NEWS

Cambio di strategia per l'Alfa Romeo?

22 luglio 2013

Il gruppo Fiat starebbe sviluppando una nuova piattaforma a trazione posteriore da usare per tutte le Alfa. Forse addio a Mi-To e Giulietta.

Cambio di strategia per l'Alfa Romeo?
UNA VERA RIVOLUZIONE - Sarebbe in atto una vera inversione di tendenza in seno al gruppo Fiat. Sono iniziate a circolare, da fonti autorevoli e ben informate, notizie concordanti riguardo al progetto di una nuova piattaforma a trazione posteriore da utilizzare, non solo sulle Alfa Romeo, ma anche sulle prossime generazioni di Chrysler 300, Dodge Challenger e Charger. Per ora si tratta ancora di uno studio di fattibilità e il via libera sarebbe atteso entro la fine dell'anno.
 
CAMBIAMENTO IN CORSO D’OPERA - Se venisse data luce verde al progetto, cambierebbero molte cose, sopratutto per l'Alfa Romeo. Nell'attesa pare che la Giulia, erede della 159 già in fase avanzata di sviluppo, sarebbe sospesa perché basata sulla piattaforma CUSW (Compact US Wide) per vetture a trazione anteriore. Ovviamente la cosa comporterebbe un rinvio dell’uscita del nuovo modello, che nel caso di cambio di impostazione tecnica non potrebbe avvenire - secondo le indiscrezioni - prima della fine del 2015.
 
GIULIA “POSTERIORE” - La nuova strategia punta a proporre la nuova Giulia con la trazione posteriore, seguita dopo qualche mese da un modello più grande, l'erede dell'Alfa Romeo 166, basato sulla medesima architettura. Contemporaneamente verrebbero sviluppati due suv e ci sarebbe poi la spider prodotta “a quattro mani” con la Mazda sulla base della prossima MX5. Oltre alla 4C, che sta per arrivare sul mercato. Qualcuno si spinge oltre e afferma che addirittura non ci sarebbe più spazio per i modelli Mi-To (foto in alto) e Giulietta, cancellati una volta arrivati a fine carriera. 
 
IN CERCA DI MARGINI - La logica della nuova strategia in discussione, che dovrebbe essere decisa e varata entro la fine dell'anno, è chiara: puntare a proporre prodotti più alta gamma, di livello “premium”, in cui la trazione posteriore sembra vincente. La scelta sarebbe di avere un listino fatto di vetture di maggiore valore per poter beneficiare di margini più elevati, anche se con vendite numericamente inferiori.


Aggiungi un commento
Ritratto di wiliams
22 luglio 2013 - 18:47
Queste notizie sono state diffuse da CAR MAGAZINE,bisogna vedere poi a loro chi ha svelato questa nuova strategia.....comunque non è un mistero che l ALFA vuole ritornare alla TRAZIONE POSTERIORE,la nuova 4C lo è,la futura SPIDER pensata con MAZDA lo sarà,così come sarà a TRAZIONE POSTERIORE la futura ammiraglia che nascerà su base MASERATI GHIBLI.Non è un mistero poi che da diverso tempo stanno lavorando su una nuova piattaforma a TRAZIONE POSTERIORE pensata per le future generazioni di CHRYSLER 300 e berline DODGE.Dubito fortemente che l ALFA si voglia privare del segmento B e C,quindi penso che in qualche modo MITO e GIULIETTA avranno le loro eredi.Per quanto riguarda la GIULIA si è sempre detto che sarebbe stata a TRAZIONE ANTERIORE e che prenderà vita da una costola della GIULIETTA.E se la GIULIA fosse a TRAZIONE POSTERIORE???Mah....sarebbe indubbiamente un una scelta tecnica/commerciale davvero molto affascinante e di forte impatto emozionale,ma quale pianale utilizzerebbero????Al di sotto delle ammiraglie QUATTROPORTE/GHIBLI non cè nulla,impensabile utilizzare accorciandolo quello della CHRYSLER 300....ci vuole per l occasione un pianale a TP nuovo e moderno attualmente non disponibile......forse il continuo rinvio della GIULIA è dovuto è dovuto proprio a questo???
Ritratto di EasterRuben
22 luglio 2013 - 19:11
devono rimanere, altrimenti si lascia tutto il mercato alle piccole Audi, BMW/Mini, Mercedes e altri marchi europei. Non solo devono rimanere, ma è giusto che rimangano a trazione anteriore, anche le versioni più sportive. Bisognerebbe lanciare due linee sportive, Quadrifoglio e GTA (per esempio la Golf c'è in versione GTI e R; o le Audi S e RS). Poi naturalmente per le auto di segmenti superiori o comunque le non-utilitarie ci vuole la trazione posteriore e bei motori di origine Maserati, naturalmente non il 3.6 da 280 cavalli, è un motoraccio e si farebbe lo stesso errore della 159. E poi grande attenzione ai diesel, cercare di fare qualcosa che sia affidabile come un multijet ma allo stesso tempo meno grezzo e più piacevole da ascoltare... per quanto possa essere impossibile, trattandosi di diesel. Bisognerebbe riprendersi quella parte di italiani snob che non sbarcano il lunario ma cercano di prendere l'auto tedesca per farsi vedere.
Ritratto di Nathan
22 luglio 2013 - 19:32
Volete far fallire un gruppo automobilistico senza dirlo troppo in giro? Semplice, cambiate idea ogni sei mesi, in modo da avere il pretesto per rinviare nuove uscite e nel giro di dieci anni avrete il risultato.
Ritratto di napolmen
22 luglio 2013 - 19:43
..dubito una segmento c tp..anche perche' inutile e controproducente!!!!! e' chiaro che le sinergie di gruppo ora si possono fare (dodge e jeep in primis)!!! vedremo!!! spero solo nn si segui gli esempi tedeschi che snaturalizzano marchi cn barconi...suv ne' carne ne' pesce (serie x)..multivan e ....strani incroci....ma auto sportive ma di stile, leggere e sportive!!!
Ritratto di fedex
22 luglio 2013 - 19:58
ooooooooooooooooooooooooooooooohhh era l'ora!!! magari si sono svegliati?! sarebbe un sogno
Ritratto di Chromeo
22 luglio 2013 - 20:23
E poi dicono che nel Gruppo Fiat non si muove niente, comunque non credo che la Giulietta rimarrà senza un'erede visto che è un segmento molto florido e che è un modello che ha riscosso molto successo
Ritratto di marian123
22 luglio 2013 - 21:48
con questa notizia cosa cambia? Queste sono più chiacchiere che fatti, non a caso ieri dicevano che la futura ammiraglia sarebbe nata sul pianale della ghibli mentre oggi c'è un nuovo pianale made in alfa.
Ritratto di wesker8719
22 luglio 2013 - 22:15
eh si sta muovendo si , basta una voce completamente fasulla per rendere felici certi utenti ,si vede che sono abituati al niente!!
Ritratto di Chromeo
23 luglio 2013 - 02:09
Fammi capire sei un dirigente Fiat? Mah... dicevate così anche dei nuovi modelli Maserati e pure li hanno prodotti e sono arrivate già più di 10.000 ordini. Vi state lamentando che il gruppo non produce subito tutti i modelli di cui ha bisogno, vorrei ricordare che per progettare un'auto ci vuole tempo e denaro, e fare da capo delle intere gamme non mi sembra una cosa da niente, sopratutto in: periodo di crisi, con il gruppo che ha sfiorato il tracollo e durante l'acquisizione di un altro costruttore. Probabilmente il gruppo VW non lo sa visto che ha fatto una sola gamma e poi gli ha cambiato più volte marchio ed interni a seconda del brand. Ditemi voi se questo è progettare
Ritratto di Gordo88
23 luglio 2013 - 10:41
Se il gruppo Fiat ha sfiorato la bancarotta è proprio dovuto alla scarsità di nuovi modelli e di investimenti in innovazione. Qui non si parla di Maserati contro cui personalmente non ho mai detto nulla contro, anzi, ma di Alfa romeo che si procinta a restare altri 2 anni solo con 2 modelli a listino e la 4C prodotta in tiratura limitata. Questo lo considero uno scandalo per un marchio con un passato così importante, e questo slogan di un futuro di auto ad alta gamma solo a TP mi sembrano le solite chiacchere per attirare l' attenzione.. tanto tra 2 anni chi se lo ricorda questo annuncio??
Pagine