Cupra Formentor: ora si fa sul serio

22 febbraio 2019

Il marchio della Seat presenta la concept Formentor, una suv sportiva con un sistema ibrido da 245 CV.

Cupra Formentor: ora si fa sul serio

VA DA SOLA - Dopo la separazione dalla Seat, avvenuta a febbraio 2018 (prima firmava i suoi modelli “pepati”), la Cupra aveva bisogno di auto veloci e distintive per affermarsi come marchio sportivo. La Cupra Ateca è stata un buon inizio, ma il suo aspetto sobrio è ancora troppo simile alla tranquilla Seat Ateca. Questo non vale per il prototipo Cupra Formentor, una suv dal look sportiveggiante attesa al Salone dell’automobile di Ginevra (7-17 marzo) che anticipa la prima auto sviluppata in modo indipendente dal marchio spagnolo, che resta comunque integrato con la Seat per tutti gli aspetti.

NON PASSA INOSSERVATA - La Cupra Formentor è una suv con dettagli marcati, a partire dal fascione anteriore ricco di aperture per il raffreddamento e dai sottili fari, all’insù per rendere lo “sguardo” più espressivo. Un bel tocco di sportività arriva dalle scalfitture sul cofano anteriore e dall’ondulazione sulla fiancata, che unisce visivamente il passaruota anteriore con quello posteriore. La “coda” è molto personale, complice il tetto discendente, il lunotto inclinato e il grande spoiler. I quattro scarichi e l’estrattore dell’aria posteriore sono tipici delle sportive, mentre i fanali posteriori uniti sono un dettaglio ispirato alla Seat Tarraco, che stando alle indiscrezioni dovrebbe “prestare” l’ossatura a questa suv.

SEDILI DA CORSA - L’interno ha un look meno “estremo” rispetto alla carrozzeria e, infatti, appare piuttosto sobrio. Spiccano i sedili sportivi con il guscio in fibra di carbonio, oltre al volante appiattito in basso, mentre la strumentazione digitale e lo schermo a sfioramento di 10” nella consolle sono concessioni alla tecnologia indispensabili anche su una vettura d’impronta sportiva. A spingere la Cupra Formentor c’è un sistema ibrido plug-in da complessivi 245 CV, che si avvale di batterie ricaricabili alla spina: in modalità elettrica, stando alle prime informazioni, la Formentor può percorrere fino a 50 km. Il prototipo è dotato inoltre del cambio robotizzato DSG e del controllo attivo dell’assetto, per variare il molleggio in funzione della strada.

Cupra Formentor
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
93
74
39
26
44
VOTO MEDIO
3,5
3.528985
276




Aggiungi un commento
Ritratto di Giuliopedrali
25 febbraio 2019 - 09:33
Che non sia invece una 8C o 6C che ti costruisce anche l'officina in periferia di Ladispoli o Voghera...
Ritratto di Marco_Tst-97
25 febbraio 2019 - 10:02
Ahahah, a parte che non credo, perché per stessa ammissione dei dirigenti il marchio dovrà per prima cosa lanciare dei crossover, perché più redditizi e (vedere vendite Stelvio rispetto a Giulia) preferiti dalla clientela, ma anche se fosse non sarebbe male neanche quello. Cioè, hai idea di che cosa potrebbe essere una supersportiva, come la Montréal o la 33 stradale, o ancora l'esclusiva Disco Volante? Tu parli delle coupé come se fossero un cancro, degno solo delle periferie, ma, a parte le considerazioni sulle periferie (prese sempre come modello negativo mentre se ben servite dovrebbero essere io centro dell'espansione del centro abitato), le coupé sono ancora la tipologia di auto dalla linea più dinamica, dalla guidabilità più spiccata e sportiva e che più fanno effetto su strada. Se pensi a quanto siano basse, si notano invece di più di qualsiasi altissimo SUV e sicuramente si distinguono di più di qualsiasi crossover.
Ritratto di Giuliopedrali
25 febbraio 2019 - 18:55
L'Alfa 33 era alta 1,31 cm cioè meno della stra grande maggioranza dei coupé, ma aveva 5 porte un prezzo abbordabile e rendeva perfettamente inutili i coupé, quella era un Alfa!
Ritratto di Marco_Tst-97
25 febbraio 2019 - 22:11
Era una berlina, punto. Le coupé di allora erano ancora più basse, semplicemente la 33 è stata figlia del suo tempo.
Ritratto di Giuliopedrali
26 febbraio 2019 - 08:31
Guarda quanto era bassa la Porsche 911 sempre un metro e 31...
Ritratto di Marco_Tst-97
26 febbraio 2019 - 09:12
La Porsche 911 non era particolarmente bassa: pensa piuttosto ad una Lamborghini Countach, con il suo 1,06 m di altezza, oppure alla concept car Alfa Romeo 33 Bertone Carabo, alta neanche un metro (990 mm, per la precisione). O ancora la Ferrari 512 BB, alta anch'essa solo 1,12 m. Ora dovrebbe essere chiaro che la tua tanto acclamata 33 coupé con 5 porte fosse soltanto una berlina di altezza equivalente alle altre. E giusto per concludere, anche una Ford Escort dell'epoca aveva un'altezza complessiva di circa 1,36 m, solo uno in più rispetto alla 33, come anche la Peugeot 309 aveva un'altezza di 1,38 m, pur non essendo una berlina dal carattere sportivo spiccato. E così sugli stessi valori si trovavano la Volvo serie 300, la Rover 200, e soprattutto modelli come la BMW serie 3 E30 (1,36 m, con la successiva E36 alta addirittura solo 1,33 m), o la Audi 80 e soprattutto la Mercedes W201(1,36 m). Poi a partire dagli anni 90 TUTTE le auto che andarono a sostituire queste sono diventate più alte, quindi non si è trattato di un unicum, ma di una necessità dettata probabilmente da questioni di spazio e di maggiori rivestimenti (ricordare che spesso i pannelli porta erano sottili sfoglie, rispetto a quelli odierni che sono piuttosto spessi, abbastanza da poggiarci sopra il braccio, e che anche i rivestimenti di pavimento e cielo vettura erano molto sottili, mentre oggi fra insonorizzanti, imbottiture e vari e simili lo spazio viene di molto ridotto).
Ritratto di bridge
22 febbraio 2019 - 23:02
1
Bellissima! Peccato per gli interni un po' cupi...
Ritratto di Mimas Turbo
23 febbraio 2019 - 08:57
2
Interessante, si distacca dagli stilemi classici del gruppo vag. Unica pecca,a mio avviso, gli interni troppo sobri e simili a quelli del Tarraco.
Ritratto di gbvalli
23 febbraio 2019 - 09:36
1
Che bella! Secondo me dovrebbero farle tutte così le auto: alte da terra, ma non alte come armadi, pratiche e gradevoli esteticamente. La più bella in questo - purtroppo- limitato settore rimane la Mercedes GLA ; chissà che sia l'inizio di un'espansione.
Ritratto di marcoluga
25 febbraio 2019 - 07:30
2
Concordo al 100%
Pagine