NEWS

Citroën C1 e Peugeot 108 potrebbero avere vita breve

di Fabio Madaro
Pubblicato 16 ottobre 2020

Il Gruppo PSA starebbe per terminare la produzione delle due citycar costruite in Repubblica Ceca insieme alla Toyota Aygo.

Citroën C1 e Peugeot 108 potrebbero avere vita breve

FINE DI UN CICLO - Secondo indiscrezioni raccolte dall’agenzia Reuters, il Gruppo PSA starebbe per terminare la produzione delle citycar Citroën C1 (nella foto) e Peugeot 108 presso lo stabilimento ceco dove vengono prodotte insieme alla Toyota Aygo sin dal 2002. Le tre vetture sono frutto di un progetto congiunto tra i due gruppi. Ma quali potrebbero essere i motivi di tale decisione?

IL MATRIMONIO CON LA FCA - La prima è che i maggiori costruttori stanno rivedendo le loro strategie sulla produzione di motori a combustione interna per adeguarli alle nuove leggi antinquinamento. Si tratta di norme particolarmente stringenti che penalizzano i modelli entry-level per via di investimenti e costi non giustificabili su vetture di fascia economica. Secondo motivo potrebbe essere la fusione con la FCA, che nel 2021 darà vita al gruppo Stellantis. La FCA, infatti, dispone della moderna piattaforma utilizzata dalla Fiat Nuova 500 elettrica, che potrebbe tranquillamente essere utilizzata per nuove citycar a marchio Citroën e Peugeot.





Aggiungi un commento
Ritratto di AlphAtomix
19 ottobre 2020 - 09:45
Purtroppo il segmento A è destinato a morire. Costi troppo elevati per auto sulla quale non ci guadagnano niente.
Ritratto di Ale94
19 ottobre 2020 - 20:49
Non c’è più offerta nel mercato. NO C1,108 e Aygo- Adam e Karl,Mii e Citytigo fuori dai giochi. Restano la Panda e la Ypsilon ma usciranno di produzione a fine 2022 senza eredi perchè una diventerà elettrica da 3.90 e l’altra una segmento B di 4 metri, rimane la Up! anche elettrica e la Twingo con la sua gemella Smart. Quando ci sarà l’esigenza di comprare una macchina sotto i 10mila euro pronta consegna da usare per la famiglia magari per un figlio neopatentato nuova e da “battaglia” per la città troveremo il vuoto!
Ritratto di opel signum
19 ottobre 2020 - 21:02
Il generale aumento del prezzo delle auto è dovuto al fatto che le norme anti-inquinamento e quelle sulla sicurezza sono sempre più stringenti. Le citycar non si possono permettere il continuo aumento del prezzo altrimenti perderebbero quei pochi clienti.
Pagine