NEWS

Citroën C1 e Peugeot 108 potrebbero avere vita breve

di Fabio Madaro
Pubblicato 16 ottobre 2020

Il Gruppo PSA starebbe per terminare la produzione delle due citycar costruite in Repubblica Ceca insieme alla Toyota Aygo.

Citroën C1 e Peugeot 108 potrebbero avere vita breve

FINE DI UN CICLO - Secondo indiscrezioni raccolte dall’agenzia Reuters, il Gruppo PSA starebbe per terminare la produzione delle citycar Citroën C1 (nella foto) e Peugeot 108 presso lo stabilimento ceco dove vengono prodotte insieme alla Toyota Aygo sin dal 2002. Le tre vetture sono frutto di un progetto congiunto tra i due gruppi. Ma quali potrebbero essere i motivi di tale decisione?

IL MATRIMONIO CON LA FCA - La prima è che i maggiori costruttori stanno rivedendo le loro strategie sulla produzione di motori a combustione interna per adeguarli alle nuove leggi antinquinamento. Si tratta di norme particolarmente stringenti che penalizzano i modelli entry-level per via di investimenti e costi non giustificabili su vetture di fascia economica. Secondo motivo potrebbe essere la fusione con la FCA, che nel 2021 darà vita al gruppo Stellantis. La FCA, infatti, dispone della moderna piattaforma utilizzata dalla Fiat Nuova 500 elettrica, che potrebbe tranquillamente essere utilizzata per nuove citycar a marchio Citroën e Peugeot.





Aggiungi un commento
Ritratto di deutsch
17 ottobre 2020 - 18:29
4
Vale per tutti il discorso ma mi sembra che i teutonici siano messi meglio, la frenata automatica è di serie da anni, i crash test danno risultati decisamente migliori, 4 stelle nel 2019 contro le zero della panda nel 2018. Ed ha pure la versione elettrica. Il gruppo cmq ha diverse mild, plugin ed elettriche in listino
Ritratto di napolmen4
16 ottobre 2020 - 21:26
ricordiamoci che lanpanda ha avuto 4 stelle.....mentre la ben più recente VW up 3 stelle euroncap
Ritratto di katayama
17 ottobre 2020 - 07:25
Per quelli di VAG il seg. A è come l'ammazzacaffé. "Anche no grazie, che fa pure vеnire la gastrite", sembrano dire. Il loro lauto pasto l'hanno già consumato in altri segmenti. Panda, invece, è "l'oro di Napoli" per FCA, e fortuna che l'hanno portata a Pomilgiano nel 2009/2010, quando dal Vico uscivano ancora le 159, le ultime Alfa in uno stabilimento che ha visto solo Alfa, dove perfino sui vassoi della mensa campeggiava il logo Alfa. Panda è un'enormità. E come la "trattano"? Lasciamo stare. Adesso, entro fine anno, arriva la presentazione del restyling, la serie speciale 40°, la Sport, ecc. Cosa ci s'aspetta? Tanto. Cosa arriverà? Poco. Ma tanto basterà a chi ama il marchio, che almeno rimane col "vecchio scudetto". Basterà anche a me che quell'auto l'ho vista nascere, quando ancora la stampa ne abbozzava solo forme improbabili.
Ritratto di napolmen4
17 ottobre 2020 - 15:11
" Maxi protesta dei lavoratori Volkswagen Chiude definitivamente la maxi fabbrica Volkswagen di Bruxelles: la società intende tagliare 3.500-4.000 posti di lavoro, quasi due terzi del totale, tra lo shock della politica belga e i timori crescenti dei sindacati che parlano di "catastrofe" e "morte lenta" dello stabilimento interessato. La casa automobilistica tedesca ha annunciato di voler interrompere la produzione del modello di punta dello stabilimento di Forest, a sud della capitale belga: la Golf. Una decisione che ha fatto ripiombare il paese nel dramma, dieci anni dopo la brusca chiusura dello stabilimento Renault de Vilvorde che ha provocato il licenziamento di 3.000 dipendenti. Il premier belga Guy Vehofstatd, parlando ai microfoni della tv VRT, si è detto scioccato della notizia giunta da Volkswagen. E' apparso sgomento il presidente della Regione fiamminga Yves Leterme, che ha parlato di sensazione di impotenza davanti ad una decisione di questo genere. Si tratta di una "catastrofe nazionale" ha incalzato da parte sua il sindaco del comune di Forest, Corinne de Permentiere, senza celare il timore che la situazione sfugga al controllo, dopo gli scioperi dei giorni scorsi e le proteste dei leader sindacali. "Ho chiesto di invitare tutti alla calma" ha aggiunto il primo cittadino, spiegando di voler "svolgere un ruolo da intermediario tra la dirigenza e i sindacati affinchè la situazione rimanga sotto controllo". L'annuncio del gruppo automobilistico ha sconvolto i dipendenti potenzialmente nel mirino delle drastiche decurtazioni. E i leader sindacali degli oltre 5.000 occupati nel sito belga hanno fatto sentire forte la loro voce. "E' la più grande catastrofe che abbiamo vissuto fino ad oggi" ha detto Pascal Van Cauwenberge, delegato del sindacato cristiano CSC presso Wolkswagen. La fabbrica, ha aggiunto, si dirige "verso una morte lenta" visto che la sola produzione del modello Polo, realizzata in quantità ben più limitate rispetto alla Golf e a livelli molto meno avanzati, non riuscirà a garantirne la sussistenza. La protesta rischia di crescere. "Non potremo far altro che passare all'azione" ha proseguito il leader del CSC, invitando comunque "tutti a mantenere la calma".... articolo DEAR SPIEGER 2008!! ognuno a ha il proprio oro....purtroppo le imprese ha le sue storie!! il Belgio ha dichiarato lutto nazionale ed e' un esempio che potevi prendere
Ritratto di katayama
17 ottobre 2020 - 15:44
La Golf intanto la fanno a Wolfsburg e se la tengono stretta e continuano ad aggiornarla. La Polo a Pamplona. Che c'entra? È come se avessero portato la 500 da Tychy a Kragujevac. A Forest ci fanno la Audi e-tron, e magari chiediti il perché...
Ritratto di napolmen4
17 ottobre 2020 - 17:50
...un bastone d'oro infilatelo nel cu.....
Ritratto di katayama
17 ottobre 2020 - 18:09
Hai dei problemi, mi spiace, risolvili.
Ritratto di deutsch
17 ottobre 2020 - 12:23
4
le tue infomrazioni sono totalmente sbagliate, ti consiglio di consultare questo sito interne www.euroncap.com/it
Ritratto di hamtaro
18 ottobre 2020 - 22:31
15
qualcuno dica al fiattaro che la Panda e la up! uscirono insieme nel a fine 2011
Ritratto di Quello la
16 ottobre 2020 - 14:27
Peccato. Allargano l'offerta nel segmento A.
Pagine