NEWS

Crolla ponte autostradale a Genova sull'A10

14 agosto 2018

Una scena apocalittica: il grande viadotto che attraversa la valle del torrente Polcevera è crollata. Non si conosce ancora il bilancio della tragedia.

Crolla ponte autostradale a Genova sull'A10

SOPRA LA CITTÀ - Il grande e sempre affollato ponte che a Genova unisce l’autostrada A7 con la A10 e l’uscita autostradale per il centro cittadino, è crollato poco prima di mezzogiorno. Sotto il viadotto ci sono strade, ferrovie e tanti edifici, di abitazione e di attività varie, anche se la parte crollata è quella che superava il letto del Polcevera. La via principale investita è via Fillack nel quartiere Rivarolo del capoluogo ligure.


Nel cerchio la zona dove è avvenuto il disastro.

MEZZO SECOLO - L’immagine del ponte senza la porzione centrale crollata ha qualcosa di irreale. Intanto le prime notizie diffuse dal quotidiano genovese Secolo XIX parlano di almeno 10 vittime e numerosi feriti. Ma il bilancio è assolutamente provvisorio. L’intero ponte ha una campata di un chilometro, con altezza massima di 90 metri. Era stato inaugurato nel 1967, dopo quattro anni di lavori. La struttura è molto snella, con la campate sostenute da fasci di grandi cavi d’acciaio.


Nell'immagine qui sopra, evidenziato in rosso, il pilone crollato.

Aggiungi un commento
Ritratto di MirtilloHSD
15 agosto 2018 - 15:32
4
Sono stati appena pubblicati documenti dove viene semplicemente mostrato che due anni fa si sapeva già del pericolo di quel ponte, però nessuno intervenne.
Ritratto di MirtilloHSD
15 agosto 2018 - 15:34
4
Tre anni fa, perdonatemi. Quindi, non diamo la colpa al nuovo Governo.
Ritratto di Thresher3253
15 agosto 2018 - 15:39
Veramente le proposte sono state portate avanti, bloccate dall'allora opposizione.
Ritratto di MirtilloHSD
15 agosto 2018 - 15:46
4
Sicuro? Perché questi documenti sono interrogazioni parlamentari all'allora Ministro dei Trasporti. L'opposizione non c'entra.
Ritratto di ratio
15 agosto 2018 - 16:38
Scrivo nuovamente per aprire una riflessione sul rapporto prezzo pedaggio autostrada/ qualita' servizio e sicurezza. In Svizzera la vignetta x 14 mesi costa 35 euro circa. Da noi con una cifra del genere non riesci nemmeno a fare una singola corsa sulla A4. Quindi i gestori delle Autostrade in Italia hanno grossi margini di guadagno e minimi investimenti nella sicurezza (in molti tratti non c'e' l'asfalto drenante), senza contare il disagio di stare in coda ai caselli, cosa che non avviene in quei paesi dove vige la vignetta. A mio avviso la gestione autostrade deve andare in mano allo Stato
Ritratto di MirtilloHSD
15 agosto 2018 - 16:44
4
È proprio vero che la vignetta è conveniente, per più di un anno si viaggia con 40 franchi. Circa l'asfalto drenante, mi ricordo quella volta in cui andai a Verona con un nubifragio. Solo la corsia di sorpasso era drenante, così le auto sollevavano molta acqua. Sulle code al casello, non posso dire niente in quando ho il Telepass.
Ritratto di Agl75
15 agosto 2018 - 21:51
@ratio parto dalla conclusione: magari ridiamo allo Stato anche Alitalia? L’intervento è scomposto e privo di logica: asfalto drenante, vignette, Stato, le code ai caselli, aggiungiamo anche un caffè? Con ordine: la Svizzera ha uno sviluppo autostradale che è meno di un quarto di quello Italiano. La Germania sta cercando il modo di rendere le proprie autostrade a pedaggio anche per le auto mentre i camion pagano già. In Austria la vignette costa 86€ per un anno e a parte si pagano alcune tratte, trafori o ponti. Giustissimo pretendere dai gestori una manutenzione attenta dei vari tratti autostradali ma anche corretto riconoscere un giusto pedaggio (attualmente è troppo elevato) e facciano pagare anche a sud. Il telepass aiuta e non poco a evitare code ai caselli: si introduca l’obbligo e la gratuità del dispositivo. Tutto ha soluzioni semplici ma alla politica ciò interessa molto poco.
Ritratto di MirtilloHSD
15 agosto 2018 - 22:22
4
Rimanendo su tema pedaggi, mi ricordo che in Danimarca (e mi pare anche negli altri ricchi Paesi Scandinavi) il pedaggio si fa pagare solo sulle infrastrutture stradali appena costruite, per ripagarne i lavori. Quando l'opera è stata completamente finanziata, l'autostrada diventa gratuita. Sistema intelligente e giusto.
Ritratto di ratio
15 agosto 2018 - 23:16
@AR75 / Ah ora ricordo di te..sei quel tizio che tempo fa mi sciveva "dall'alto dei tuoi diciotto anni bla bla.." cosi senza neanche sapere nulla di me solo per denigrare il mio commento. Magari avessi diciotto anni ma ne ho qualcuno in piu' tanto che ricordo benissimo le ore che ho passato sotto le macerie di casa mia nel sisma del 76 e oggi con i capelli bianchi sono ancora qua a sprecare il mio tempo da miracolato con te. Ingegnere attenzione, faccio appello alla tua intelligenza di persona studiata: non mi interessa replicare ai tuoi post, non l'ho mai fatto (salvo ora) e sono certo che anche tu in futuro ti comporterai di conseguenza. Saluti
Ritratto di ratio
15 agosto 2018 - 23:46
pensiero ad alta voce: Ma cosa centra Alitalia con Autostrade x l'ltalia? ma che paragone e' questo? Alitalia andava chiusa ancor prima del "salvataggio" di Berlusconi (con i nostri soldi) tanto ci sono altre compagnie che offrono lo stesso servizio. Le autostrade, invece, non le puoi chiudere ma si puo' giustamente pretendere una gestione non criminale della rete che forse solo lo Stato riuscira' a garantire con un Governo diligente che mi pare abbia gia' dimostrato di voler tradurre parole in fatti. Infine, in molti tratti anche se disponi di telepass comunque rimani imbottigliato nella coda che si forma molti km prima del casello in particolare in questi periodi...salvo che non arrivi il furbetto che corre sulla corsia di emergenza x arrivare subito al telepass. Caffe? no grazie
Pagine