mi è venuto fuori stamane quando un'amica di mia madre ci raccontava della nuova renault clio comprata alla figlia. prezzo:20000 euro. da quello che mi ha detto è ottimamente accessoria.ecco il mio spiego il mio dubbio: se è la fiat che fa pagare la 500 base 11000/12000 è cara, mio fratello a presa quella con assetto sportivo e la pagata 16500 full optional, se è la renault che la clio te la fa pagare 20000 è normale,sento dire" è ma è fatta bene" DOMANDA MA LA 500 è FATTA MALE?
Ritratto di Highway_To_Hell
28 marzo 2014 - 14:20
Se ne sono andati da un pezzo e quell'azienda non è che l'ombra di quello che era prima di essere acquistata da audi (e peraltro è una sciocchezza colossale anche il fatto che stesse per fallire, semplicemente il managment a partire da giugiaro padre e figlio non erano più interessati alle sue sorti, tutto qui...), quando hanno capito il modo di lavorare adottato da audi... E la differenza tra me ed alcuni che scrivono qui solo per muovere i muscoli delle dita è che io SO di cosa parlo... Il resto sono solo patetiche arrampicate sugli specchi, persino più ridicole di quelle che ho letto per spiegare i cospicui cali di utile del gruppo vag un po' di tempo fa...
Ritratto di wesker8719
28 marzo 2014 - 15:04
se lo dici tu al 100% la situazione è al contrario di come la racconti tu ,la realtà è una sola ,italdesign stava chiudendo e centinaia di persone stavano perdendo il lavoro ,vw l'ha comprata ora questa azienda ha le spalle coperte e i suoi dipendenti hanno lo stipendio sicuro e tranquillo , poi voi pensate all'orgoglio e italianità da quattro soldi piuttosto che vendere allo straniero pagante !! troll da quattro soldi la differenza tra te e tanti altri che scrivono qui è che tu dimostri come su internet ognuno sia libero di scrivere le peggiori cretinate esistenti e nessuno faccia nulla per impedire questo ,sei proprio il simbolo dell'ignoranza !!
Ritratto di Rikolas
28 marzo 2014 - 11:38
Meglio una fine gloriosa che una fine ingloriosa coi tedeschi! Ma basta! Gli stiamo svendendo di tutto, tra un po' siamo una loro colonia e noi come tanti italioti andiamo pure a regargli i nostri "tesori" come la Lamborghini (che tra i VERI appassioanti non ha più lo stesso valore perchè non è più italiana). Che tristezza, a distanza di qualche decennio dalla fine della guerra, siamo di nuovo schiavi dei tedeschi, soprattutto psicologicamente...e loro se la godono! Ma quand'è che noi italiani tiriamo fuori un MINIMO DI ORGOGLIO?! Non se ne può più di questa sudditanza verso i tedeschi, manco fossero chissà cosa...
Ritratto di wesker8719
28 marzo 2014 - 11:42
i veri appassionati o i veri ignoranti? io dico la seconda perchè lambo attualmente è in formissima ,produce belle auto e questo lo deve tutto ai tedeschi pur mantenendo la sua italianità!! noi italiani abbiamo dimostrato negli anni di non essere bravi nel gestire le aziende !!
Ritratto di lele31
28 marzo 2014 - 11:55
devo dire che hai ragione tuttavia in lamborghini di italiano c'è rimasto poco, forse l'unica cosa è che le auto sono costruite artigianalmente (ottimo aspetto, per carità). oltre questo non vedo altro. sono ben conscio del fatto che in un gruppo automobilistico, come in qualunque altra azienda, bisogna ottimizzare i costi, e quindi sfruttare al massimo le economia di scale. di conseguenza non mi scandalizzo se, per esempio, i motori sono audi. prego voi di non criticare la fiat, quando questa mette in comune delle componenti su più automobili.
Ritratto di wesker8719
28 marzo 2014 - 12:03
quindi stabilimento, operai ,sviluppo e progettazione in italia non sono niente vero? mettiamo in discussione questo allora possiamo mettere in discussione tutto ciò che esiste in italia !!
Pagine