NEWS

La BMW svela la nuova Z4

23 agosto 2018

La BMW ha presentato la terza generazione della sua spider Z4 nella cornice esclusiva della Monterey Car Week 2018.

La BMW svela la nuova Z4

TERZA GENERAZIONE - Quest’anno a Pebble Beach niente concept car per la BMW. La cornice dell’esclusivo green californiano è stata scelta dalla casa bavarese per svelare la nuova spider, pronta per affrontare i mercati mondiali dalla prossima primavera 2019. La sigla completa è BMW Z4 M40i Fist Edition, che sta a significare che si tratta della versione speciale di lancio della terza generazione del modello, derivata dalla concept car Z4 presentata l’anno scorso sempre in occasione della Monterey Car Week. 

TRADIZIONE E MODERNITÀ - La nuova BMW Z4 è la declinazione moderna del concetto di roadster. Sportività, prestazioni e grinta sposate a tanta eleganza e alla più completa dotazione tecnologica. Ma a parte gli aspetti estetici ed emozionali, la nuova BMW Z4 racchiude una summa di caratteristiche tecniche al top per un modello che punta a offrire il meglio in tema di comportamento stradale, prestazioni e piacere di guida. Ne fanno fede la posizione di guida, la distribuzione dei pesi esattamente 50:50 tra asse anteriore e posteriore, le dimensioni abbondanti delle carreggiate e quella contenuta del passo. Una struttura che trova poi completamento nelle altre componenti meccaniche, come le sospensioni con ammortizzatori a gestione elettronica, il sistema frenante M-Sport e il differenziale a gestione elettronica M-Sport. Tutto ciò a servizio del motore 6 cilindri da 340 CV, che consente alla nuova BMW Z4 di scattare da 0 a 100 km/h in 4,6 secondi. Quanto al consumo dichiarato il valore medio è di 14 km/l, con emissioni di CO2 di 162 g/km.

FRONTALE PENETRANTE - La nuova BMW Z4 ha una spiccata personalità, a cui contribuisce parecchio il design dei gruppi ottici anteriori, con i due fari di ognuno sistemati quasi verticalmente e racchiusi in una lunga calottina che segue le forme tondeggianti della vettura raccordando il frontale con la fiancata. Questo particolare si abbina armoniosamente ai classici due elementi del muso delle BMW, alle grandi prese d’aria laterali e al cofano motore curvo e spiovente, dando vita a un’immagine che viene da definire “appuntita”. Da vera sportiva. La forte personalità emanata dalle linee della vettura è poi enfatizzata dalla capote dell’abitacolo, realizzata in tessuto. Particolari in sintonia con gli elementi fondamentali sono i gusci neri degli specchietti, i cerchi in lega da 19” e lo spoilerino posteriore. 

CLASSE E TECNOLOGIA NELL’ABITACOLO - Nell’abitacolo si ritrova un livello di finiture in linea con quello dell’esterno. Ne fanno parte i rivestimenti in pelle con cuciture a vista, i sedili con regolazione elettrica e dispositivo che memorizza le posizioni più utilizzate. Quanto all’impianto audio per la nuova Z4 la BMW ha optato per l’esclusivo Harman Kardon Surround Sound System. E ovviamente non manca un sistema di connessione dell’ultima generazione.

CI VEDIAMO A PARIGI - La presentazione nell’ambito della Monterey Car Week svela le linee e la personalità della BMW Z4, mentre per conoscere il profilo tecnico, con tutte le caratteristiche, occorrerà attendere il 19 settembre, pochi giorni prima del salone di Parigi (4-14 ottobre). Le vendite cominceranno nella primavera del 2019.

BMW Z4
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
42
20
6
6
7
VOTO MEDIO
4,0
4.037035
81
Aggiungi un commento
Ritratto di gjgg
24 agosto 2018 - 11:19
1
Nell' altro articolo lo hanno confermato almeno una gran parte dei commentatori, infatti questa volta non ci sono foto dirimpettate del frontale. Sul fatto dello svalutare l' una o l'altra a me non dispiacciono entrambe (anche se le spider non sono nelle mie preferenze), considera che la Abarth ha anche il differenziale meccanico e infatti con soli 170HP gira molto bene in diversi circuiti. Se invece (argomentazione che spero mai dovrò udire per una sportivetta del rango di questa BMW) come pare oggi per molti la prestazione non interessa e lo esprimono in ogni dove, allora non so nemmeno che ci staremmo a commentare per un' auto benzina 6 cilindri, che adotta il tetto in tela anche per alleggerirsi, che vanta una ripartizione masse 50:50, che ha la trazione posteriore i freni M, ecc.
Ritratto di Leonal1980
24 agosto 2018 - 14:00
3
I tuoi discorsi non hanno un filo logico. Ma quanto prendi nei temi a scuola..?
24 agosto 2018 - 10:40
L'auto è splendida, bellissima da qualunque angolazione la si osservi, pulita, semplice, molto equilibrata. Adoro la scelta della capote in tessuto: Alleggerisce moltissimo sia il peso che l'estetica quando è sollevata: I tetti metallici sono molto pesanti e sporcano la linea perché non sono un guscio unico ma spezzettati per potersi piegare nel loro alloggiamento, ciò li rende brutti e cheap perciò plaudo a BMW per questa scelta, una capote in tela se realizzata a regola d'arte dura quanto l'auto e non è detto che i tetti metallici siano esenti da scricchiolii e vibrazioni col passare del tempo. Inoltre fortunatamente gli atti vandalici contro le auto sono eventi rarissimi nella maggior parte del mondo e anche se hai un tetto metallico se proprio vogliono farti un dispetto hanno tante altre parti da danneggiare, purtroppo (graffi su tutta la carrozzeria, cristalli, fari, qualunque cosa) quindi anche la scusa della maggior esposizione agli atti vandalici è del tutto incomprensibile.
24 agosto 2018 - 17:46
Perfettamente d'accordo Max, il tetto metallico non ha né il fascino delle cabrio né delle coupe, sembra posticcio.
24 agosto 2018 - 18:34
Infatti Francesco prendi l'auto sportiva più iconica del mondo, la Mustang, se prendiamo la Convertible, iconica quanto la Coupé perché esiste dalla prima serie, quella con cui si pavoneggiava Brandon di Beverly Hills 90210, e le togliamo la capote in tela mettendole un brutto tetto metallico pensa che schifezza trash ne verrebbe fuori. Tuttavia sono tante le granturismo nobili ad aver sempre rifiutato il tetto metallico, dalle Aston Martin alla BMW 6er in entrambe le serie 2004 e 2011, le audi 80 se vi ricordate la bella cabrio del 92, a4, a5 ed r8, tutte le Porsche e la lista di nomi prestigiosi potrebbe andare avanti.
Ritratto di Anonimo
Anonimo (non verificato)
30 agosto 2018 - 15:43
Commento rimosso a seguito della cancellazione dell'utente dal sito.
Ritratto di Leonal1980
24 agosto 2018 - 13:53
3
Vedi... vien pure fuori con cose che non centrano nulla, hahaha
23 agosto 2018 - 22:10
La classica linea che definisco morbida e marcata nei punti giusti, donando dinamicità e personalità. Dopo un periodo di crisi estetica con questa caratteristica e la nuova fanaleria, soprattutto posteriore, hanno ritrovato il senno, manifestato già con la Serie 8 da cui le nuove BMW stanno tradendo ispirazione (peccato che la Serie 5 non sia uscita un po' dopo, ma possiamo sperare bene con la 3er). Voto attuale, decisamente 5 su 5. Imho, ha sbaragliato quella (poca) concorrenza (rimasta). Sicuro non sarà vincente anche su strada; già il tetto in tela denota maggiore leggerezza. Penso però non sarà una sportiva viscerale ma più turistica, come giusto che sia, per quello ci sono le rivali a motore centrale.
23 agosto 2018 - 22:12
Sicuro sarà, senza "non". *
Ritratto di Mercedes-AMG
24 agosto 2018 - 09:40
Sono perfettamente d'accordo.
Pagine