NEWS

Qual è la migliore tra le citycar? Scopriamolo insieme

15 gennaio 2015

Abbiamo messo a confronto le citycar di ultima generazione. Ecco sei modelli rivali per prezzo, dimensioni, potenza e cilindrata.

Qual è la migliore tra le citycar? Scopriamolo insieme
SOPRATTUTTO ECONOMICHE - La crisi economica le ha rese ancora più appetibili, ma non è solo per questo che le vetture da città sono sempre più gradite dagli italiani. Pratiche e maneggevoli, ma soprattutto economiche all’acquisto e poco assetate anche nelle versioni a benzina, hanno conosciuto una netta evoluzione. Ora sono molto più sicure e versatili: contano su una dotazione tecnologica generosa, ospitano comodamente quattro persone e, pur essendo nate per sgusciare in città, non impongono troppi sacrifici nei lunghi viaggi. 
 
CINQUE VANNO A TRE (CILINDRI) - Per verificare sul campo queste qualità abbiamo messo a confronto sei fra le più interessanti e recenti citycar sul mercato, tutte (tranne una) mosse da un 1.0 a tre cilindri, con potenze comprese fra 67 e 69 CV, prezzi oscillanti fra 11.500 a 14.000 euro e lunghe da 346 a 367 cm. Alla sbarra le “cugine” Citroën C1, Peugeot 108 e Toyota Aygo (che condividono progetto e struttura, ma non il look) e le coreane Hyundai i10 e Kia Picanto (che hanno in comune il motore, con una lieve differenza nella potenza e nei rapporti del cambio). Solo la Fiat Panda impiega un 1.2 a quattro cilindri, ma di prestazioni analoghe ai tricilindrici delle rivali.
 
PROVATE NEL LORO HABITAT - Date le dimensioni ridotte delle sei citycar, in questo confronto abbiamo insistito con lunghe prove nei meandri cittadini e su tortuose stradine di montagna. Ma non sono mancate le trasferte in autostrada per verificare pure la qualità del comfort e una intera giornata in pista a Balocco (VC), dove abbiamo rilevato le prestazioni.
 
QUAL È LA PIÙ CONVENIENTE? - Le tre “cugine” hanno tutte un’ottima dotazione standard (Esp, “clima”, cerchi in lega e 6 airbag); ma tra loro, a conti fatti, la Toyota Aygo risulta più conveniente non solo perché offre di serie il “clima” automatico, la vernice metallizzata e la retrocamera, ma anche per il fatto di essere l’unica che può avere (optional) il navigatore satellitare. La più cara è la Peugeot 108, che in allestimento Allure Top ha anche il tetto apribile elettrico. Il migliore rapporto fra prezzo e dotazione è appannaggio della Kia: disponibile in un unico allestimento, è quella che costa meno, ma offre 6 airbag, “clima”, radio e ben 7 anni di garanzia. Infine, la Fiat Panda ha il climatizzatore di serie (ma per averlo automatico bisogna spendere 410 euro extra), e fa pagare a parte gli airbag laterali (310 euro) anche per l’allestimento più ricco, il Lounge. 
 
NELLE PRESTAZIONI PREVALGONO LE “CUGINE” - Più piccole, più basse e con una massa più contenuta rispetto a quella delle rivali, la Citroën C1, la Peugeot 108 e la Toyota Aygo sono decisamente le più brillanti. In velocità di punta vanno ben oltre i 155-160 km/h prudenzialmente promessi dalle rispettive case: tutte superano largamente i 164 effettivi in quarta marcia (e la Peugeot sfiora i 166). Anche nell’accelerazione da fermo risultano molto più brillanti delle concorrenti: il vantaggio è dell’ordine di un secondo tondo nello “0-100”. D’altronde, sfoderano una convincente progressione, ben sottolineata dal grintoso suono d’aspirazione del 1.0 a tre cilindri, caratterizzato, però, da marce esageratamente lunghe: basti pensare che in seconda si sfiorano i 110 km/h e in terza si arriva addirittura a 150 effettivi (al limitatore di giri). Peccato che la lunghezza dei rapporti si paghi poi in ripresa e costringa a scalare con frequenza.   
 
LA RIVINCITA DELLA MENO VELOCE - Meno vivaci delle rivali allo spunto (passano da 0 a 100 km/h in circa 14”5), la Panda e la Picanto risultano quasi altrettanto veloci. Più distanziata, invece, la i10, che non va oltre i 156,5 km/h effettivi. Ma c’è una spiegazione: pur condividendo il motore con la cugina Kia, ha i rapporti del cambio più corti (a 130 km/h in quinta il motore lavora a 4150 giri contro i 3800 di quello della Picanto). Ed è proprio grazie a ciò che si prende la rivincita in ripresa, svettando di oltre 2” sui 1000 metri da 60 km/h in quinta.
 
PIÙ PICCOLE, MA NON PIÙ AGILI - I rapporti lunghi e il peso contenuto garantiscono un buon vantaggio sul fronte dei consumi, e anche per questo Citroën, Peugeot e Toyota sono in grado di percorrere da 2,5 a 3 km/litro in più delle coreane e dell’italiana: in particolare, nella prova extraurbana la 108 supera i 21 km di percorrenza con un litro di “verde”. Hyundai e Kia (le uniche a utilizzare i freni a disco anche al retrotreno, in luogo dei tamburi), primeggiano invece negli spazi di arresto.
VIDEO




Aggiungi un commento
Ritratto di Moreno1999
16 gennaio 2015 - 15:44
4
Nono ma davvero certi individui andrebbero ALLONTANATI da Internet direttamente. Ma non si vergogna neanche un po', il signor ILoveDR, di quello che pubblica? Veramente c'è da preoccuparsi. Non lo segnalo solo perché vorrei che tutti qui dentro leggessero quello che scrive, altrimenti lo avrei già fatto, come per fargli un favore visto che certe cose non si possono proprio sentire.
Ritratto di IloveDR
16 gennaio 2015 - 17:06
4
spegni il PC e lo Smartphone ed esci di casa, trovati una ragazza e parlagli degli OneDirection, non iniziare a parlarle di auto, altrimenti se ne scappa via!!! PS: Se ti ritieni offeso, segnala pure, qual è il problema!!! @Moreno1999
Ritratto di Moreno1999
16 gennaio 2015 - 17:33
4
Gli One Direction li lascio a mia sorella, grazie. Oggi sicuramente non esco in quanto sto da cani
Ritratto di akira55555
15 gennaio 2015 - 20:19
dr con svariati richiami delle sue superbe auto .. é sull orlo del fallimento informati piuttosto che dire fesserie ..si marchio italiano come no! con auto cinesi .de rigo é solo un importatore cambia solo alcune parti di carrozzeria sai che marchio italiano.
Ritratto di panda07
16 gennaio 2015 - 16:01
1
almeno con una panda ho meno probabilità che rimanga a piedi che con una Dr1!
Ritratto di Franck Dì
17 gennaio 2015 - 08:50
"Dr motors è l'unica azienda automobilistica italiana con sede in Italia e questo vi fa girare le balls" ahahahahahahah che ridere.... la dr è un "azienda" italiana che non produce alcun modello ma bensì importa modelli cinesi che fanno c4g4re e hanno una marea di problemi e pezzi di ricambio introvabili (lo dice il nonno di un mio amico possessore di una dr1) altro che " vi fa girare le balls"... "italianofili traditi"???? traditi da chi?? ahahah parli proprio tu che un azienda italiana vende auto cinesi con qualità scadente e pericolosa... un italiano venduto ai cinesi...
Ritratto di AMG
15 gennaio 2015 - 16:43
Vincono il trio Pugeot-Citroen-Toyota. In ordine prima la Ago poi 108 e ultima C1. Le altre due non le prenderei mai non mi piacciono. E la panda è nella lista solo perché siamo italiani e dobbiamo farci pubblicità?
Ritratto di napolmen2
15 gennaio 2015 - 17:15
..e' la regina del segmento e quindi giusto inserirla
Ritratto di Antonio Gasbarro
15 gennaio 2015 - 19:37
Il trio, sono carine,ma più piccole.La nostra Panda e carina,simpatica,e più macchina.Viva L'Italia.
Ritratto di Ivan92
15 gennaio 2015 - 16:43
8
Personalmente delle vetture provate ritengo la 108 in cima alla classifica assieme alla Aygo.
Pagine