NEWS

Torna la Chevrolet Blazer

22 giugno 2018

Dopo anni di assenza torna la Chevrolet Blazer, che cambia completamente pelle: ora ha linee accattivanti e si ispira alla coupé Camaro.

Torna la Chevrolet Blazer

STILE RIVISTO - La Chevrolet Blazer è una delle fuoristrada più conosciute ed apprezzate negli Usa, dove è stata prodotta, in varie versioni e in milioni di esemplari, tra il 1969 e il 2005. Oggi, dopo tredici anni di assenza, lo storico nome torna su un modello del tutto inedito che sarà negli autosaloni a inizio 2019. Questa nuova Chevrolet Blazer è una suv che si discosta profondamente dalle sue antenate, grazie ad un look “stiloso” e raffinato, ispirato alla sportiva Chevrolet Camaro, che nulla ha a che fare con le goffe e squadrate linee delle edizioni precedenti.

TRAZIONE ANTERIORE O INTEGRALE - La Chevrolet Blazer 2019 ha proporzioni azzeccate, che si accompagnano a dettagli volti ad enfatizzarne il look sportivo, come la base dei vetri laterali che sale verso l’alto in corrispondenza del montante posteriore del tetto e il lunotto molto inclinato. Optional le ruote di 21”. La suv americana è basata su una meccanica a trazione anteriore o integrale e secondo quando annunciato dalla Chevrolet ha dimensioni a metà fra la suv media Equinox (misura 465 cm in lunghezza) e la grande Traverse (519 cm). A disposizione ci sarà anche la versione RS, con cerchi neri e un look più grintoso rispetto alla "base" e alla raffinata versione Premier.

INTERNO RAFFINATO - L’approccio scelto per la carrozzeria si ritrova all’interno della Chevrolet Blazer 2019, che si ispira alle altre berline e alle sportive della casa americana. Spicca infatti lo schermo a sfioramento di 8” nella consolle, tramite il quale controllare il sistema multimediale Chevrolet Infotainment 3 e gestire le funzionalità Apple CarPlay, Android Auto e la connettività a internet integrata. Non mancano inoltre la ricarica senza fili per gli smartphone e sei ingressi Usb, oltre a dotazioni più funzionali come il divano posteriore scorrevole (la Chevrolet Blazer ha 5 posti) e l’apertura senza mani del portellone: basta muovere un piede sotto il fascione per farlo aprire. 

DUE MOTORI - I motori annunciati dalla Chevrolet per la nuova Blazer sono i benzina aspirati a quattro cilindri 2.5 da 196 CV e sei cilindri 3.6 da 309 CV, abbinati entrambi a un cambio automatico a 9 marce. A richiesta si può avere la trazione integrale e il sistema Hitch Guidance, utile per allineare il gancio di traino ad un carrellino senza aver bisogno dell’assistenza di una seconda persona.

Chevrolet Blazer
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
5
10
5
3
2
VOTO MEDIO
3,5
3.52
25
Aggiungi un commento
Ritratto di Fr4ncesco
23 giugno 2018 - 15:45
Ha*
Ritratto di Giuliopedrali
24 giugno 2018 - 09:36
Si ma nel complesso è molto una Chevelle 2020. Del resto nel 1969 per esempio (che periodo fiabesco!) Chevelle two door hard top, magari SS, e Camaro avevano caratteristiche quasi sovrapponibili.
Ritratto di Fr4ncesco
24 giugno 2018 - 10:28
Mi piace il parallelismo, ho sempre detto che la Impala di oggi è la Tahoe, di cui riprende dimensioni, telaio a scocca portante, trazione posteriore, motori 8 cilindri, 6 posti e leva del cambio al volante, non a caso è un'auto tipica e usata dalle tipiche istituzioni americane.
Ritratto di Giuliopedrali
24 giugno 2018 - 13:56
Però penso che i crossover mettano d'accordo tutti, anche per un marchio che può essere dinamico come Chevrolet, la sportività e aerodinamica delle berline e la praticità delle SUV. Peccato che prima che la Cina facesse il più grande boom automobilistico della storia, abbiano chiuso Pontiac e Oldsmobile... Venderebbero molto nel Regno di mezzo. Chevrolet e Pontiac molto dinamiche e adatte a misurarsi perfino con Alfa o BMW e Oldsmobile perfetta per le auto new technologies elettriche ecc. Sto sognando!
Ritratto di Fr4ncesco
24 giugno 2018 - 14:47
Verissimo, ancora qualche anno e avrebbero potuto salvarsi con la Cina, con una clientela nuova, senza pregiudizi e attenta alle novità, proprio quello che ci voleva.
Ritratto di Giuliopedrali
24 giugno 2018 - 16:02
Purtroppo Italia e USA sono i due paesi che dopo grandissime auto decenni fa, inarrivabili come dinamismo le nostre e come comfort le americane, hanno avuto più crisi, si è rinunciato a creare nuovi modelli medi che prima erano normali (quindi a lasciare buona parte del mercato a tedeschi e orientali) e purtroppo lasciar cadere nell'oblio marchi importanti come: Pontiac, Oldsmobile e Plymouth, da noi Lancia e in parte oggi Fiat e si è aspettato moltissimo per Alfa. Solo la Gran Bretagna ha avuto una storia altrettanto travagliata.
Ritratto di Fr4ncesco
24 giugno 2018 - 19:13
Triste ma vero.
Ritratto di Gordo88
24 giugno 2018 - 16:43
Peccato per il posteriore molto più convenzionale rispetto al muso così aggressivo e con fari sfuggenti!
Ritratto di Roomy79
24 giugno 2018 - 22:13
1
Da toccare con mano e provare, ma dalle foto sembra davvero bella, hanno fatto un bellissimo lavoro a livello di design ed equilibrio degli interni. Ma su che mercati sarà disponbile? Ora che gm ha ceduto opel potrebbe tornare in Europa col marchio chevrolet, senza problemi di doppioni, credo che con la giusta strategia commerciale, potrebbero conquistare una bella quota, se le premesse sono queste.
Ritratto di Giuliopedrali
25 giugno 2018 - 09:47
Però a quanto pare GM ha lasciato il mercato europeo per concentrarsi su USA ovviamente e Cina con Buick (marchio ormai mezzo cinese, chissà che tornino le Skylark, Le Sabre e Riviera!) e Wuling e Baojun vendutissime. E a sorpresa anche l'affascinante Cadillac vende un botto lì, anzi da un bel po' ha superato le vendite negli USA. Quindi l'interesse per l'Europa viene meno proprio per gli enormi numeri in Cina. Tra l'altro GM aveva uno stile non eccezionale nei prodotti transatlantici: quelli che dovevano vendere pure qui, o ex Daewoo, mentre è più facile far coincidere il gusto, le proporzioni USA con quelle cinesi, quindi ne vedremo delle belle...
Pagine