NEWS

Citigoᵉ iV: la prima elettrica della Skoda

23 maggio 2019

Lunga 360 cm, la citycar Citigoᵉ iV ha un motore da 83 CV e batterie da 36,8 kWh: con un “pieno” percorre 265 km.

Citigoᵉ iV: la prima elettrica della Skoda

265 KM CON UNA CARICA - Nei suoi 124 anni di storia la Skoda non aveva mai lanciato un'automobile elettrica. A "rompere il ghiaccio" arriverà all’inizio del 2020 la Skoda Citigoe iV, una citycar derivata dalla Skoda Citigo a benzina in grado di percorrere fino a 265 km con una carica, a sufficienza per affrontare anche brevi trasferimenti fuori porta. La Citigoe iV (la sigla iV identifica da ora in avanti le Skoda ibride o elettriche) rimane però una vettura da città, e non soltanto per le dimensioni estremamente contenute, a partire dalla lunghezza di 360 cm: questa citycar infatti non supera i 130 km/h di velocità massima e non è un "fulmine" nemmeno nello scatto da fermo, perché lo "0-100" viene portato a termine in 12,5 secondi.

LE PILE NON RUBANO SPAZIO - La Skoda CitigoiV è spinta da un motore elettrico con 83 CV di potenza, alimentato da 108 piccole batterie agli ioni di litio (la loro capacità è di 36,8 kWh): si trovano sotto il pavimento dell’auto, per abbassare il baricentro e migliorare così le doti di guida, e sono contenute all'interno di un involucro lungo 170 cm, largo 110 cm e spesso 30 cm. Le batterie della Skoda CitigoiV si possono ricaricare dalla presa elettrica di casa, ma in questo caso bisogna mettere in conto 12 ore e 40 minuti per un “pieno”. I rifornimenti diventano più svelti collegando le pile ad una wallbox da parete o ad una colonnina per strada (la Citigoe iV supporta ricariche con potenza fino a 40 kW): in questi casi, rispettivamente, si impiegano 4 ore e 1 ora per passare dallo 0% all’80% della carica.

PASSA INOSSERVATA - Dall’esterno è facile scambiare la Skoda CitigoiV per le versioni a benzina della citycar boema, perché a distinguere l’elettrica pensa la mascherina anteriore verniciata nel colore della carrozzeria. Le due auto cambiano inoltre per dettagli minori: la Skoda Citigoelettrica ha la targhetta iV nel portellone e ruote specifiche. Fra le novità c’è anche un sistema per controllare dallo smartphone alcune funzioni di bordo, come l’accensione del “clima”, programmabile a distanza quando l’auto è in carica: in questo modo non si “spreca” l’energia delle batterie per riscaldare o raffrescare l’interno.

Skoda Citigo
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
36
20
40
39
134
VOTO MEDIO
2,2
2.200745
269


Aggiungi un commento
Ritratto di Dr.Torque
24 maggio 2019 - 10:08
Finalmente una elettrica senza loghi e fregi verdi o blu. Non ci voleva molto ma finora lo aveva capito solo Tesla.
Ritratto di BRIXIO85
24 maggio 2019 - 19:15
Ottima osservazione; dà un senso di diversità, ma con accezione negativa. Serve solo a dare un messaggio al beduino e lo fanno, peraltro, anche con le versioni semplicemente "connesse". Basta che si esca dalla preistoria e il colore della scarica elettrica, sempre esistita in natura, fa sistematicamente la sua antiestetica comparsa. Basterebbe una lettera; minuscola pure, tipo: "e", come nel caso della paradigmatica Honda. Ma poi il beduino di turno ha ancora da ridire...
Ritratto di ziobell0
24 maggio 2019 - 10:56
Queste sono le elettriche che servono: la città è il loro terreno ideale. Non Suv e berline elettriche da 700 cv
Ritratto di Fausto Carello
24 maggio 2019 - 14:44
Ben detto, un applauso
Ritratto di BRIXIO85
24 maggio 2019 - 20:06
Solo nelle ZTL e nell'hinterland solo per chi ha il box. La maggior parte, che lascia la macchina fuori, in assenza di colonnine e, comunque sia, in presenza di beduini trap-rap-pierce-tattoo-airhead a cui sale il beduino e spaccano tutto, devono continuare ad usare auto "normali". Vedi, o emigri o le cose stanno così... Tutto sommato, essendo un amante dell'endotermico, mi reputo fortunato ad appartenere a questo novero di "svantaggiati". Il mio E24 se ne sta, in compenso, bello bello in box pronto per il fine settimana, ma tanto pure quello d'elettrico ha solo il computer di bordo stile DMC 12...
Ritratto di Fausto Carello
25 maggio 2019 - 07:42
Ciao brixio, anch’io appartengo al gruppo degli “svantaggiati”. Però condivido il pensiero di ziobell0, se deve essere elettrico allora ha più senso una vettura da città che una vettura per lunghe distanze che oggi come oggi mi sembra ancora un po’ problematico per via delle ricariche. Ma forse un giorno anche questo problema sarà risolto. Buon week end. Fausto
Ritratto di BRIXIO85
25 maggio 2019 - 13:48
E' così e lo sarà per diversi anni ancora. Sono pienamente d'accordo. Breve disgressione sul termine "svantaggiati": personalmente ti direi che così sono più contento perché la mia "bella auto" la possono ammirare tutti (la scelta del modello, ovviamente, è stata vincolata dal fatto di non poterla ricoverare). Tanto una grandinata può capitare anche nel piazzale dell'azienda durante il giorno e sghiacciare i cristalli d'inverno non mi fa nessuna differenza in definitiva. Certo, un paio di volte hanno tentato di rubarmela (ed è un modello che in altri paesi devi pagarli per correre il rischio... che in Italia evidentemente non c'è). I Carabinieri mi dissero che, anche se li prendono, il giorno dopo li devono comunque rilasciare... ed è molto frustrante per loro. Se vai in Svizzera, Germania, Olanda, Repubblica Ceca, ecc. vedi tranquillamente parcheggiate per strada, di notte, auto da 50-80 KE; sono di residenti, sempre lì ogni notte (da noi la prima te la vedono, la seconda te la curano e la terza te la ciulano). E gli autosaloni, come anche in tutti i paesi mitteleuropei, lasciano tranquillamente macchine tipo Porsche, ma ho visto anche Lamborghini, nei piazzali, illuminati certo, ma non recintati e nei quali può entrare chiunque; solo che, chissà come mai, nessuno si sente in diritto di farlo... Scusa per la divagazione. Un saluto
Ritratto di Giuliopedrali
24 maggio 2019 - 17:38
Se il prezzo sarà basso, sembra intorno ai 20.000 Euro, potrebbe essere un inizio.
Ritratto di schizzo650
25 maggio 2019 - 14:05
La guerra è iniziata tutti contro all'elettrico, ma non hanno capito che più dichiari guerra ad un prodotto più si vende, chi vive in città ha parcheggio gratis con colonnina e costo d'esercizio irrisorio senza contare esenzione bollo e assicurazione minima, amministrazioni comunali taxi e resto saranno solo elettrici nel giro di pochi anni..... Ma FCA latita non si vedono prototipi e tutto è demandato al futuro!! Manley fa qualcosa......
Pagine