NEWS

Dal 25 luglio 2018 sarà attivo il nuovo Tutor

12 luglio 2018

Fra 13 giorni entrerà in funzione il SICVe-PM per la misurazione della velocità media in autostrada, il sistema che prende il posto del Tutor.

Dal 25 luglio 2018 sarà attivo il nuovo Tutor

16 TRATTI - Mercoledì 25 luglio 2018 verranno attivati in sedici tratti autostradali italiani i sistemi per la misurazione della velocità media SICVe-PM, che la società Autostrade per l'Italia metterà in funzione dopo essere stata costretta a spegnere il Tutor (qui la news). Il sistema SICVe-PM verrà acceso in 16 tratti autostradali a rischio incidente, dove erano più elevati i tassi di mortalità prima dell'entrata in funzione del Tutor: fra questi ci sono ad esempio il tratto dell'Autostrada A1 Milano-Napoli all'altezza del casello Modena Sud, in direzione Bologna; il tratto fra Celle Ligure e Albisola in direzione Savona dell'Autostrada A10 Savona-Ventimiglia; il tratto fra San Lazzaro e Castel San Pietro in direzione Ancona sull'Autostrada A14 Adriatica.

STESSO FUNZIONAMENTO - A seguire il sistema SICVe-PM verrà messo in funzione negli stessi punti in cui era presente il Tutor, ha fatto sapere Autostrade per l'Italia, l'azienda privata che gestisce in concessione gran parte della rete autostradale italiana e che negli ultimi tre mesi ha dovuto far fronte alla sentenza della Corte d’appello di Roma, che lo scorso 10 aprile ha stabilito che il sistema Tutor (rileva la velocità media delle auto in autostrada) viola un brevetto depositato oltre 12 anni fa da un'azienda fiorentina. Autostrade per l'Italia si è trovata costretta a disattivare, rimuovere ed eventualmente distruggere i Tutor. Dal 25 luglio entrerà in funzione un sistema alternativo ma con le stesse funzionalità, il SICVe-PM, che misura la velocità media all'interno di un tratto autostradale delimitato da due portali.

DOVE VERRÀ RIATTIVATO INIZIALMENTE

Aggiornamento del 13 luglio ore 10 - La società Autostrade in merito alla notizia sopra riportata ha volute precisare che: "In relazione alle indiscrezioni pubblicate sul sito di ASAPS sulla prossima attivazione di nuovi sistemi di rilevazione della velocità media sulla rete, Autostrade per l'Italia precisa che ogni valutazione e decisione puntuale circa le tratte, i tempi e le modalità di attivazione è di competenza della Polizia Stradale. Le informazioni già diffuse in questa fase, quindi, non hanno alcun fondamento".





Aggiungi un commento
Ritratto di Signor_P
13 luglio 2018 - 11:32
ho fatto 380 km in prima corsia a 110 spostandomi in seconda per il sorpasso non più di 10 volte, ma ho sorpassato almeno 30 auto che erano in seconda corsia restando in prima corsia (la morosa rompeva e andava in ansia, ma cosa avrei dovuto fare? spostarmi dalla prima alla terza per quegli idioti che vanno a 90 in seconda con la prima libera?). e aggiungo che più corsie ci sono e più la demenza spazia, perché a volte occupano pure la terza se ci sono quattro corsie...
Ritratto di slimer
13 luglio 2018 - 12:47
Hai fatto benissimo. Non hai sorpassato ma superato le auto che occupavano la corsia centrale come ammesso e concesso dal Codice della Strada.
Ritratto di AMG
13 luglio 2018 - 13:18
Bravo! Perché hai perfettamente ragione e non è come spostarsi in fretta a dx per sorpassare, è semplicemente proseguire sulla tua corsia in quanto libera! Ma davvero, quando le corsie aumentano le persone diventano ancora più de...... se si potesse calcolare quante code e quanto tempo perso generano questi parassiti ci sarebbe da rimanere secchi...
Ritratto di insideblak
13 luglio 2018 - 14:05
Sono pienamente d'accordo con te signor P e se non sbaglio sorpassare a destra in autostrada nelle condizioni descritte da te, non dovrebbe essere un'infrazione.
Ritratto di Paolo-Brugherio
13 luglio 2018 - 15:03
6
Beh, anch'io uso lo stesso comportamento: viaggio nella corsia di destra e - spesso - mi ritrovo a viaggiare più veloce di parecchi impediti che "passeggiano" nella corsia centrale... Con un colpo di clacson talvolta qualcuno poi si sposta a destra, ma la maggior parte continua a piantonare la corsia centrale e a fare da tappo a che segue. Quanto mi piacerebbe che tutti questi sprovveduti venissero regolarmente sanzionati!
Ritratto di Lo Stregone
13 luglio 2018 - 16:23
Alcuni di loro credo invece che sappiano benissimo dove si trovano, ma non si spostano in alcun modo; se qualcuno li sorpassa a sinistra andando più veloce, si allargano leggermente a destra per dare più spazio sulla strada e poi ritornano esattamente dove si trovavano poco prima.
Ritratto di AMG
13 luglio 2018 - 13:16
Con questa frase apri un mondo.... QUANTA VERITA'
Ritratto di Pierre Cortese
12 luglio 2018 - 20:26
1
Che palle...ma se uno deve tir@re un po' perché a 90 si ingolfa pure un cinquantino si può sapere dove deve andare? Che poi non c'è mai una velocità fissa tipo 130 e basta, oscilla continuamente tra i 90 e i 130 (quando tra l'altro negli anni 80 era di 140). Mi piacerebbe sapere perché oltre alle tante buone battaglie per la cancellazione del bollo, della manutenzione delle strade etc. Non ce n'è mai nessuna per far alzare almeno a 160 questi limiti ridicoli. Ci sono molti meno morti in Germania sulle autobahn che qui. Poi dice che uno vanta tanto i tedeschi...e ti credo, sono anni luce più evoluti di noi, al confronto sono quasi una civiltà aliena avanti di migliaia di anni.
Ritratto di PongoII
12 luglio 2018 - 21:20
7
Per "svalvorare" c'è la pista. Oppure le Autobahn. I Tedeschi (e gli stranieri in generale) a casa loro sono disciplinati e rispettosi della Legge. Poi, stranamente, mutano di mente e di comportamento valicato il confine: sarà forse un caso che i tre "cruccofoni" (D, A, CH) siano in Champions League dei Telepass "bruciati" e dei Tutor "sbeffeggiati".
Ritratto di Paolo.bravo
12 luglio 2018 - 22:11
Caro Pierre, sei mai stato per due settimane di fila in Germania? Io penso di no perché solo nella semplicità delle varianti del cibo e bevande, secondo me, cambieresti idea riguardo all'evoluzioni della specie :) Saluti
Pagine