NEWS

Bugatti Bolide: il nome dice già tutto

Pubblicato 29 ottobre 2020

Concepita per la guida in pista, la Bugatti Bolide pesa 1.240 kg e ha una potenza di ben 1.850 CV: le prestazioni sono da brivido.

Bugatti Bolide: il nome dice già tutto

NUOVA FILOSOFIA - In 111 anni di attività, la Bugatti è diventata un punto di riferimento per le sue lussuose sportive gran turismo. Ora, la casa francese annuncia una vettura concepita in termini diametralmente opposti: è la Bugatti Bolide, un vero e proprio missile studiato solamente per la pista, offrendo le massime prestazioni in circuito, senza compromessi. E infatti, la carrozzeria ha davvero poco in comune con le Bugatti stradali, a partire dalla Chiron, se non la tipica mascherina a ferro di cavallo: la Bolide è lunga 476 cm, circa 32 cm in più della Chiron, e misura 199 cm in larghezza, ma è alta soltanto 99,5 cm, circa 30 cm in meno della Chiron, e dunque appare visivamente più snella e meno imponente. 

ANIMA RACING - Se la carrozzeria della Chiron coniuga eleganza e sportività, la Bugatti Bolide ha tratti smaccatamente racing, per effetto del parabrezza corto e spiovente, delle enormi aperture nel cofano anteriore e della presa d’aria al tetto, che aiuta il motore a respirare meglio nella guida al limite. Inoltre, le portiere si aprono verso l’alto ed i pedali scorrono di 15 cm in senso longitudinale, per consentire al pilota di trovare la migliore posizione di guida: proprio come nei prototipi per le gare endurance, scelti dalla Bugatti come fonte di ispirazione. E come nelle auto da gara, qui ci sono enormi spoiler: quello frontale, nella parte bassa del fascione, genera un carico aerodinamico di ben 800 kg per l’avantreno; quello posteriore, addirittura di 1.800 kg per il retrotreno. Qui troviamo anche gli scenografici quattro scarichi disposti ai lati di un quadrato ideale, un’idea che la Bugatti sembra avere ripreso dalla Pagani (che forse non ne sarà contenta).

CURA DIMAGRANTE - La Bugatti Bolide, oltre ad essere molto evoluta sotto il profilo stilistico e aerodinamico, sfoggia soluzioni tecniche da 10 e lode, grazie allo specifico telaio mono-scocca in fibra di carbonio: secondo la Bugatti, è fra i più rigidi mai progettati per un’automobile, a tutto vantaggio della precisione di guida. La Bugatti Bolide ha sospensioni push-rod con ammortizzatori disposti orizzontalmente, come le monoposto di Formula 1, e tanti parti concepite per ridurre il peso: tutte le viti e le parti di fissaggio sono in titanio. Stesso materiale anche per le ruote, che hanno un peso ridottissimo considerate le enormi forze a cui devono resistere: i cerchi anteriori di 18” pesano 7,4 kg l’uno, quelli posteriori di 18” fermano l’ago della bilancia a 8,4 kg l’uno. Anche i freni danno un contributo alla riduzione del peso: sono in carbo-ceramica, come nelle Formula 1, e hanno pinze ultra-leggere, di 2,4 kg l’una. 

PESO PIUMA - Al di là della tecnica, sono i numeri a far capire il reale potenziale della Bugatti Bolide. E qui c’è da strabuzzare gli occhi: la Bolide pesa soltanto 1.240 kg, come alcune utilitarie, ma eroga l’incredibile potenza di 1.850 CV e mette sul piatto anche 1.850 Nm di coppia, offerti da una versione potenziata del motore 16 cilindri 8.0 con quattro turbo. E così, il rapporto peso/potenza è da non credere: ogni cavallo muove soltanto 0,67 kg. Il motore 8.0 arriva dalla Chiron, ma i tecnici della Bugatti ne hanno modificato i sistemi di aspirazione e scarico, installato nuovi turbo e cambiato il circuito dell’olio, ma è stato rivisto anche l’impianto di raffreddamento. Oltre al motore, la Bolide condivide con la Chiron anche il cambio robotizzato a 7 marce e la trazione integrale.

VELOCE COME IL VENTO - La Bugatti Bolide si candida ad essere una delle auto più veloci di sempre e perciò potrebbe far gola a molti collezionisti, ma il costruttore francese non ha ancora deciso se realizzarla in serie limitata. Né, tantomeno, ha costruito un esemplare pronto per essere guidato al limite. E così, i dati sulle prestazioni sono frutto di simulazioni: la Bugatti stima un tempo di 2,17 secondi per lo scatto da 0 a 100 km/h, ma non sono meno impressionanti lo 0-200 in 4,36 secondi, lo 0-300 in 7,37 secondi, lo 0-400 in 12,08 e lo 0-500 in 20,16. Se confermati su strada, sono numeri che lasciano a bocca aperta. Lo stesso vale per le stime di alcuni tempi sul giro: la Bugatti ritiene che la Bolide possa completare un giro del circuito vecchio del Nürburgring in 5:23.1 minuti, tempo superiore di 3,5 secondi rispetto al record assoluto fatto registrare nel 2018 dalla Porsche 919 Hybrid Evo, una versione modificata della vettura per le gare endurance.





Aggiungi un commento
Ritratto di steff69
29 ottobre 2020 - 13:12
Spero si possa avere qualche incentivo rottamazione per l’acquisto
Ritratto di Arreis88
29 ottobre 2020 - 13:34
Dite che questa ce li ha i sensori di parcheggio con i loro cicalini, in retro non deve essere facile da parcheggiare.....
Ritratto di claus83
29 ottobre 2020 - 14:53
Finché non vedo una prova reale in pista per me è fuffa. Sulla carta possono sparare i numeri che vogliono. Bella l'estetica cmq
Ritratto di Flavio8484
29 ottobre 2020 - 15:02
E ma non è elettricaaaaaa....fa brum brum, sai che puzza di benza che fa?e poi sti cattivi non ci pensano a quanta co2 produce?e io che compro la macchina ibrida che sono fesso? Ma andate a fanc....
Ritratto di neuropoli
29 ottobre 2020 - 15:24
riuscirà a battere la SSC Tuatara con i suoi 532km/h???
Ritratto di GhostMatz64
2 novembre 2020 - 02:38
in realtà non ha mai raggiunto i 500 km/h il video era falso
Ritratto di PARRELLA GIOVANNI
29 ottobre 2020 - 16:44
La comprerò per mio figlio quando prenderà la patente per farlo impratichire un pò, devo solo controllare sul libretto se il rapporto tara/potenza è consentito per i neopatentati.
Ritratto di verdebiancorosso
29 ottobre 2020 - 17:46
bah, tante storie per poco o nulla. Da anni i "gringos" tirano fuori potenze uguali o superiori dai blocchi Chevy a una frazione del prezzo
Ritratto di Giuliopedrali
29 ottobre 2020 - 17:48
Intanto Bugatti fa solo perdere soldi a VAG, secondo sempre rimanendo in VAG almeno 50 anni fa varie Porsche 917 per le gare IMSA credo USA o Le Mans: Sunoco - Porsche aveva già abbondantemente più di 1.000 cv.
Ritratto di pinopuddu77
29 ottobre 2020 - 18:32
Sarebbe interessante una versione gpl
Pagine