NEWS

Per la BMW i3 aumenta l'autonomia

02 maggio 2016

Le prestazioni rimangono invariate, ma l’autonomia raggiunge i 300 chilometri. A listino resta anche la versione precedente.

Per la BMW i3 aumenta l'autonomia
PERCORRENZE SUPERIORI - La BMW i3 guadagna una batteria dalle prestazioni superiori e vede aumentare in maniera significativa la propria autonomia, che incrementa di oltre il 50% e si attesta al valore dichiarato di 300 chilometri. È la principale novità che l’azienda bavarese riserva alla sua utilitaria, venduta con motore solo elettrico oppure in abbinamento a quello che viene definito Range Extender, ovvero un generatore che interviene solo in caso di emergenza: il bicilindrico da 0.65 litri subentra quando le batterie rimangono senza corrente e garantisce fino a 140 chilometri di autonomia ulteriore, a patto di investire 5.650 euro in aggiunta ai 36.500 euro richiesti per il modello elettrico. 
 
KM ANCHE SOTTO STRESS - Il nuovo pacco batterie della BMW i3 rimane del tipo agli ioni di litio e vanta una capacità di 33 kWh, ottenuta senza variazioni nelle dimensioni complessive. L’amperaggio passa da 60 Ah a 94 Ah e le prestazioni rimangono invariate (servono 7,3 secondi per lo 0-100 km/h), a fronte però del già citato miglioramento dell’autonomia: la casa dichiara percorrenze massime nell’ordine dei 300 chilometri, quando prima non erano superiori a 190 chilometri. La BMW è sicura che il pacco batteria garantisca un’autonomia pari ad almeno 200 chilometri anche nelle condizioni più impegnative, ad esempio quando sono accesi il riscaldamento o l’impianto di condizionamento. La batteria da 94 Ah non sostituisce quella da 60 Ah, che rimane a listino. Il prezzo per l’Italia della nuova batteria dev’essere ancora comunicato.
BMW i3
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
186
141
70
45
151
VOTO MEDIO
3,3
3.27993
593


Aggiungi un commento
Ritratto di AlexTurbo90
4 maggio 2016 - 01:05
E ribadisco: CHE BRUTTO FUTURO CHE CI ASPETTA :(
Ritratto di jabadais
4 maggio 2016 - 16:13
Dai non così brutto, quando il 50-55% degli italiani avranno l'auto elettrica si abbasserà il costo della benzina e allora gli appassionati potranno acquistare qualche auto a motore termico bella potente, che diventando un prodotto di nicchia non sarà più tartassata.
Ritratto di AlexTurbo90
5 maggio 2016 - 01:41
Meh... non ne sarei così sicuro :)
Ritratto di otttoz
2 maggio 2016 - 17:55
un usato fresco si aggira sui 30000€...
Ritratto di AMG
2 maggio 2016 - 18:07
Ottimo traguardo. A mio parere la Tesla ha già cavalcato l'ombra che poteva cavalcare. Non c'è già più un'enorme differenza tra la sua proposta e la concorrenza (ad eccezzione della Model S che però non è dove stanno reinventando) già la GM entrerà nel segmento con un anno di anticipo sulla cifra dei 30.000 euro (non ricordo se erano dollari), la neonata e piccola tesla, piccola relativamente rispetto ai colossi che si presta ad affrontare non può farcela. La stampa non può che parlarne bene, e a ragion vedute, ma meglio non illudersi del "mito" Tesla. La controproposta è già semi-presente e tempo di aspettare il prossimo modello (di ampia diffusione) sarà ancora più presente. Ancora qualche altro anno e gli stessi grandi premium tedeschi sfonderanno in questo segmento. Sono per queste ragioni in parte scettico sul futuro della Tesla, certo che se fallisse, entrerebbe subito a far parte di colossi come Google che forse ne caverebbero di più. Problemi di produzione e di soddisfazione della richiesta ci sono già stati (più o meno gravi) con il nuovo modello prevedo catastrofi. Tornando alla BMW sono felice della particolare proposta sin da quando era nato il progetto, ideale per certe città (forse più estere che italiane per ragioni terze) e contento del miglioramento continuo
Ritratto di Zot27
2 maggio 2016 - 21:15
Dimentichi la ricarica veloce di Tesla, gli altri non ce l'hanno, e per di più gratis a vita
Pagine