NEWS

Citroën-Peugeot: in arrivo tante novità

27 ottobre 2011

Il gruppo francese, oltre alla nuova 208, nei prossimi anni metterà in commercio una piccola suv, un'ammiraglia della gamma DS e un modello essenziale, derivato dal prototipo C-Cactus. Ma in Europa prevede di tagliare 2.500 posti di lavoro entro la fine dell'anno.

UNO SGUARDO AL FUTURO - Nell'imminenza del debutto della nuova Peugeot 208 (leggi qui la news), torniamo a parlare del gruppo francese PSA. In occasione della presentazione del conto economico del terzo trimestre 2011, Jean-Marc Gales, direttore dei marchi Peugeot e Citroën, ha rilasciato interessanti dichiarazioni al quotidiano il Corriere della Sera che riguardano i futuri prodotti, ma non solo.

TAGLI IMPOPOLARI
- Innanzi tutto, nell'ottica di ridurre di 800 milioni di euro i costi aziendali, il gruppo PSA Peugeot Citroën si appresta a “tagliare” 2.500 posti di lavoro entro la fine dell'anno (circa 5.000 considerando l'indotto). Una scelta difficile, ma necessaria per adattare l'azienda ai nuovi equilibri economici: in pratica si guarda sempre di più ai mercati emergenti come Brasile, Cina e India, dove tutti i grandi costruttori stanno investendo pesantemente. Come confermato da Gales, l'obiettivo è quello di rendere i marchi Peugeot e Citroën sempre più indipendenti dall'Europa, mercato ancora fortemente in crisi.

11_peugeot_205_gti_1988_01_b.jpg

ANCHE GTI - Le maggiori attenzioni, al momento, sono concentrate tutte sulla nuova 208, erede dell'attuale 207. Un modello fondamentale per le vendite in Europa, considerando che la Peugeot stima di vendere oltre 500.000 unità l'anno. La nuova utilitaria sarà proposta con carrozzeria a tre e cinque porte e non mancherà una versione sportiva, erede spirituale dell'ormai “mitica” 205 GTi (nella foto qui sopra) prevista per il 2013. Inoltre, sarà proposta anche una variante cabrio, quasi certamente dotata del tetto ripiegabile in metallo.

peugeot_hr1_2010_09_02_mod.jpg


BABY SUV
- Inseguendo il successo di Mini Countryman e la Nissan Juke, Gales conferma che anche la Pegueot proporrà una suv di piccole dimensioni: l'auto si chiamerà 2008, sarà derivata dal prototipo HR1 (nella foto qui sopra), presentato al Salone di Parigi dell'anno scorso (leggi qui per saperne di più), e verrà proposta anche in una variante ibrida.

Big citroenmetropolis 25


PRODUZIONE IN CINA
- In un mercato in forte espansione come quello cinese, il gruppo PSA punta a rafforzare la propria presenza con il nuovo “sub-brand” DS della Citroën: oltre alla crossover DS5 (leggi qui il primo contatto della Hybrid4 Sport Chic), verrà prodotta una classica berlina derivata dalla DS4, una suv che forse verrà importata anche in Europa, e una grande ammiraglia che potrebbe chiamarsi DS6 o DS8, le cui forme sono state anticipate dal prototipo Metropolis (qui sopra), presentato l'anno scorso all'Expo di Shanghai (leggi qui per saperne di più).

citroen_c_cactus_01.jpg

UNA CITROËN ESSENZIALE - Il gruppo PSA, dopo aver pianificato di riposizionare più in alto l'immagine della Peugeot e aver creato il marchio DS, non trascura anche fasce di mercato più basse. Jean-Marc Gales ha infatti annunciato che nel 2013 arriverà un modello essenziale, derivato dal prototipo C-Cactus (nella foto qui sopra): un'auto indirizzata a chi cerca praticità, spazio interno comfort e non prestazioni e potenza.

Aggiungi un commento
Ritratto di P206xs
27 ottobre 2011 - 12:00
Molto bella la metropolis!! speriamo ne venga una bella ammiraglia!!
Ritratto di mustang54
27 ottobre 2011 - 12:30
2
In appena 15 anni si è passati dall'anonima Xsara e Xantia, al design originale di DS varie... Go Citroen Go. Mi compiaccio col Double Chevron visto che le Citroen mi hanno sempre schifato o per lo meno non attratto
Ritratto di titaoit
27 ottobre 2011 - 13:00
Ormai per questo gruppo se non si allea con qualcuno morirà.. poco a poco, ma ineluttabilmente scomparirà
Ritratto di sciamano.web
27 ottobre 2011 - 13:17
.... il gruppo citroen-peugeot, a differenza di qualcun altro (sai di chi parlo!!!), è sempre in fermento, proponendo con costanza e cadenza fissa modelli nuovi o novità su modelli già esistenti. Investe in paesi emergenti come Brasile ed Argentina e nuove potenze come Cina. Tutto questo senza dimenticare d'investire sul futuro e cioè l'ibrido/elettrico. Ciao
Ritratto di FaustoM1991
27 ottobre 2011 - 20:41
che licenzierà 2500 persone entro fine anno.....
Ritratto di wiliams
27 ottobre 2011 - 21:13
Hahahahaha..........!!!!!!!!!!!!!!Esatto!!!!!
Ritratto di wiliams
27 ottobre 2011 - 22:58
Non fare il finto tonto.Non ridevo per gli operai,ridevo sul fatto che alcune persone dichiarano in "grande fermento" il gruppo PSA quando poi però si prepara a lincenziare migliaia di operai,sarebbe questo il "grande fermento"?????Se capisci le battute bene,altrimenti non fare il finto moralista.
Ritratto di sciamano.web
28 ottobre 2011 - 07:47
.... c'è sempre un lato negativo in una riorganizzazione. Non penserai che la fiat solo perchè in italia non può licenziare negli altri paesi dove ha fabbriche non taglia posti di lavoro quando ne abbisogna... Ma questo non vuol dire che sta morendo un'azienda. Ciao
Ritratto di desiand
28 ottobre 2011 - 20:12
4
Non solo è sempre in fermento, è anche all'avanguardia in certe soluzioni tecniche come l'hybrid4! E collabora con BMW per i motori benzina e Mitsubishi per le SUV e fuoristrada!
Ritratto di FIORE52
27 ottobre 2011 - 13:13
QUESTO GRUPPO PER ME DURERA' POCO SE NON TROVERA' UN ALLEATO AFFIDABILE, MAGARI LA FIAT.... SAREBBE UNA BELLA IDEA
Pagine