NEWS

La cinese Chery si prepara allo sbarco in Europa

16 agosto 2017

Il costruttore cinese Chery ha diffuso alcune immagini di una nuova suv che sarà presentata al prossimo salone di Francoforte.

La cinese Chery si prepara allo sbarco in Europa

PROGRAMMA AMBIZIOSO - La Cina è vicina. Anzi è già qui. Al prossimo salone di Francoforte in programma a settembre, la casa automobilistica Chery (leader per esportazioni tra le case cinesi) presenterà una doppia novità: una nuova suv compatta, della quale sono state diffuse alcune immagini in chiaroscuro (qui sopra), che sul cofano porterà un marchio inedito. Il nuovo modello e la nuova marca saranno destinati principalmente al mercato europeo.

UN NUOVO CENTRO IN EUROPA - Il costruttore cinese ha anche annunciato che la strategia commerciale sviluppata attorno al nuovo modello e al nuovo marchio vedrà anche la realizzazione in Europa di un nuovo centro di ricerca, che andrà ad affiancarsi a quelli di Wuhu (Pechino) e Shanghai, in Cina. Inoltre, negli ultimi due anni la Chery ha investito circa 2 miliardi di Yuan (circa 255 milioni di euro) per la realizzazione di un nuovo centro tecnico in Cina, comprendente otto laboratori per i test delle componenti, la misurazione delle emissioni, della rumorosità e delle vibrazioni. Tra i prodotti che la casa intende portare sul mercato ci sono una ibrida, una ibrida plug-in e una vettura elettrica.

ALLA CONQUISTA DEI MERCATI ESTERI - L’iniziativa della Chery segna il concreto avvio da parte delle case cinesi della strategia volta a vendere sui mercati mondiali. Dalla sua creazione (avvenuta una ventina di anni fa) il gruppo Chery ha già venduto 1,2 milioni di veicoli sui mercato stranieri. L’anno scorso su un totale di 700 mila veicoli venduti, ne ha esportato circa 100 mila, pari al 30% delle esportazioni automobilistiche cinesi.

Aggiungi un commento
Ritratto di Moreno1999
16 agosto 2017 - 20:23
4
Un'occhio poco attento, vedendo quel logo, potrebbe scambiarla per Infiniti...
Ritratto di Xadren
17 agosto 2017 - 08:54
1
Temo che la Infiniti sia così poco nota da noi, purtroppo, che il rischio più che di scambiare le Chery per le Infiniti e viceversa, sarà di considerarle un unico marchio.
Ritratto di Moreno1999
17 agosto 2017 - 10:25
4
Effettivamente...
Ritratto di MicBel75
17 agosto 2017 - 08:26
Se lo sbarco ripeterà il successo dei loro compaesani di GreatWall i gli altri costruttori possono dormire più che tranquilli. Purtoppo per loro la reputazione è tutta da costruire visto che oggi auto cinese vuol dire baracca, chi ha già vissuto l'esperienza pensando di risparmiare non ripeterà l'errore!
Ritratto di the arabian phoenix
17 agosto 2017 - 08:47
Io sono dell'idea che se arriveranno in Europa con ibrido e semi ibrido, magari supportati da tecnologia byd, si ricaveranno una bella porzione. Basterà semplicemente convertire il motore a benzina in GPL/metano ( magari un Mitsubishi non a iniezione diretta) e con poca spesa, si potrà avere un ibrido ampiamente ripagato per la città.
Ritratto di Xadren
17 agosto 2017 - 08:59
1
Non so che margini possano avere in Europa (occidentale); penso che alla fine la differenza starà nel prezzo: offriranno auto economiche per attirare clienti, ma essendo troppo economiche saranno/potrebbero essere di qualità mediocre, rendendo difficile imporsi come alternative valide. Vedremo, certo per DR non sarebbe il massimo vedere concessionari Chery in giro per l'Italia...
Ritratto di alexlato2010
17 agosto 2017 - 11:37
Credo che DR abbia il diritto di vendita su Chery in Italia nel senso che Chery non dovrebbe poter vendere da noi. In caso contrario, DR ha già l'alternativa ovvero Jac
Ritratto di Rav
17 agosto 2017 - 12:32
2
Non sembra male, anche se pare attingere a piene mani dallo stile dei suv americani, cosa che potrebbe non essere un male. Bisognerà poi vedere il livello di qualità, i motori e il prezzo. Ad oggi i cinesi hanno sempre puntato su quest'ultimo andando ad attaccare una clientela che usa l'auto soprattutto per lavoro (nei cantieri o in campagna). Con questa linea invece spero ci sia maggiore qualità e motori all'altezza.
Ritratto di Bruno91
18 agosto 2017 - 11:17
1
Tanto ormai i cinesi sono quelli che osano di più... Mantengono sempre in alto il loro mercato con prodotti dalle qualità più basse a quelli dalle qualità un po' più alte. Nel frattempo FCA che sta facendo a parte qualche auto decente? Butta via lo storico marchio Lancia e non prova a fare almeno un modello nuovo. Ci manca solo vendersi ai cinesi come hanno fatto certi inglesi. Almeno i cinesi farebbero vendere.
Pagine