NEWS

Cellulari alla guida: dati allarmanti

28 dicembre 2013

Durante un monitoraggio effettuato dall’Asaps, il 12,4% degli automobilisti è stato colto ad utilizzare un cellulare durante la guida.

Cellulari alla guida: dati allarmanti
L’INTERO “STIVALE”- Dopo la campagna di sensibilizzazione “Un messaggio a volte accorcia la vita” che giocava sul famosissimo spot della Telecom con protagonista Massimo Lopez, l’Asaps (Associazione Sostenitori e Amici della Polizia Stradale) è scesa in strada per un’indagine sul campo. Tema centrale, l’utilizzo del cellulare alla guida di un veicolo. L’iniziativa ha coinvolto decine di volontari che hanno contato tutti coloro che transitavano lungo le strade telefonando o messaggiando. In totale sono stati campionati 32.650 automobilisti, nelle fasce orarie di maggior traffico, nei mesi di novembre e dicembre e in diverse città italiane: da Palermo a Milano, passando per alcuni centri più piccoli. 
 
MASCHI CHIACCHIERONI - I risultati dell’indagine mostrano che l’utilizzo del cellulare alla guida è un malcostume piuttosto diffuso. Su 32.650 automobilisti infatti, 4.048 (il 12%) sono stati “beccati” in flagranza di reato. Che tradotto, significa che un automobilista su otto mette a repentaglio la sua incolumità (e quella degli altri) per una chiacchierata al telefonino. Il 75,5% dei guidatori è risultato di sesso maschile, il 24,5% di sesso femminile (con punte del 30% in alcune città). Quanto alla ripartizione geografica, le infrazioni sono state registrate specialmente al Nord (42,2%), seguito dal Centro (29,3%) e dal Sud (28,5%). Restringendo il campo alle singole città, la maglia nera va a Verona e Forlì con picchi fino al 16%, seguono Palermo e Torino con il 14%, e Roma con il 13,6%. Napoli, Bologna e Milano registrano rispettivamente il 13,5%, il 13% e il 12%. L’Asaps ha già dichiarato che il prossimo monitoraggio riguarderà i conducenti dei veicoli pubblici.


Aggiungi un commento
Ritratto di PariTheBest93
30 dicembre 2013 - 10:24
3
Attenzione sia moto che scooter tutto dipende dal cervello che è collegato al polso, perché te sei un conto, ma in generale gli scooter finiscono in mano ai ragazzi, che nel traffico si vogliono infilare dappertutto... Per le moto la maggior parte dei motociclisti sono tranquilli ma il c0gli0ne che ti taglia la strada te lo ricordi bene...
Ritratto di onavli§46
1 gennaio 2014 - 20:29
...perchè te sei un conto.... forse meglio dire: Tu sei una cosa, oppure Tu sei una questione...^-
Ritratto di PariTheBest93
1 gennaio 2014 - 21:18
3
Uhm di dove sei? Forse ho usato un'espressione dialettale inconsapevolmente... Allora diciamo tu sei un caso e tu un'altro ;D
Ritratto di onavli§46
1 gennaio 2014 - 22:27
ma forse si è distratti e/o affacendati in altre faccende; comunque, lo stemma del mio username, mi pare non porti dubbio alcuno. per cui,, anche se un mio concittadino del 1800, tale Nicòlo Paganini (compositore e superlativo maestro di violino), soleva dire: Paganini non replica, "io" lo farò, non mi costa ulla: al 50% sono italiano di padre e al 50% svizzero di madre, Ti dico in sintesi, che sono di Genova, -la Superba Repubblica Marinara- PS. si, il concetto suona un poco meglio, ma tutto dipende da come s'imposta il percorso di un discorso, anche se, in questi siti, fare "riprese e/o aggiustamenti" di perfezione grammaticale, mi sembra un poco eccentrico, per non dire ridicolo, in questo sito professori in camice bianco non dovrebbero essercene; ma se lo fanno a me, io ricambio agli altri, Dal buon Gesù ho appreso bene. In conclusione, tipicamente dialettale genovese dico: belin figgièù. Chiaro il nesso. ******* * l'emoticon, (o smile, in italiano faccina, non usa più, ma lo conosco benissimo; cerchiamo di evitarlo, fà provinciale del sito, non illuminato. Se vuoi possiamo usare la stenografia e/o altro. Felice anno nuovo.
Ritratto di PariTheBest93
2 gennaio 2014 - 13:26
3
Buon anno anche a te!
Ritratto di lollo76
29 dicembre 2013 - 12:17
1
pure noi non e' che profumiamo tanto...ce la prendiamo tanto(giustamente)con chi ci comanda ma noi non e' che siamo meglio come senso civico e di maturita.... potra mai ripartire questo paese con queste premesse?!?
Ritratto di markmodena
31 dicembre 2013 - 04:04
No, difatti non riparte.
Ritratto di onavli§46
1 gennaio 2014 - 22:30
Ti condivido in pieno, hai ragione.
Ritratto di Raffaelorenz
29 dicembre 2013 - 16:07
Mah... divieto di cellulare, obbligo di cintura, obbligo di revisione, obbligo di catene da neve, divieto di circolazione con pneumatici consumati.... dico io la patente che ce la danno a fare? Fate fare un po' di pratica e fate guidare a tutti, tanto ci pensa lo Stato a dirti cosa puoi e non puoi fare.
Ritratto di onavli§46
30 dicembre 2013 - 11:53
vi è un piccolo, piccolissimo dettaglio che hai trascurato: lo Stato è composto dai cittadini, dal popolo. dalla gente, e gli illeciti, i menefreghismi, gli abusi, ecc. ecc., sono c o m u n q u e fatti da tali soggetti, e non certo dallo "Spirito Santo", che sempre più perplesso ci sta guardando, non certo con gioia. Ma questa è un'altra storia (diceva Conad il barbaro). Buon Anno .
Pagine