NEWS

La Citroën C3 raccontata dal designer

Pubblicato 14 febbraio 2020

Quattro chiacchiere con Sylvain Henry, che ha firmato la versione aggiornata dell'utilitaria francese.

La Citroën C3 raccontata dal designer

Alto e sorridente Sylvain Henry (a sinistra nella foto qui sopra) è il designer che, a ormai quattro anni dal lancio, ha rinfrescato il look della Citroën C3 (leggi qui la news). Si tratta di modifiche marginali, per un modello ancora giovane, che ci ha illustrato mostrandoci l'auto prima del suo debutto nelle concessionarie.

In questi anni cosa è piaciuto della Citroën C3 e cosa c'era da cambiare?
I clienti hanno apprezzato la personalità della vettura che, per l'andamento orizzontale invece che cuneiforme delle sue linee e l'eleganza, si differenzia dalle rivali. Un'altra caratteristica che la distingue sono i richiami alle crossover, con le estese protezioni in plastica nera per la zona inferiore della carrozzeria e gli archi dei parafanghi. Fra l'altro, trasmettono un senso di protezione. I numeri di vendita dicono che la Citroën C3 ha conquistato soprattutto il pubblico femminile e con le novità estetiche di questo modello aggiornato vorremmo interessare anche quello maschile. Il tutto, però, rendendo sempre immediatamente identificabile come Citroën la vettura.

Per ingolosire i “maschietti” dove siete intervenuti?
Principalmente nel frontale, cambiando l'andamento dei due profili cromati che, inglobando il marchio Citroën, corrono lungo la sottile mascherina. Quello inferiore, arricchito di elementi grafici rettangolari, è curvo per indirizzare lo sguardo verso il faro, che ha una forma più squadrata e luci a led. Queste ultime creano tre punti luminosi, che identificano la vettura. Sono modifiche, pensiamo, che hanno reso più deciso il design del frontale e, quindi, più affine ai gusti del pubblico maschile. A costoro dovrebbe piacere anche il nuovo e brillante colore rosso elisir dell'auto che stiamo ammirando.

Siete intervenuti anche nelle fiancate, invece la parte posteriore è invariata
Nelle fiancate abbiamo modificato il disegno degli Airbump (le protezioni morbide e in plastica nera per parte inferiore delle porte). Anziché suddiviso in tanti piccoli elementi verticali il fascione presenta un disegno a "quadrettoni" che lo snellisce e riprende la forma di fari e fanali. La parte posteriore non è cambiata perché ci sembra che non ce ne fosse la necessità.

C’è anche un fregio colorato nei montanti posteriori del tetto
Si tratta di un elemento grafico di congiunzione fra il tetto e il resto della carrozzeria, che hanno tinte diverse. Inoltre, questo dettaglio riprende i colori presenti in altri punti dell'auto, come nell'abitacolo e sul tetto, caratterizzato da nuove strisce adesive dai toni vivaci.

E nell'abitacolo?
Si può scegliere una nuova finitura tipo legno e con una trama puntinata molto tecnologica, che aggiunge eleganza e originalità.

La Citroën C3 come si colloca fra le altre utilitarie del gruppo PSA, la Opel Corsa e la Peugeot 208?
La parola d'ordine è differenziarsi. E dal punto di vista estetico i tre modelli non hanno nulla in comune. Per esempio, la Citroën C3 è l'unica con richiami stilistici al mondo delle crossover.

Citroën C3
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
83
85
53
42
75
VOTO MEDIO
3,2
3.174555
338


Aggiungi un commento
Ritratto di ilValV
20 febbraio 2020 - 22:39
Se il design delle Seat fosse così attraente ne troveresti almeno una tra le più vendute. Invece se le filano in pochi, ovunque.
Ritratto di Giulk
14 febbraio 2020 - 13:44
Esatto, anche a me convince poco, trovo il design meno "pulito" del precedente e inutilmente più complicato
Ritratto di Santhiago
14 febbraio 2020 - 14:01
La penso così anche io
Ritratto di remor
14 febbraio 2020 - 13:09
La fanaleria e linee sovrapposte adottata dal marchio non mi ha mai convinto fin dalla (C4)Picasso. Tuttavia va ammesso che con questo modello ci hanno azzeccato some filosofia; probabilmente non potendo spartire fra i vari marchi le diverse zone del mercato continentale (come ad esempio avrà potuto fare il gruppo Vw, che ha una forte tradizione per Skoda ad est e per Seat nell'estremo Ovest) hanno in quel di francia ben pensato di differenziare nettamente i vari modelli quindi hanno proceduto a una 208 alquanto "standard" e una C3 piuttosto alternativa. Il risultato pare li abbia premiati perché l'ultima C3 è decisamente decollata nelle vendite (da 130.000 nel 2016 a 210.000 nel 2019) e, fra l'altro senza troppo intaccare i risultati della 208 (mentre come dicevo nel precedente articolo dal 2016 al 2019 nessuna fra le 3 sorelle by Vw group ha avuto un'analogo score di crescita, anzi in verità negli ultimi 3 anni son tutte mediamente calate in vendita)
Ritratto di Andrea Ford
14 febbraio 2020 - 13:41
Va anche detto che la C3 vende solo in Europa perché nella classifica globale non ricordo di averla vista in posizioni tipo Polo, Yaris etc. In realtà non ricordo affatto di averla vista. Questo naturalmente imho e con rispetto parlando. Un saluto. Il Gwent.
Ritratto di ilValV
20 febbraio 2020 - 23:03
Tutte le marche europee vendono e fanno numeri soprattutto in Europa. L'auto più venduta al mondo nel 2019 è stata ANCORA la Toyota Corolla, mentre l'europea più venduta (sesta in classifica) è la VW Tiguan, probabilmente l'unica apprezzata maggiormente oltre confine.
Ritratto di Giulk
14 febbraio 2020 - 13:43
Il modello precedente mi è sempre piaciuto parecchio, questa non mi convince totalmente, il frontale prima era abbastanza pulito, ora mi sembra un pò troppo pesante e complicato come design
Ritratto di Biondi stefano
14 febbraio 2020 - 15:36
Prima la cornice cromata partiva dallo Chevron circondava i faretti a led e si univa nuovamente all all'altro chevron,insomma aveva un inizio e una fine "circolare",mentre adesso che spezzata e si perde in basso verso i nuovi fari. Forse per la diversa forma e grandezza(?)di questi hanno ritenuto opportuno modificarne la linea. Dopo un po' che si guarda forse ci convince ,ma non appieno.
Ritratto di ziobell0
14 febbraio 2020 - 16:07
mamma mia che porcheria questo design
Ritratto di francogriffini
14 febbraio 2020 - 17:06
Finalmente sappiamo nome e cognome di chi ha ridisegnato questa inguardabile macchina. Farla più brutta di quello che era, era difficile... Ebbene ci sono riusciti con elementi incastonati nel frontale senza ne capo ne coda e un guazzabuglio di linee che non hanno logica. E' letteralmente inguardabile!!! Povera Citroen...
Pagine