NEWS

Bimbi dimenticati in auto: presto l'obbligo del sistema d'allerta

15 luglio 2018

Entro breve la norma che obbligherà ad a installare sulle auto un sistema per allertare quando si lascia un bimbo nell'abitacolo.

Bimbi dimenticati in auto: presto l'obbligo del sistema d'allerta

BUONI PROPOSITI - Il ministro dei Trasporti Danilo Toninelli ha anticipato che nelle prossime settimane verrà avviato l’iter per arrivare all’introduzione nel Codice della strada di una norma che obblighi ad avere installato sulle auto un dispositivo che avvisa quando si scende dall’auto lasciando un bambino a bordo. Le statistiche, non solo italiane, dicono infatti che questo tipo di incidente dovuto alla distrazione è parecchio diffuso, creando la necessità di un provvedimento del genere. Dagli Stati Uniti, per esempio arriva il dato di una quarantina di casi di dimenticanza all’anno.

TECNOLOGIA GIÀ AVANTI - Un domani tale dotazione sarà resa obbligatorio dalle norme di omologazione dei veicoli, ma per il momento si tratta di provvedere in qualche modo per evitare gli incidenti che periodicamente si verificano (in Italia, l’ultimo caso è del maggio scorso). La tecnologia esiste già, anche in forma ab bastanza articolata. Esistono infatti seggiolini di sicurezza che nascono già equipaggiati di tale dispositivo, ma anche prodotti che possono essere installati su seggiolini già in uso. I costi non sono molto elevati. Sul mercato esistono prodotti del genere a partire da una settantina di euro sino a oltre 150. La gamma comprende dispositivi che lanciano un allarme acustico sulla vettura, altri che inviano un’allerta tramite il collegano con un apposito portachiavi, oppure ancora, per i sistemi più sofisticati, il segnale che richiama l’attenzione è inviato tramite sms sul telefonino del genitore automobilista, o comunque di chi è alla guida dell’auto con il bambino a bordo.

ANCORA TANTI INTERROGATIVI - Il ministro Toninelli si è anche spinto a considerazioni economiche per incentivare la diffusione di questi congegni ipotizzando l’introduzione di una forma di agevolazione fiscale per questi acquisti. Il provvedimento si dovrà valutare una volta noto nella sua ufficialità (dovranno averlo tutte le auto? Tutte le auto che trasportano bambini? Chi omologherà i dispositivi? Su quali criteri?: tutti interrogativi ancora in piedi, anche se si parla di entrata in vigore dell’obbligo entro quest’anno) e si aspetta la pubblicazione del decreto o del disegno di legge che dovrà introdurre l’obbligo. Quel che è certo che l’iniziativa è importante e utile. Tanto da lasciare perplessi di fronte e preoccupazioni di garantire l’agevolazione fiscale per un acquisto che non richiede spese ingenti.

Aggiungi un commento
Ritratto di Paolo-Brugherio
17 luglio 2018 - 13:19
6
Forse sarò qualunquista, ma il guardarmi attorno e vedere conoscenti che sfornano figli: uno, due e, che bello, quasi quasi ci facciamo anche il terzo... Poi li sbolognano dalle 7 del mattino alle 6 di sera dai nonni, all'asilo o dalla tata. Questi bambini vedono... vivono in casa coi genitori solo le poche ore prima della nanna. Così la loro casa non la riconoscono come il nido nel quale crescere e formarsi... e man mano che crescono i loro interessi saranno rivolti prevalentemente al mondo esterno. Questa è ovviamente una mia opinione, peraltro contestabile, ma - a mio avviso - i figli cresciuti in casa e non sballotati a destra e a manca, hanno una marcia in più (e non corrono il rischio di essere dimenticati in auto).
Ritratto di Anonimo
Anonimo (non verificato)
17 luglio 2018 - 13:24
Commento rimosso a seguito della cancellazione dell'utente dal sito.
Ritratto di Paolo-Brugherio
17 luglio 2018 - 15:11
6
Questo vuol dire consapevolezza nel voler mettere al mondo e crescere (cioè... formare) i figli. Che da grandi avranno sempre la famiglia come punto di riferimento.
Ritratto di Anonimo
Anonimo (non verificato)
17 luglio 2018 - 17:07
Commento rimosso a seguito della cancellazione dell'utente dal sito.
Ritratto di Anonimo
Anonimo (non verificato)
16 luglio 2018 - 20:31
Commento rimosso a seguito della cancellazione dell'utente dal sito.
Ritratto di rebatour
17 luglio 2018 - 11:15
Come quando papà e mamma (quindi in due) dimenticano il bimbo all'autogrill.
Ritratto di Paolo-Brugherio
17 luglio 2018 - 15:11
6
Ahimè, è successo anche questo...!
Ritratto di ELAN
16 luglio 2018 - 10:38
1
Questa cosa mi terrorizza... proprio perchè penso che chi ha vissuto tale tragedia possa essere un padre ed una madre accorta. La morale lasciamola ai mentecatti.. io non mi sento superiore a chi può aver dimenticato il figlio in auto, chi sono io per giudicare? Può PURTROPPO accadere anche a chi è super bravo ed attento... per questo tale dispositivo, apparentemente inutile perchè ci si considera infallibili e perfetti, può invece risultare vitale.
Ritratto di Anonimo
Anonimo (non verificato)
16 luglio 2018 - 20:34
Commento rimosso a seguito della cancellazione dell'utente dal sito.
Ritratto di davix-72
16 luglio 2018 - 15:48
I dispositivi devono essere certificati e collaudati da appositi enti in tutte le possibili combinazioni di pericolo, non basta l'attivazione ad un pianto di un bimbo, perchè non è detto che riesca a piangere e poi se piange c'è già sofferenza , il dispositivo deve agire da subito quando il bimbo si trova nel seggiolino e dorme , e il papà o mamma chiudono l'auto , li deve già attivarsi. I problemi devono essere risolti al 99,99%.
Pagine