NEWS

Crash test per Ford Focus e Volvo XC40

18 luglio 2018

Nell'ultima sessione dell'Euro NCAP attribuite le 5 stelle a Ford Focus e Volvo XC40. A giudizio anche la BMW X4, dopo il test sulla “sorella” X3.

Crash test per Ford Focus e Volvo XC40

VOTI ALTI - Non regala sorprese la seconda sessione di test del 2018, svolte dall'ente Euro NCAP per valutare la sicurezza delle nuove automobili. A finire contro le barriere sono state, come sempre, due vetture di recente introduzione sul mercato: in questo caso Ford Focus e Volvo XC40, oltre alla suv media BMW X4, che è stata provata ad integrazione del test della “sorella” X3 dello scorso anno, sostanzialmente identica dal punto di vista strutturale. Tutte hanno raggiunto la valutazione massima di 5 stelle, seppur con risultati differenti nelle varie prove, che sono: di impatto per valutare la sicurezza degli adulti e dei bambini dopo uno scontro, di protezione offerta ai pedoni e di bontà dei sistemi elettronici di prevenzione degli incidenti.

COLPO DI FRUSTA - La Ford Focus (foto qui sopra) ha ottenuto un punteggio ottimo ma non eccellente (85%) nei test sulla protezione degli adulti, visto che il collo dei passeggeri anteriori non è ben protetto in caso di tamponamento. La berlina ha dimostrato però di assorbire correttamente l'energia generata dopo un impatto contro una barriera colpita in pieno o fuori asse: in questi casi la protezione per la testa e per la zona pelvica è sempre buona (il massimo possibile), mentre per il tronco è adeguata. La Focus si è distinta anche nei test sulla protezione dei bambini (87%) e dei pedoni (72%), ma ha scontato un piccolo malfunzionamento del sistema di frenata automatica d'emergenza, poco efficace quando un ciclista attraversa la strada perpendicolarmente all'auto.

NON AMA I CICLISTI - La Volvo XC40 (foto qui sopra) si è dimostrata l'auto più sicura di questa sessione di test, complice il validissimo 97% nei test sulla protezione degli adulti, che la fa diventare il quinto modello più sicuro in questo frangente testato negli ultimi tre anni. La suv svedese ha ottenuto un giudizio ottimo anche nei test sulla protezione dei bambini a bordo (87%), ma non ha eccelso nelle altre prove. Nella prova d’investimento del pedone si è rivelata perfettibile a causa di mancanze nella zona dei fari e dei montanti del tetto, che non riparano adeguatamente il bacino e la testa delle persone investite, mentre il sistema di frenata automatica d'emergenza è andato in crisi per “colpa” dei ciclisti: la sua efficacia non è stata considerata ottimale negli attraversamenti in perpendicolare e quando il ciclista pedala a bordo strada con l'auto in mezzo alla corsia.

DURA PER IL BACINO - Il risultato della BMW X4 non è stato in linea con le attese sul fronte dei sistemi elettronici di sicurezza atti a prevenire gli incidenti, dove la suv ha ottenuto una valutazione pari al 58%. Come sulle X3 anche in questo caso pesa la mancanza del dispositivo di mantenimento della corsia, non previsto sull'esemplare del test ma ordinabile in opzione. La X4 si è distinta nei test sulla protezione di adulti (93%) e bambini (84%) e difesa in quelli dei pedoni (70%), dove non si è rivelata convincente la protezione della zona pelvica.

I TEST IN SINTESI

 

VALUTAZIONE FINALE

SICUREZZA PASSIVA (ADULTI)

SICUREZZA PASSIVA (BAMBINI)

PROTEZIONE PEDONI

SICUREZZA ATTIVA

FORD FOCUS

5 stelle

85%

87%

72%

75%

VOLVO XC 40

5 stelle

97%

87%

71%

76%

BMW X4

5 stelle

93%

84%

70%

58%

 

Aggiungi un commento
Ritratto di Roomy79
18 luglio 2018 - 22:27
1
Per anni ai primi posti dei crash -test c’e stata Renault ( che non produceva di sicuro auto premium e non è famosa per affidabilità), perché erano i primi a investire sulle tecnologie di sicurezza insieme a Volvo. Premium o qualità degli assemblaggi e simili non c’entrano nulla, io trovo scandaloso che nel 2018 un x4 da 60.000 € non abbia il mantenimento di corsia di serie anche in versione base, quando lo si trova persino sulle segmento B. Su pelle, display-tablet, cerchi da 20”, giochino pure a soennare i clienti con gli oprional, ma sulla sicurezza dovrebbero offrire uno standard full a partire dalla serie 1 visti i prezzi.
Ritratto di Boys
18 luglio 2018 - 18:59
1
Bene la Ford Focus e anche la Volvo.....la cosiddetta premium un po meno...ma premium è tutto un dire...Volvo farebbe parte di esse e se guardiamo gli interni di Bmw serie 1-2-3 sono premium?? mah......cose strane....
Ritratto di Ale94
18 luglio 2018 - 18:59
Complimenti a Volvo!
Ritratto di Giuliopedrali
18 luglio 2018 - 19:35
Parecchie BMW e giapponesi anche di categoria molto elevata non sono più sicure di una Polo.
Ritratto di Moreno1999
18 luglio 2018 - 21:41
4
Scusami?
Ritratto di Giuliopedrali
19 luglio 2018 - 08:53
Be si se uno guarda le auto che prendono 5 stelle nei crash test non trova facilmente auto giapponesi, in quello sono un po' carenti come anche le coreane ed americane. Le cinesi invece gli ultimi modelli sono molto sicure contrariamente a ciò che si pensa.
Ritratto di Mbutu
19 luglio 2018 - 11:28
Ma cosa stai dicendo? Diamo una rapida occhiata agli ultimi 3 anni? Lasciamo perdere le "grandi" che da HRV a Levorg passando da CX5 e CHR hanno tutti 5 stelle. Fra quelle che euroncap chiama supermini dove la normalità sono le 3 stelle i giap offrono delle perle come yaris e jazz a 5 stelle ed altre come micra ed ignis che con i pack ci arrivano. Ed aggiungo che anche laddove si fermano a 3 stelle è comunque un 3 stelle "alto".
Ritratto di Giuliopedrali
19 luglio 2018 - 15:49
Se guardi tanti ma tanti crash test soprattutto in USA dove vengono importate tantissime giapponesi, noti proprio che le europee sono quasi sempre una spanna sopra giap e USA.
Ritratto di Mbutu
19 luglio 2018 - 16:24
Io ho guardato i risultati di euroncap, mica mi sono messo ad un incrocio a vedere come andavano gli incidenti. La tua affermazione è stata "se uno guarda le auto che prendono 5 stelle nei crash test non trova facilmente auto giapponesi" condita da un "sono un po' carenti". La tua affermazione è semplicemente una vaccata sesquipedale. Mi sono guardato al volo anche un po' di risultati dell'iihs ...anche in usa avresti detto una vaccata.
Ritratto di Giuliopedrali
19 luglio 2018 - 21:10
Forse ne hai visti troppo pochi per poter fare una statistica.
Pagine