Chevrolet Spark EV, piccola ma potente

Versione elettrica della city-car in grado di erogare 130 CV. In Usa sarà venduta a meno di 25.000 dollari.

AERODINAMICA AVANZATA - L’offerta delle vetture elettriche della Chevrolet si amplia: dopo la Volt (che tecnicamente è una ibrida) è il momento alla Spark EV, le cui immagini vengono diffuse a pochi giorni dal debutto pubblico al Salone di Los Angeles. Immediatamente riconoscibile grazie ad alcune modifiche alla carrozzeria, volte soprattutto a migliorare l’aerodinamica, la Spark EV si differenzia dalla versione a motore termico per la presa d’aria anteriore a gestione automatica, la griglia superiore chiusa, i deflettori anteriori, le minigonne laterali, lo spoiler posteriore e i pneumatici a bassa resistenza al rotolamento. 

LA CONTROLLI CON LO SMARTPHONE - Disponibile in sei tinte (Electric Blue, Black Granite, Summit White, Silver Ice e Titanium), l'abitacolo della Chevrolet Spark EV è caratterizzato da finiture color cromo ed elementi luminosi in blue elettrico. Tutta nuova la strumentazione, dotata di uno schermo Lcd a 7 pollici configurabile a piacimento mentre i servizi multimediali sono gestiti dal sistema MyLink, che permette di controllare in remoto tramite smartphone alcune funzioni della vettura.

RICARICA VELOCE - La Chevrolet Spark EV è mossa da un motore elettrico che eroga 130 CV e ben 542 Nm di coppia che consentono un’accelerazione immediata (da 0 a 100 km/h in meno di 8 secondi). Le batterie agli ioni di litio da 20 kWh, pesano 254 kg, sono state sottoposte a più di 200.000 ore di test e sono garantite per otto anni o 160.000 km. Ricaricabile in sette ore se si utilizza la “normale” presa da 240 volt, sono sufficienti 20 minuti per caricare l’80% delle batterie se si opta per il sistema SAE Combo DC Fast Charging. In vendita inizialmente in California, Oregon, Canada e Corea del Sud sarà offerta a meno di 25.000 dollari (circa 19.000 euro) grazie anche agli incentivi governativi. Nulla è ancora definito circa la commercializzazione in Europa.

 



Leggi l'articolo su alVolante.it