NEWS

Consumer Report: la classifica di affidabilità 2017

26 ottobre 2016

Riferita al mercato Usa, tra le marche, conferma al primo posto la Lexus davanti alla Toyota, mentre gli ultimi posti sono tutti della FCA.

Consumer Report: la classifica di affidabilità 2017

VITTORIA SCONTATA - L'organizzazione nonprofit statunitense Consumer Report ha stilato anche quest’anno la classifica sul grado di affidabilità registrato fra le case automobilistiche e le vetture in commercio negli Usa, il Car Reliability Survey 2017, fornendo così un utile strumento prima dell’acquisto di un’automobile nuova o usata. La valutazione fornita alle automobili è il risultato di un processo molto accurato. Gli esperti di Customer Report hanno raccolto i giudizi su oltre 500.000 automobili prodotte fra il 2000 e il 2015, inviati dagli abbonati alla rivista, chiamati ad esprimersi su 17 possibili fonti di problemi: nella lista erano presenti difetti meno gravi (i cigolii interni, la rottura di una placchetta sulla plancia) o inconvenienti più seri, come ad esempio quelli causati dalla trasmissione o dalla trazione integrale. Ogni difetto è stato bilanciato in relazione alla sua gravità. Consumer Report ha poi combinato valutazioni precedenti, relative al grado di soddisfazione espresso dai clienti, alla sicurezza ed a test in circuito effettuati dal magazine. Il giudizio finale, su base percentuale, è stato suddiviso quest’anno in fasce di merito: più affidabili (da 100 a 81 punti), affidabili (da 80 a 41 punti) e meno affidabili (da 40 a 0 punti).

SUBARU IN DISCESA - In vetta alla classifica si è posizionata la Lexus (86 punti), al comando anche nel 2015, che precede la Toyota (78 punti) e conferma l’ottima reputazione del gruppo giapponese in termini di affidabilità: Consumer Report, non a caso, parla di risultato scontato. Il podio è completato dalla Buick (75 punti), settima nel report dell’anno scorso, che deve confermare nei prossimi mesi quanto di buono fatto negli scorsi: molte automobili della Buick sono in commercio da anni e quindi più “rodate”, ma secondo Consumer Report non è detto che quelle introdotte nel 2016 si rivelino altrettanto affidabili. Nella categoria delle case più affidabili si trovano l’Audi (71 punti), la Kia (69 punti), la Mazda (68 punti), la Hyundai (66 punti) e la Infiniti (62 punti). Quest’ultima, in particolare, ha guadagnato 16 posizioni rispetto allo studio del 2015. Sei invece ne ha perse la Subaru (54 punti), “tradita” dai problemi accusati sulla berlina Legacy e la station wagon Outback. La BMW ha ottenuto 57 punti ed è la prima casa fra quelle affidabili, alla pari con la Honda, ma nello stesso raggruppamento si trovano anche le Porsche (45 punti), Mercedes e Ford (44 punti).

LA PARTE BASSA - Il giudizio è negativo invece per le Volvo (40 punti), Volkswagen (30 punti), Jeep (30 punti), Tesla (28 punti) e per i marchi del gruppo FCA, che occupano le ultime quattro posizioni: al fondo della graduatoria si trovano le Dodge (28 punti), Chrysler (26 punti), Fiat (17 punti) e Ram (16 punti). Tutte, ad eccezione della Fiat, hanno perso terreno rispetto all’anno scorso. La Dodge viene penalizzata dalla Dart, la Chrysler dalla 200 e la Fiat dalla 500L, che per il terzo anno di fila è l’automobile meno affidabile fra quelle esaminate. 

MODELLI: I 10 PEGGIORI E I 10 MIGLIORI - Consumer Report ha elencato poi le 10 vetture più affidabili e meno affidabili, non mettendole in fila per valori ma soltanto elencandole: più affidabili sono risultate essere le Toyota Prius, Lexus CT200h, Infiniti Q70, Audi Q3, Lexus GX, Lexus GS, Mercedes GLC, Chevrolet Cruze, Audi Q7 e Toyota 4Runner, mentre all’estremo opposto vengono segnalate le Fiat 500L, Ford Fiesta, Chevrolet Tahoe/GMC Yukon, Ram 2500, Tesla Model X, Chrysler 200, Chevrolet Suburban/GMC Yukon XL, Jeep Renegade, Ford Focus e Cadillac Escalade.

LA CLASSIFICA DELLE MARCHE

Posiz. 2017 Differenza con 2016 Marca No. di modelli Indice di affidabilità medio
Pià affidabili
1 - Lexus 9 86
2 - Toyota 12 78
3  4 Buick 4 75
4  1 Audi 7 71
5  1 Kia 4 69
6  2 Mazda 5 68
7  2 Hyundai 7 66
8  16 Infiniti 4 62
Affidabili
9  2 BMW 8 57
10  2 Honda 7 57
11  6 Subaru 5 54
12  6 Acura 5 53
13  2 Nissan 9 52
14  4 Mini 2 47
15  5 Chevrolet 15 45
16  2 Porsche 2 45
17  4 Mercedes-Benz 6 44
18  1 Ford 14 44
Meno affidabili
19  7 Volvo 4 40
20  4 Lincoln 3 33
21  4 Cadillac 4 32
22  9 Volkswagen 8 30
23  4 Jeep 5 30
24  5 GMC 7 29
25 NA Tesla 2 28
26  3 Dodge 5 28
27  5 Chrysler 2 26
28 - Fiat 2 17
29  3 Ram 2 16




Aggiungi un commento
Ritratto di tody
26 ottobre 2016 - 19:49
2
Strano che tra VW e Audi c'è così tanto gap, dato che condividono gran parte dei componenti!
Ritratto di mika69
26 ottobre 2016 - 20:44
Infatti, lo pensavo anche io. Mi stupisce Volvo.
Ritratto di MAXTONE
26 ottobre 2016 - 21:01
Non è affatto strano in quanto VW vende la maggior parte dei suoi modelli in USA solo Jetta e Golf e, in misura minore, Passat. Tali modelli sono stati acquistati anche li, spesso, a gasolio, ovviamente prima del dieselgate. Audi invece il grosso delle sue vendite lo fa con A4/A5, A6,Q5 e Q7 le quali sono acquistate quasi esclusivamente a benzina. Solo l'A3 Sedan ha avuto popolarità col diesel ed infatti e' il modello peggiore della gamma in questa classifica. Non c'entra nulla il dieselgate ma la minore affidabilità dei diesel in confronto ai benzina oggi, problema comune a tutti i marchi o quasi e non certo solo di VW
Ritratto di Anonimo
Anonimo (non verificato)
26 ottobre 2016 - 21:14
Commento rimosso a seguito della cancellazione dell'utente dal sito.
Ritratto di MAXTONE
26 ottobre 2016 - 21:59
Perché oggi più che mai e' molto più delucato che in passato. Basta una microgoccia d'acqua nel gasolio o anche solo fare il pieno di gasolio di qualità inferiore alla media per ritrovarsi la spia recovery accesa. La stessa può accendersi anche se lo si usa prettamente nel traffico in città o comunque quando si procede incolonnati a lungo. Situazioni queste ultime che non manderebbero mai un benzina in crisi anche data l'assenza di componenti quali FAP o ADblue. Va altresì considerato, e questo esula dal discorso del diesel vs benzina, che è più che normale che un A4/A5, un A6 o una Q7 vantino un grado di affidabilità molto superiore ad una Golf/Jetta o Passat: Costano il doppio quando non il triplo. Dunque e' normalissimo che Audi sia andata molto meglio di VW. I suoi modelli e con le motorizzazioni vendute negli USA hanno poco a che vedere con quelli, comunque ottimi, di VW.
Ritratto di Zot27
26 ottobre 2016 - 22:29
aggiungo che probabilmente in vari distributori italiani il gasolio è additivato con liquidi schifezza
Ritratto di MAXTONE
26 ottobre 2016 - 22:49
Per dire: La maggior parte delle A8 circolanti negli USA sono tutte 4.2 V8 FSI quando non addirittura W12, in Europa le prendono in larga parte 2.5 TDI...ora dimmi tu sotto una massa del genere quale tipo di motore si rivelerà più affidabile (a prescindere dai consumi, quelli non dovrebbero essere neppure l'ultimo dei pensieri per chi compra una segmento F) dei grossi V8 o W12 aspirati o un piccolo, per l'auto, 2.5 turbodiesel? Ma anche per la Lexus vale un discorso simile: Se le IS vendute in America fossero state 220d (l'unico diesel mai apparso su una Lexus, GX a parte ma questo e'un altro discorso) anziché 250 e 350 (300 nella prima generazione) pensi che avrebbero ripetutamente conquistato la vetta della classifica? Evidentemente no o almeno non per come la vedo io.
Ritratto di Anonimo
Anonimo (non verificato)
27 ottobre 2016 - 15:47
Commento rimosso a seguito della cancellazione dell'utente dal sito.
Ritratto di Brock
30 novembre 2017 - 14:51
ma guardat che nelle amriche stanno puntondo verso motori turbo di piccole cilindrate e i grossi motori ormai sono per pochi come lo sono in Italia o in europa. le giapponesi, che nelle americhe sono le padrone del mercato, ormai hanno abbandonato i v6 tranne poche eccezioni
Ritratto di Anonimo
Anonimo (non verificato)
27 ottobre 2016 - 15:45
Commento rimosso a seguito della cancellazione dell'utente dal sito.
Pagine